(AGENPARL) – Roma, 28 settembre 2021 – Lunedì (27 settembre 2021) il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha incontrato virtualmente il consigliere di Stato e ministro degli Affari esteri Wang Yi della Repubblica popolare cinese ed hanno discusso delle relazioni NATO-Cina nonchè hanno scambiato opinioni sulle attuali sfide alla sicurezza internazionale.

«Il Segretario generale ha accolto con favore il dialogo in espansione tra la NATO e la Cina e ha rilevato il potenziale per un ulteriore impegno sulle sfide comuni, come il cambiamento climatico», si legge in un comunicato stampa della NATO.

«Il Segretario Generale ha ricordato che la NATO non vede la Cina come un avversario, ma ha invitato la Cina a mantenere i suoi impegni internazionali e ad agire responsabilmente nel sistema internazionale. Ha sollevato le preoccupazioni della NATO per le politiche coercitive della Cina, l’espansione dell’arsenale nucleare e la mancanza di trasparenza sulla sua modernizzazione militare. Il Segretario Generale ha esortato la Cina a impegnarsi in modo significativo nel dialogo, nel rafforzamento della fiducia e nelle misure di trasparenza per quanto riguarda le sue capacità e la sua dottrina nucleare. Ha sottolineato che la trasparenza e il dialogo reciproci sul controllo degli armamenti andrebbero a beneficio sia della NATO che della Cina», prosegue il comunicato della NATO. 

«Il Segretario Generale e il Ministro degli Esteri cinese hanno anche discusso degli sviluppi in Afghanistan. Il Segretario generale ha sottolineato che gli alleati della NATO sono andati in Afghanistan per garantire che il paese non servisse di nuovo come piattaforma per i terroristi e ha ricordato che nessun attacco terroristico contro i nostri paesi era stato organizzato dall’Afghanistan dal 2001. Stoltenberg ha anche sottolineato l’importanza di un coordinamento approccio internazionale, anche con i paesi della regione, per ritenere i talebani responsabili dei loro impegni nella lotta al terrorismo e nella difesa dei diritti umani, non ultimi i diritti delle donne» conclude il comunicato stampa della NATO.

Il quotidiano del Governo comunista cinese, Global Times, ha pubblicato un articolo dal titolo «La Cina esorta la Nato a non provocare le tensioni militari in Asia-Pacifico» relativo all’incontro tra il Segretario Generale della NATO e il Ministro degli Esteri cinese.

«Gli stati membri della NATO hanno spesso schierato aerei nella regione Asia-Pacifico, ma la regione non accoglie il blocco militare, lo scontro tra grandi potenze o gli istigatori della Guerra Fredda», ha affermato il consigliere di Stato cinese e ministro degli Esteri Wang Yi in una riunione video con il segretario della NATO, Generale Jens Stoltenberg, riferisce il Global Times. 

«Wang ha affermato che alcuni Stati membri della NATO negli ultimi anni hanno inviato navi e aerei per condurre attività intorno alla Cina, ma la regione Asia-Pacifico non ha bisogno della creazione di un nuovo blocco militare, né le operazioni dovrebbero causare scontri tra le maggiori potenze, o impegnarsi in piccoli circoli che mirano a istigare una nuova Guerra Fredda». 

«La NATO dovrebbe aderire alla sua posizione geografica originale e svolgere un ruolo costruttivo nello sviluppo pacifico e stabile della regione», ha osservato Wang. 

«Wang ha affermato che la Cina rimane aperta al dialogo con la NATO. Di fronte alle sfide globali, la comunità internazionale ha più che mai bisogno di unità, cooperazione, comprensione e fiducia reciproca. La chiave per promuovere i legami è capirsi meglio l’un l’altro in modo razionale e oggettivo, non essere deragliati dalla disinformazione o essere illusi da bugie e voci». 

La Cina non era e non sarà un avversario della NATO. La Cina è disposta a dialogare con la NATO sulla base dell’uguaglianza e del rispetto reciproco», ha affermato Wang. 

E’ chiaro che l’amministrazione Biden dovrà tenterà di bilanciare le sfide della Cina sempre più competitiva e di un esercito cinese sempre più capace con i vincoli fiscali imposti da altre spese interne e con i crescenti timori di inflazione.

Gli analisti hanno ragione sul fatto che i budget per la difesa statunitense possono essere elevati, ma – a meno di una continua mobilitazione in tempo di guerra, – l’esercito americano potrebbe presto non essere in grado di impedire a Pechino di sopraffare i vicini come Taiwan.

Dall’altra parte i leader cinesi non credono che gli Stati Uniti possano lanciare armi nucleari in risposta ad attacchi convenzionali contro il territorio o gli alleati statunitensi d’oltremare, quindi la strategia del Pentagono avrà bisogno di un approccio più sofisticato per scoraggiare le tensioni in atto rispetto alla semplice minaccia di negazione o punizione.

Gli strateghi hanno a lungo sostenuto che gli Stati Uniti potrebbero dissuadere potenziali avversari attraverso una combinazione di aumento dei costi dell’aggressione, aumento dell’incertezza degli avversari sui loro piani e riduzione dei potenziali benefici rendendo gli obiettivi meno attraenti o minacciando ripercussioni economiche, politiche o militari.

Durante gli anni ’50, questa orchestrazione di sforzi è stata spesso riformulata come deterrenza , con l’enfasi sulla rappresaglia nucleare crescente quando le forze della NATO sono rimaste indietro rispetto alle loro controparti del Patto di Varsavia.

Sfortunatamente, la natura multidimensionale della deterrenza è stata dimenticata durante i tre decenni di dominio militare degli Stati Uniti dopo la Guerra Fredda. I leader del Pentagono arrivarono a credere che gli avversari potessero essere convinti che la loro aggressione sarebbe fallita o avrebbe subito conseguenze catastrofiche in caso di successo. Questa convinzione è alla base della strategia e dei programmi di difesa statunitensi odierni e richiede che l’esercito degli Stati Uniti riversi le proprie risorse nel tentativo di vincere un conflitto contro la Cina su Taiwan che potrebbe non finire mai.

Pechino si affida sempre più a tattiche di ” zona grigia ” che combinano operazioni per procura e paramilitari con guerra politica, spionaggio industriale e azioni economiche.

Cioè in poche parole tentano di evitare in questo modo delle soglie che giustificherebbero una risposta militare.

Le vaste operazioni cinesi hanno colto alla sprovvista il Pentagono perché la sua dottrina concettualizza il conflitto come una progressione costante che va dalla competizione in tempo di pace attraverso crisi, deterrenza e conflitto.

Il problema è che oggi la guerra miscela queste fasi e incorpora una gamma crescente di nuovi strumenti.

Ed è proprio in questa ottica che l’esercito americano dovrebbe riscoprire l’arte della dissuasione e quindi del potenziamento delle operazioni della guerra psicologica.

Perchè in fondo è proprio questa la più grande sfida di comunicazione, di marketing della nostra epoca: cioè l’’uso pianificato della propaganda ed altre azioni psicologiche allo scopo principale di influenzare opinioni, emozioni, atteggiamenti e comportamento di gruppi ostili in modo tale da favorire il raggiungimento degli obiettivi prefissati che in questo caso sono la dissuasione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here