Agenparl Italia Piemonte Social Network

SANITÀ, TRONZANO (FI): UNICO OBIETTIVO È SALVAGUARDARE LA SPECIFICITÀ MATERNO INFANTILE NELLA SANITÀ PIEMONTESE

(AGENPARL) – mar 22 gennaio 2019 *SANITÀ, TRONZANO (FI): UNICO OBIETTIVO È SALVAGUARDARE LA SPECIFICITÀ
MATERNO INFANTILE NELLA SANITÀ PIEMONTESE *

Tronzano: “La petizione ha raggiunto le 75mila firme. Non saranno
strumentalizzate perchè per me l’obiettivo è solo uno: salvaguardare la
specificità materno infantile ovvero che le bambine, i bambini, le mamme e
i genitori continuino ad avere il loro ospedale dedicato. Ad oggi,
nonostante le assurde accuse di Chiamparino e Saitta, non è così. Non ci
interessiamo a gare o ai finanziatori, ma solo ed esclusivamente delle cure
ai nostri bambini. Lo studio di fattibilità sul nuovo Parco della Salute
inserisce la pediatria addirittura come sottoarea e nella chirurgia la
pediatria passa sotto i chirurghi dedicati agli adulti. Tutto molto chiaro,
nessuna bugia da parte nostra! Il Parco della Salute non avrà, ad oggi,
l’ospedale dei bambini. Noi siamo per il Parco della Salute che, tra
l’altro, è un’idea del centro-destra e della giunta Ghigo; noi però diciamo
no ad un progetto che depotenzia, anzi fa scomparire un’eccellenza che dura
da 150 anni: il Regina Margherita! Una delibera della Giunta Chiamparino
del settembre 2017 dice con chiarezza che il Regina e il Sant’Anna potranno
diventare delle residenze, ma nel nuovo Parco della Salute un nuovo
ospedale dedicato alla pediatria non c’è. Continueremo, quindi, la raccolta
firme fino a quando i decisori politici, Chiamparino e Saitta, non daranno
certezze alla comunità pediatrica e ai cittadini. La scelta è strategica ed
è una questione culturale, di fondo: i bambini non sono adulti in miniatura
ed hanno bisogno di una progettualità strutturale e funzionale specifica e
mirata. Altre soluzioni non le accetteremo.”

Related posts

Diciotti, Salvini: grazie a iscritti M5S per fiducia

Diego Amicucci

Corrotti (Lega): “Minacce di morte gesto vigliacco”

Redazione Redazione

Renzi, fiducia nella giustizia italiana, vedremo

Diego Amicucci

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More