29.6 C
Rome
giovedì, Giugno 30, 2022

Reuters: CE consente, a determinate condizioni, il pagamento del gas russo in rubli

Must read

(AGENPARL) – Roma, 22 aprile 2022 – La Commissione europea ha indicato che il pagamento del gas in rubli “potrebbe includere la Banca centrale della Federazione Russa nello schema di transazione, il che costituirà una violazione delle sanzioni dell’UE”.

La Commissione europea (CE) ha inviato una lettera ai paesi dell’UE spiegando che le società dell’UE, a determinate condizioni, potranno pagare il gas russo in rubli senza violare le sanzioni imposte a Mosca. Lo ha riferito venerdì la Reuters .

Secondo Reuters, la CE ha indicato che il pagamento del gas in rubli “potrebbe includere la Banca centrale [della Federazione Russa] nello schema di transazione, il che costituirà una violazione delle sanzioni dell’UE”. Ma allo stesso tempo, il documento della Commissione europea afferma che “è possibile effettuare pagamenti in dollari o euro (su un conto in una banca russa per la successiva conversione in rubli) in base a contratti esistenti”.

L’agenzia chiarisce che uno dei possibili schemi di pagamento del gas in rubli prevede l’apertura da parte delle società beneficiarie del gas di conti in dollari o euro in una banca russa, a cui una società europea – beneficiaria del gas accredita la valuta, la converte in rubli ed effettua il pagamento. Questo schema elimina la possibilità che i paesi occidentali blocchino i pagamenti per il gas russo.

Al riguardo, la Commissione europea chiarisce che “il decreto russo (sul trasferimento in rubli del commercio di gas con Paesi ostili) non esclude il processo di pagamento, che consentirebbe alle imprese dell’UE di non violare il regime sanzionatorio”.

La CE non può, con propria decisione, vietare o consentire alle società dell’UE di pagare il gas russo in una forma o nell’altra, in particolare in rubli. La sua competenza include solo la valutazione dell’attuazione da parte delle società dell’UE di tutte le norme legali della comunità, comprese le sanzioni, che erano state precedentemente approvate da tutti i paesi dell’UE.

Il 31 marzo il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto sulle regole per lo scambio di gas con i paesi ostili, prevedendo un nuovo sistema di pagamento contrattuale. Per l’acquisto di gas russo, le controparti sono invitate ad aprire conti in rubli presso banche russe, da cui verranno effettuati i pagamenti per il gas fornito a partire dal 1 aprile. I termini di pagamento per il gas di aprile possono variare a seconda dei contratti, ma in generale il periodo di pagamento inizia a metà aprile.

La notizia è stata modificata (16:18 ora di Mosca) – trasmessa con chiarimento della dicitura sulla violazione delle sanzioni

- Advertisement -

Correlati

- Advertisement -

Ultimi articoli