29.6 C
Rome
mercoledì, Giugno 29, 2022

Seconda pandemia, Editoriale: 10 milioni di britannici hanno bisogno di assistenza sanitaria mentale dopo il blocco. E in Italia?

Must read

(AGENPARL) – Roma, 21 febbraio 2022 – I Funzionari sanitari in Inghilterra hanno avvertito che c’è un’imminente “seconda pandemia” di milioni di bambini e adulti che soffrono di problemi di salute mentale esacerbati dall’imposizione di blocchi durante il periodo del coronavirus cinese.

Si prevede che quasi dieci milioni di persone in Inghilterra, tra cui 1,5 milioni di bambini, avranno bisogno di cure per problemi di salute mentale come psicosi, depressione, ansia e disturbi alimentari. Il che si aggiunge alle lunghe liste di attesa del sistema sanitario degli UK, il National Health Service (NHS).

I responsabili del Royal College of Psychiatrists e della NHS Confederation hanno dichiarato al Guardian che attualmente ci sono 1,6 milioni di persone in attesa di essere visitate per cure specialistiche per la salute mentale e altri 8 milioni di persone non possono nemmeno entrare in lista d’attesa , nonostante siano prese in considerazione e bisognose di un supporto psicologico.

Milioni di pazienti in Inghilterra devono affrontare pericolose lunghe attese per l’assistenza sanitaria mentale a meno che i ministri non elaborino urgentemente un piano di recupero per affrontare una “seconda pandemia” di depressione, ansia, psicosi e disturbi alimentari, hanno avvertito i leader e i medici del SSN, scrive The Guardian.

L’emergenza Covid ha provocato un drammatico aumento del numero di persone con problemi di salute mentale, con 1,6 milioni in attesa di cure specialistiche e altri 8 milioni che non possono entrare in lista d’attesa ma beneficerebbero di un sostegno, i vertici della Confederazione SSN e del Lo ha detto al Guardian il Royal College of Psychiatrists.

In alcune parti del Regno Unito, i servizi specialistici di salute mentale sono così sopraffatti da “riprendere” anche i casi più gravi di pazienti a rischio di suicidio, autolesionismo ai medici di famiglia che li hanno indirizzati, provocando avvertimenti da parte dei corpo sanitario che alcuni pazienti probabilmente moriranno di conseguenza.

Sajid Javid, il segretario alla salute, che ha riconosciuto che i livelli nazionali di depressione sono quasi raddoppiati dall’inizio della pandemia, sta subendo pressioni per sviluppare rapidamente un “piano globale” per rispondere alla crescente domanda di cure per la salute mentale in Inghilterra.

L’invito fa seguito alla pubblicazione del tanto atteso piano di recupero elettivo del SSN questo mese, che ha finalmente stabilito come affrontare l’arretrato di persone che necessitano di procedure chirurgiche pianificate.

“Ci stiamo muovendo verso una nuova fase in cui è necessario “convivere” con il coronavirus, ma per un numero preoccupante di persone il virus sta lasciando un’eredità crescente di cattiva salute mentale che i servizi non sono attrezzati per affrontare adeguatamente al momento”, ha affermato Matthew Taylor, amministratore delegato della NHS Confederation, che rappresenta l’intero sistema sanitario in Inghilterra.

“Con le proiezioni che mostrano che 10 milioni di persone in Inghilterra, inclusi 1,5 milioni di bambini e adolescenti, avranno bisogno di un supporto nuovo o aggiuntivo per la loro salute mentale nei prossimi tre o cinque anni, non c’è da meravigliarsi se i leader sanitari l’hanno soprannominata la seconda pandemia. Una crisi nazionale di questa portata merita un’attenzione mirata e sostenuta da parte del governo, proprio come abbiamo visto con l’arretrato di cure elettive”.

La Confederazione NHS chiede un’espansione delle proprietà del NHS per l’assistenza sanitaria mentale specialistica e un’importante campagna di reclutamento, come parte di un piano di recupero. Uno su 10 posti di consulente psichiatra non sono occupati.

Il dottor Adrian James, presidente del Royal College of Psychiatrists, ha dichiarato: “Abbiamo urgente bisogno di un piano di recupero della salute mentale interamente finanziato, supportato da un piano a lungo termine della forza lavoro, per garantire che tutti coloro che soffrono di una malattia mentale possano ottenere l’aiuto di cui hanno bisogno quando ne hanno bisogno.

