(AGENPARL) – Roma, 15 novembre 2021 – In una sorprendente intervista , Bill Gates ha affermato quanto segue: “Non avevamo vaccini che bloccano la trasmissione. Abbiamo vaccini che ti aiutano con la tua salute, ma riducono solo leggermente la trasmissione. Abbiamo bisogno di nuovi modi di fare i vaccini”, scrive il Brownstone Institute in un articolo dal titolo “Perché Bill Gates sta puntando sui vaccini Covid esistenti?

È strano come parli dei medicinali come se fossero come un software. Provalo, osserva come funziona. Quando trovi un problema, metti al lavoro i tecnici. Ogni nuova iterazione è un esperimento. Liberi di provare fino a quando non si acquista. Sicuramente nel tempo troveremo la risposta al problema di bloccare o cancellare gli agenti patogeni. 

Software. Hardware. Applicazioni. Abbonamenti! Così pensa, come se il corpo umano e la sua danza mortale con i virus fossero un problema recente e siamo solo all’inizio della ricerca di soluzioni, senza renderci conto che questa realtà è stata presente per tutta l’esistenza umana e che noi ha avuto un enorme successo nel corso del 20 ° secolo, riducendo al minimo gli esiti patogeni negativi senza la sua guida e beneficenza. 

In sostanza, ha promosso a lungo l’idea che la prassi sanitaria tradizionale fosse per l’era analogica; nell’era digitale, abbiamo bisogno di pianificazione governativa, tecnologia avanzata, sorveglianza di massa e la capacità di controllare gli esseri umani nel modo in cui un’azienda di software gestisce i personal computer. 

La maggior parte delle persone non ha idea di come una persona così ricca e intelligente possa essere così ottusa su questioni essenziali della complessa biologia cellulare. Hackerare il corpo umano, migliorandolo con upload e download, è sicuramente una sfida più inquietante che inventare e gestire computer creati dall’uomo. Quindi qui cerco di presentare le ragioni del modo di pensare di Gates. 

Le relative carenze di questo vaccino per fermare l’infezione e la trasmissione sono ormai ben note. C’è qualche motivo per credere che ottengano così tanto almeno per la popolazione vulnerabile. Cosa possiamo fare della dichiarazione di Gates: “Abbiamo bisogno di un nuovo modo di fare i vaccini”?

Facciamo un viaggio indietro nel tempo per esaminare la sua carriera in Microsoft e la sua guida all’esistenza del sistema operativo Windows. All’inizio degli anni ’90, veniva pubblicizzato come il cervello essenziale del personal computer. Tuttavia, le considerazioni sulla sicurezza contro i virus non facevano parte del suo design, semplicemente perché non molte persone utilizzavano Internet, quindi il livello di minaccia era basso. Il browser non è stato inventato fino al 1995. La sicurezza dei personal computer non era davvero una questione di cui Microsoft si era occupata. 

La negligenza di questa considerazione si trasformò in un disastro. All’inizio degli anni 2000, c’erano migliaia di versioni di malware (chiamate anche bug) che circolavano su Internet e infettavano i computer con Windows in tutto il mondo. Hanno mangiato il disco rigido. Hanno risucchiato i dati. Hanno forzato gli annunci sulle persone. Hanno invaso il tuo spazio con strani popup. Stavano distruggendo l’esperienza dell’utente e minacciando il futuro di un intero settore. 

Il problema del malware è stato soprannominato virus. Era una metafora. Non reale. Non è chiaro se Gates l’abbia mai capito davvero. I virus informatici non sono affatto come i virus biologici. Per mantenere un disco rigido pulito e funzionante, è necessario evitare e bloccare a tutti i costi un virus informatico. Qualsiasi esposizione è una cattiva esposizione. La soluzione è sempre evitare fino all’eradicazione. 

Con i virus biologici, ci siamo evoluti per affrontarli attraverso l’esposizione e lasciare che il nostro sistema immunitario si sviluppi per affrontarli. Un corpo che blocca tutti i patogeni senza immunità è un corpo debole che morirà alla prima esposizione, che sicuramente arriverà ad un certo punto in una società moderna. Un sistema immunitario che affronta la maggior parte dei virus e si riprende si rafforza. Questa è una differenza gigantesca che Gates non ha mai capito. 

