29.6 C
Rome
mercoledì, Giugno 29, 2022

Putin: La Russia intende aumentare radicalmente la quota dei pagamenti in valuta nazionale in materia di esportazione

Must read

(AGENPARL) – Roma, 14 aprile 2022 – Il problema più acuto nel complesso russo di combustibili ed energia (FEC) è legato all’interruzione della logistica delle forniture di esportazione a causa delle sanzioni, ha affermato giovedì il presidente russo Vladimir Putin in una riunione sulla situazione dell’industria petrolifera e del gas.

Il capo dello stato ha suggerito di discutere piani a lungo termine per lo sviluppo del settore petrolifero e del gas e approcci per risolvere i problemi affrontati dalle compagnie di combustibili ed energia a seguito delle azioni di paesi ostili. “Il più acuto di loro, e ne abbiamo già parlato più di una volta, è associato a una violazione della logistica delle consegne all’esportazione”, ha sottolineato Putin.

“Vi chiedo di raccontare separatamente quali sono le azioni intraprese per mettere a punto le catene di trasporto, per superare le difficoltà legate all’aumento del costo della logistica”, ha rivolto il Presidente ai partecipanti all’incontro.

Ha richiamato l’attenzione sul fatto che ci sono mancati pagamenti per le consegne all’esportazione di risorse energetiche russe. “Le banche di questi paesi più ostili stanno ritardando il trasferimento dei pagamenti”, ha spiegato Putin.

Al riguardo, ha ricordato che è già stato fissato il compito di trasferire i pagamenti delle risorse energetiche alle valute nazionali, per allontanarsi gradualmente dal dollaro e dall’euro.

Secondo lui, la Federazione Russa intende aumentare radicalmente la quota dei pagamenti in valute nazionali in materia di esportazione. “In generale, intendiamo aumentare radicalmente la quota dei pagamenti in valute nazionali nel sistema del commercio estero”, ha affermato il capo dello Stato.

“Sono già stati compiuti passi importanti in queste aree, il compito chiave qui è preparare il nostro mercato dei cambi per tale transizione in modo che qualsiasi valuta straniera possa essere scambiata liberamente e nel volume richiesto con i rubli russi”, ha affermato Putin.

Il Presidente ha richiamato l’attenzione sul fatto che il rifiuto di valute e giurisdizioni inaffidabili e compromesse è un compito strategico dal punto di vista della sicurezza finanziaria ed economica della Russia. Allo stesso tempo, al fine di mantenere e aumentare il volume del commercio estero, è importante stabilire legami stabili con partner prevedibili che siano fedeli alla loro parola e apprezzino la loro reputazione aziendale, comprendano le conseguenze delle loro decisioni, ha concluso Putin.

Putin ha anche affermato che è necessario preparare il mercato valutario russo per il passaggio agli accordi di esportazione in rubli.

All’evento hanno partecipato in videoconferenza il capo dell’amministrazione presidenziale Anton Vaino, il primo vice primo ministro Andrey Belousov, il vice primo ministro Alexander Novak, gli assistenti presidenziali Igor Levitin e Maxim Oreshkin, capi del ministero delle Risorse naturali e del ministero dell’Industria e del commercio Alexander Kozlov e Denis Manturov, ministro dello Sviluppo economico Maxim Reshetnikov , capo del ministero dei Trasporti Vitaly Savelyev, ministro delle finanze e ministro dell’energia Anton Siluanov e Nikolai Shulginov, capo della Banca centrale Elvira Nabiullina, nonché rappresentanti del settore .

- Advertisement -

Correlati

- Advertisement -

Ultimi articoli