Per rispondere alla crescente esigenza, la Confederazione NHS ha chiesto un massiccio sforzo da parte del governo per reclutare più specialisti, con il dieci per cento dei posti di lavoro di consulente psichiatrico attualmente vacante.

Commentando la crisi crescente, il presidente del Royal College of Psychiatrists, il dottor Adrian James, ha dichiarato: “Abbiamo urgente bisogno di un piano di recupero della salute mentale interamente finanziato, supportato da un piano di forza lavoro a lungo termine, per garantire che tutti coloro con una malattia mentale possano ottenere l’aiuto di cui hanno bisogno quando ne hanno bisogno.

“Milioni di bambini, giovani e adulti cercano aiuto dai servizi di salute mentale che sono sovraccarichi e con risorse insufficienti. La situazione è critica. Il governo non può più permettersi di trascurare il recupero della salute mentale”.

“Milioni di bambini, giovani e adulti cercano aiuto dai servizi di salute mentale che sono sovraccarichi e con risorse insufficienti. La situazione è critica. Il governo non può più permettersi di trascurare il recupero della salute mentale”.

I leader sanitari ritengono inoltre che un elemento chiave di un piano di recupero dovrebbe includere l’attenzione a fornire un sostegno precoce ai bambini e ai giovani con problemi di salute mentale. Dall’inizio della pandemia c’è stato un aumento del 72% dei bambini e degli adolescenti inviati per supporto urgente per disturbi alimentari in un anno e un aumento del 52% dei rinvii di emergenza per i minori di 18 anni all’assistenza di emergenza.

“L’impatto della pandemia sulla salute mentale dei giovani non può essere sopravvalutato”, ha affermato Olly Parker, capo degli affari esterni dell’organizzazione benefica YoungMinds.

Un medico di famiglia dell’Hertfordshire, il dottor David Turner, si è detto così preoccupato per la situazione che aveva scelto di parlare pubblicamente per la prima volta nei suoi 25 anni di carriera. “Io e molti altri medici sentiamo che il problema è diventato critico ed è solo questione di tempo prima che un bambino muoia”, ha detto al Guardian .

Turner ha affermato che l’accesso ai servizi di salute mentale per bambini e adolescenti (CAMHS) “non è mai stato eccezionale prima del Covid”, ma ora è “spaventoso”. Il doppio smacco di un aumento della domanda e degli investimenti insufficienti in CAMHS stava mettendo a rischio i pazienti, ha aggiunto.

Una nuova tendenza particolarmente “pericolosa”, ha detto Turner, è stata CAMHS che “rimbalza indietro” i pazienti con gravi disturbi di salute mentale ai medici di famiglia che li avevano indirizzati a cure specialistiche. Significa che ci si affida ai medici di famiglia per eseguire controlli settimanali del peso e esami del sangue e monitorare gli organi vitali dei pazienti con anoressia nervosa, alcuni dei quali sono a rischio di autolesionismo, suicidio o fame. “Non abbiamo una formazione specifica in quest’area specializzata”, ha affermato.

Il dottor Phil Moore, medico di famiglia e presidente del gruppo di salute mentale, disabilità dell’apprendimento e sistema di autismo della Confederazione NHS, si è detto preoccupato che il crescente arretrato di cure potesse vedere i pazienti “peggiorare fino al punto di crisi”. “Nessun medico vuole che ciò accada”, ha aggiunto. “Questo era un problema prima del Covid, ma ora le cose sono molto peggio”.

“Migliaia di bambini e giovani con problemi di droga e alcol stanno cadendo a causa della tempesta perfetta creata dalla pandemia e anni di drastici tagli ai finanziamenti ai servizi per le dipendenze dei giovani, afferma il Royal College of Psychiatrists in un comunicato stampa.

L’analisi di nuovi dati del National Drug Treatment Monitoring System (NDTMS) ha rilevato che 11.013 minori di 18 anni erano in trattamento per dipendenza da droghe e alcol in Inghilterra lo scorso anno (2020/21). Si tratta di 3.278 (23%) in meno rispetto al 2019/20 – il calo annuale più marcato dall’inizio dei record – e 13.481 in meno (55%) rispetto al picco del 2008/09.