Indipendentemente da ciò, l’avvento dell’esercito di agenti patogeni informatici ha fondamentalmente minacciato il suo successo più orgoglioso. Microsoft ha cercato freneticamente una soluzione, ma la creatività dell’esercito di malware si è mossa troppo velocemente per i suoi ingegneri. 

Altri hanno percepito un’opportunità. Le aziende specializzate in software antivirus hanno fatto affari dagli anni ’90, ma sono diventate più sofisticate all’inizio degli anni 2000. Una volta che Internet è diventato abbastanza veloce, questi pacchetti software possono essere aggiornati quotidianamente. C’erano aziende sempre più nuove, ognuna con un metodo diverso e un modello di marketing e di prezzo diverso. 

Alla fine, il problema è stato risolto per lo più sul personal computer, ma ci sono voluti dieci anni. Anche ora, i prodotti Microsoft sono meno protetti di quelli di Apple e Microsoft deve ancora avvicinarsi a mitigare il problema dello spam sul proprio client di posta nativo. 

In breve, tenere i virus fuori dai computer costituisce la più grande battaglia professionale nella vita di Gates. La lezione che ha imparato è che il blocco e l’eradicazione dei patogeni è sempre stata la strada da percorrere. Quello che non ha mai veramente capito è che la parola virus era semplicemente una metafora per codice informatico indesiderato e sgradito. L’analogia si rompe nella vita reale. 

Dopo essersi finalmente ritirato dalle operazioni di Microsoft, Gates ha iniziato a dilettarsi in altre aree, come tendono a fare i nuovi ricchi. Spesso si immaginano particolarmente competenti nell’affrontare sfide in cui altri hanno fallito semplicemente a causa dei loro successi professionali. Anche a questo punto della sua carriera, era circondato solo da adulatori che non avrebbero interrotto la sua discesa nell’irritabilità. 

E su quale argomento si è lanciato? Farebbe al mondo dei patogeni quello che ha fatto in Microsoft: li eliminerebbe! Ha iniziato con la malaria e altri problemi e alla fine ha deciso di affrontarli tutti. E qual è stata la sua soluzione? Ovviamente: software antivirus. Cos’è quello? Sono i vaccini. Il tuo corpo è il disco rigido che salverebbe con la sua soluzione in stile software. 

All’inizio della pandemia, ho notato che Gates stava spingendo molto per i blocchi. La sua fondazione ora finanziava laboratori di ricerca in tutto il mondo con miliardi di dollari, oltre a università e sovvenzioni dirette agli scienziati. Stava anche investendo pesantemente nelle società di vaccini. 

All’inizio della pandemia, per avere un’idea delle opinioni di Gates, ho guardato i suoi discorsi TED . Ho cominciato a realizzare qualcosa di sorprendente. Sapeva molto meno di quanto chiunque potesse scoprire leggendo un libro di biologia cellulare su Amazon. Non era nemmeno in grado di fornire una spiegazione di base di nono livello dei virus e della loro interazione con il corpo umano. Eppure qui stava facendo la predica al mondo sull’imminente patogeno e su cosa si dovrebbe fare al riguardo. La sua risposta è sempre la stessa: più sorveglianza, più controllo, più tecnologia.

Una volta compresa la semplicità delle sue confusioni principali, tutto il resto che dice ha senso dal suo punto di vista. Sembra perennemente bloccato nell’errore che l’essere umano sia un ingranaggio di un’enorme macchina chiamata società che chiede a gran voce che la sua leadership manageriale e tecnologica migliori fino al punto di perfezione operativa. 

I ricchi, le loro pretese, la loro influenza: a volte affascinante, a volte benefica, a volte profondamente maligna. L’influenza di Gates sull’epidemiologia è stata tremendamente dannosa, ma non è chiaro se lo sappia. In effetti, non credo che lo faccia. In un certo senso, è ancora più pericoloso. 

I lettori potrebbero essere pronti a sottolineare che Gates ha beneficiato enormemente dei blocchi e dei mandati di vaccinazione, sia vedendo la sua ex azienda crescere di dimensioni enormi sia dalla sua proprietà di azioni nei produttori di vaccini. Quindi sì, la sua ignoranza è stata ricompensata profumatamente. Per quanto riguarda la sua influenza sul mondo, la storia probabilmente non sarà clemente.