Agenparl
Image default
Home » POMPEO INTERROMPE LE RELAZIONI COMMERCIALI CON HONG KONG

POMPEO INTERROMPE LE RELAZIONI COMMERCIALI CON HONG KONG

(AGENPARL) – Roma, 28 maggio 2020 – Il segretario di Stato degli USA, Mike Pompeo ha annunciato che Hong Kong non ha più «un alto grado di autonomia dalla Cina», dando inizio a un processo per porre fine alle relazioni commerciali speciali tra la città e gli Stati Uniti.

Il governo cinese ha promesso a Hong Kong la capacità di mantenere il proprio governo dopo aver ripreso pacificamente l’ex colonia britannica nel 1997. Questa politica di «un paese, due sistemi» ha permesso agli Stati Uniti di mantenere legami commerciali separati con Hong Kong dal resto della Cina.

Ma il governo centrale cinese a Pechino sta ora tentando di superare una controversa legge sulla sicurezza nazionale per Hong Kong, che ha spinto l’amministrazione Trump a revocare le speciali relazioni commerciali USA-Hong Kong.

«La disastrosa decisione di Pechino è solo l’ultima di una serie di azioni che minano fondamentalmente l’autonomia e le libertà di Hong Kong e le promesse della Cina al popolo di Hong Kong», ha detto Pompeo in una dichiarazione di mercoledì, citando vecchi accordi britannico-cinesi.

«Nessuna persona ragionevole può affermare oggi che Hong Kong mantiene un alto grado di autonomia dalla Cina, dati i fatti sul campo».

La dichiarazione di Pompeo potrebbe innescare l’Hong Kong Policy Act, che avrebbe sottoposto Hong Kong alle stesse tariffe e ai controlli sulle esportazioni del resto della Cina. Le relazioni commerciali USA-Cina stanno attualmente peggiorando, man mano che la concorrenza tra le due potenze si sta surriscaldando.

David R. Stilwell, sottosegretario di Stato aggiunto per gli affari dell’Asia orientale e del Pacifico, ha dichiarato ai giornalisti durante una teleconferenza di mercoledì che la decisione spetta ora al presidente Donald Trump.

«Le azioni saranno prese in considerazione e saranno mirate il più possibile alla variazione del comportamento. Non speriamo che Pechino tornerà indietro, ma questa è una delle opzioni», ha affermato Stilwell. « È un approccio tutto del Governo, certamente un approccio amministrativo, e quindi non prevedo o limiterò ciò che potrebbe essere, ma c’è un lunghissimo elenco di cose che il Presidente potrebbe fare in risposta».

L’ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti stima che nel 2018 gli scambi tra Stati Uniti e Hong Kong abbiano raggiunto un valore di 66,9 miliardi di dollari, rendendo Hong Kong il decimo mercato di esportazione per i beni statunitensi.

La decisione potrebbe ulteriormente compromettere lo status di Hong Kong come porta di accesso ai mercati globali. La città ha subito la peggiore contrazione economica registrata dopo mesi di disordini politici e la pandemia di coronavirus.

La scorsa settimana Pechino ha annunciato che avrebbe imposto una legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong. Le proteste sono scoppiate mentre il governo della città difende la proposta.

Hong Kong ha visto proteste diffuse a marzo 2019, quando milioni di residenti hanno manifestato contro un disegno di legge di estradizione favorito da Pechino. L’opposizione al disegno di legge si trasformò presto in un ampio movimento che richiedeva maggiore autonomia e riforme democratiche per la città.

I legislatori statunitensi hanno tenuto d’occhio i disordini, approvando l’Hong Kong Human Rights and Democracy Act nel 2019. La legge impone sanzioni economiche ai funzionari cinesi responsabili delle violazioni dei diritti umani.

Sens. Chris Van Hollen (D – Md.) E Pat Toomey (R – Penn.) hanno proposto di ampliare ulteriormente la legge imponendo sanzioni alle banche che intrattengono rapporti commerciali con funzionari cinesi.

L’Hong Kong Human Rights and Democracy Act impone inoltre, al Dipartimento di Stato di pubblicare un rapporto annuale sull’autonomia di Hong Kong.

«Hong Kong e le sue persone dinamiche, intraprendenti e libere sono fiorite per decenni come baluardo della libertà, e questa decisione non mi fa piacere. Ma un solido processo decisionale richiede un riconoscimento della realtà», ha affermato Pompeo. «Mentre gli Stati Uniti speravano una volta che Hong Kong libera e prospera avrebbe fornito un modello per la Cina autoritaria, ora è chiaro che la Cina sta modellando Hong Kong a se stessa».

Analogamente il governo giapponese ha dichiarato che giovedì è «seriamente preoccupato» per la forzatura della Cina, nonostante una crescente protesta internazionale, di imporre una legge sulla sicurezza nazionale che teme sopprimerà l’attività politica a Hong Kong.

Il segretario del gabinetto capo Yoshihide Suga ha affermato che una Hong Kong libera e aperta dovrebbe essere mantenuta nell’ambito del quadro «un paese, due sistemi» e che Tokyo ha trasmesso la sua opinione a Pechino prima che il legislatore nazionale cinese approvasse giovedì una risoluzione sull’introduzione della legge.

«Siamo seriamente preoccupati per la decisione su Hong Kong da parte del Congresso Nazionale del Popolo, nonostante le forti preoccupazioni espresse dalla comunità internazionale e dal popolo di Hong Kong, nonché per l’attuale situazione a Hong Kong», ha detto Suga, il portavoce del governo giapponese, in una conferenza stampa.

«Continueremo a seguire da vicino gli sviluppi e ad affrontare la situazione in collaborazione con altri paesi interessati», ha sottolineato, aggiungendo che Hong Kong, è un partner importante per il Giappone, e dovrebbe prosperare in modo «stabile e democratico».

La decisione della Cina è arrivata nel timore crescente della legge che vieta il separatismo, la sovversione, le interferenze straniere e il terrorismo a Hong Kong offrirebbe a Pechino maggiori opportunità di erodere le libertà e i diritti umani nell’ex colonia britannica.

Giovedì sera il vice ministro degli Esteri Takeo Akiba ha convocato l’ambasciatore cinese in Giappone, Kong Xuanyou, per denunciare le preoccupazioni di Tokyo.

Chris Patten, l’ultimo governatore britannico di Hong Kong, ha dichiarato la scorsa settimana che la Gran Bretagna dovrebbe dire alla Cina che imporre una legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong è «scandaloso».

Alla domanda se la decisione cinese avrebbe influenzato la visita di stato del presidente Xi Jinping in Giappone, Suga ha affermato che Tokyo parla ampiamente con Pechino.

«Il Giappone e la Cina devono affrontare congiuntamente le sfide regionali e globali, compresa la diffusione del coronavirus», ha detto Suga, aggiungendo: «Continueremo a proseguire gli sforzi in tal senso».

La visita di Xi in Giappone in primavera è stata rinviata a causa della pandemia. Il virus è stato rilevato per la prima volta a Wuhan, in Cina, a dicembre.

Il primo ministro Shinzo Abe ha attirato le ire della Cina per aver detto lunedì: «È un dato di fatto che (il virus) si è diffuso dalla Cina al mondo».

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More