Il Royal College of Psychiatrists avverte che una tempesta perfetta della pandemia e drastici tagli storici ai finanziamenti stanno impedendo ai giovani di accedere al trattamento di droga e alcol di cui hanno bisogno, potenzialmente consegnandoli a una vita di dipendenza e problemi associati.

Un’ulteriore analisi dei nuovi dati del Department for Leveling Up, Housing and Communities mostra che l’importo speso per i servizi per le dipendenze dei giovani è diminuito in termini reali di £ 30,49 milioni – da £ 73,68 milioni nel 2013/14 a £ 43,19 milioni nel 2020/21 – un calo del 41%.

La dottoressa Emily Finch, vicepresidente della facoltà di dipendenze presso il Royal College of Psychiatrists, ha dichiarato:

“I bambini e le loro famiglie su e giù per il paese stanno vedendo le loro vite rovinate dal consumo di droghe e alcol a causa di tagli drastici, carenza di forza lavoro e l’impatto della pandemia.

“La dipendenza è una condizione di salute curabile. Intervenire presto significherà che molti bambini non avranno una dipendenza nella loro età adulta, tenendoli fuori dal sistema di giustizia penale e aiutandoli a vivere una vita piena. 

“È giunto il momento che il governo agisca sulla loro promessa e consegni l’investimento multimilionario nei servizi per la droga”.

L’analisi dei finanziamenti ha rilevato che ogni regione dell’Inghilterra ha effettuato tagli ai finanziamenti in termini reali dal 2013/14, che vanno dall’8% nello Yorkshire e nell’Humber al 61% nelle West Midlands.

I dati sul trattamento dell’abuso di sostanze da parte dei giovani dell’NDTMS mostrano che la maggior parte dei bambini in trattamento (89% (9.832)) ha affermato di avere un problema con la cannabis, mentre il 41% (4.459) ha affermato di avere un problema con l’alcol. Inoltre, il 12% (1.333) ha dichiarato di avere un problema con l’ecstasy e il 9% (976) ha segnalato un problema con la cocaina in polvere.

In risposta al rapporto di Dame Carol Black sul futuro dei servizi per le dipendenze, il governo ha affermato che 780 milioni di sterline di nuovi soldi saranno dati per il trattamento della droga nei prossimi tre anni. Il Royal College of Psychiatrists ha accolto favorevolmente questo annuncio e sta esortando il governo a garantire che questo finanziamento raggiunga la prima linea con urgenza.

Inoltre, alcune regioni inglesi sono così limitate che gli specialisti della salute mentale stanno “riportando indietro” i pazienti a rischio di autolesionismo, fame e persino suicidio dal loro medico di base locale invece di curarli, sollevando preoccupazioni che alcuni perderanno la vita per mancanza di cure.

L’amministratore delegato della Confederazione NHS, Matthew Taylor, ha dichiarato: “Ci stiamo muovendo verso una nuova fase in cui è necessario ‘convivere’ con il coronavirus, ma per un numero preoccupante di persone, il virus sta lasciando un’eredità crescente di cattiva salute mentale che serve non sono attrezzati per affrontarli adeguatamente al momento.

“Con le proiezioni che mostrano che 10 milioni di persone in Inghilterra, inclusi 1,5 milioni di bambini e adolescenti, avranno bisogno di un supporto nuovo o aggiuntivo per la loro salute mentale nei prossimi tre o cinque anni, non c’è da meravigliarsi se i leader sanitari l’hanno soprannominata la seconda pandemia. Una crisi nazionale di questa portata merita un’attenzione mirata e sostenuta da parte del governo, proprio come abbiamo visto con l’arretrato di cure elettive”.

Il governo del primo ministro Boris Johnson, che lunedì dovrebbe abrogare tutte le restanti restrizioni di blocco nell’ambito del suo piano per “imparare a convivere con il COVID”, domenica ha riconosciuto che a seguito delle restrizioni di blocco “il benessere mentale è stato influenzato negativamente, in particolare tra i giovani persone e coloro che vivono in quartieri disagiati”.

E in Italia come è la situazione, ma soprattutto siamo pronti per la seconda pandemia?

- Advertisement -

Correlati

- Advertisement -

Ultimi articoli