Nel 2028 la Cina supererà gli USA, il Regno Unito supera l’India come quinta economia che dovrebbe superare la Francia dopo la Brexit. E l’Italia all’ottavo posto. Riduzione del 10% del Pil reale nel 2020

(AGENPARL) – Roma, 27 dicembre 2020 – L’India diventerà la quinta economia più grande nel 2025, la terza entro il 2030, questo è quello che afferma il rapporto del CEBR (Centre for Economics and Business Research), uno tra i centri di ricerca economici indipendenti più accrediti del settore.

L’India, che sembra essere stata spinta ad essere la sesta economia più grande del mondo nel 2020, supererà ancora una volta il Regno Unito per diventare la quinta più grande potenza nel 2025 e concorrerà al terzo posto entro il 2030, ha detto un think tank sabato.

L’India ha superato il Regno Unito nel 2019 per diventare la quinta economia più grande del mondo, ma è stata relegata al sesto posto nel 2020.

“L’India è stata in qualche modo messa fuori strada dall’impatto della pandemia. Di conseguenza, dopo aver superato il Regno Unito nel 2019, il Regno Unito ha di nuovo superato l’India nelle previsioni di quest’anno e rimane in testa fino al 2020 prima che l’India prenda di nuovo il controllo”, ha detto il Centre for Economics and Business Research (CEBR) in un rapporto annuale pubblicato sabato.

Il Regno Unito sembra aver superato di nuovo l’India nel corso del 2020 a causa della debolezza della rupia, ha detto il rapporto CEBR.

Il CEBR prevede che l’economia indiana si espanderà del 9 per cento nel 2021 e del 7 per cento nel 2022.

“La crescita rallenterà naturalmente man mano che l’India si svilupperà economicamente, con una crescita annuale del PIL che dovrebbe scendere al 5,8 per cento nel 2035”.

“Questa traiettoria di crescita vedrà l’India diventare la terza economia mondiale entro il 2030, superando il Regno Unito nel 2025, la Germania nel 2027 e il Giappone nel 2030”, ha detto.

Il Giappone rimarrebbe la terza economia più grande del mondo, in termini di dollari, fino all’inizio degli anni ’30, quando verrebbe superato dall’India, spingendo la Germania dal quarto al quinto posto.

La CEBR ha detto che l’economia indiana stava perdendo slancio anche prima dello shock della crisi della COVID-19.

Il tasso di crescita del PIL è sceso al minimo storico del 4,2 per cento nel 2019, dal 6,1 per cento dell’anno precedente e circa la metà del tasso di crescita dell’8,3 per cento registrato nel 2016.

“Il rallentamento della crescita è stato una conseguenza della confluenza di fattori quali la fragilità del sistema bancario, l’adeguamento alle riforme e la decelerazione del commercio globale”, ha affermato.

La pandemia COVID-19, ha detto il think tank, è stata una catastrofe umana ed economica per l’India, con oltre 140.000 morti registrate a metà dicembre.

Se da un lato questo è il più alto numero di morti al di fuori degli Stati Uniti in termini assoluti, dall’altro equivale a circa 10 morti ogni 100.000, una cifra significativamente inferiore a quella registrata in gran parte dell’Europa e delle Americhe.

“Il PIL nel secondo trimestre (aprile-giugno) 2020 è stato del 23,9 per cento inferiore al livello del 2019, indicando che quasi un quarto dell’attività economica del Paese è stato spazzato via dal prosciugamento della domanda globale e dal crollo della domanda interna che ha accompagnato la serie di rigidi blocchi nazionali”, ha detto.

Con la graduale eliminazione delle restrizioni, molte parti dell’economia sono riuscite a tornare in azione, anche se la produzione rimane ben al di sotto dei livelli pre-pandemici.

Un importante motore della ripresa economica dell’India è stato finora il settore agricolo, che è stato sostenuto da un raccolto abbondante.

“Il ritmo della ripresa economica sarà indissolubilmente legato allo sviluppo della pandemia COVID-19, sia a livello nazionale che internazionale”, ha detto.

Come produttore della maggior parte dei vaccini del mondo e con un programma di vaccinazione di 42 anni che si rivolge a 55 milioni di persone ogni anno, l’India è in una posizione migliore di molti altri paesi in via di sviluppo per distribuire i vaccini con successo ed efficienza l’anno prossimo.

“Nel medio e lungo termine, riforme come la smonetizzazione del 2016 e più recentemente i controversi sforzi per liberalizzare il settore agricolo possono portare benefici economici”, ha detto il think tank.

Tuttavia, con la maggior parte della forza lavoro indiana impiegata nel settore agricolo, il processo di riforma richiede un approccio delicato e graduale che bilanci la necessità di aumentare l’efficienza a lungo termine con la necessità di sostenere i redditi nel breve termine.

La spesa di stimolo del governo in risposta alla crisi COVID-19 è stata significativamente più contenuta rispetto alla maggior parte delle altre grandi economie, anche se il rapporto debito/PIL è salito all’89 per cento nel 2020.

“Le strozzature infrastrutturali esistenti in India significano che gli investimenti in questo settore hanno il potenziale per sbloccare significativi aumenti di produttività. Pertanto, le prospettive per l’economia che andrà avanti saranno strettamente legate all’approccio del governo alla spesa per le infrastrutture”, ha aggiunto.

Passiamo ora ad esaminare la Gran Bretagna soprattutto alla luce della Brexit.

La Gran Bretagna ha ripreso la sua posizione di quinta economia mondiale, superando l’India, e si prevede che nei prossimi anni supererà massicciamente la Francia, una volta che si è liberata finalmente dall’Unione Europea, questo è in sintesi quello che emerge dal rapporto del CEBR.

Nonostante soffra di una delle più profonde recessioni in tempo di pace – e anni di previsioni economiche anti-Brexit – il Centre for Economic and Business Research (CEBR) prevede che il Regno Unito manterrà il suo vantaggio economico sull’India fino al 2025, dopo di che rimarrà la sesta economia per almeno il 2035.

I rimanenti sostenitori della campagna hanno costantemente sostenuto che la Gran Bretagna vacillerebbe economicamente se il paese riconquistasse la sua sovranità dall’Unione Europea, come le generazioni precedenti hanno sostenuto negli anni ’90 e 2000 che il Regno Unito avrebbe avuto bisogno di aderire alla moneta unica dell’Euro per avere successo finanziario.

Tuttavia, le previsioni della CEBR prevedono che la posizione della Gran Bretagna come seconda economia in Europa non sarà influenzata dalla partenza o dalla pandemia, con i guadagni economici britannici destinati a superare la Francia nei prossimi anni, ha riferito il Times.

“Entro il 2035, si prevede che il PIL britannico in dollari sarà superiore del 40% a quello della Francia, suo rivale di lunga data e vicino”, ha detto la CEBR.

Mentre il blocco del coronavirus nel Regno Unito ha portato alla più profonda recessione di qualsiasi altra nazione del G7, la disoccupazione è rimasta più bassa in Gran Bretagna rispetto alle controparti dell’UE, con appena il 4,8 per cento di disoccupazione nel Regno Unito rispetto ad una media dell’8,4 per cento in tutta l’Unione Europea.

La CEBR ha affermato che in seguito all’introduzione del vaccino, l’economia britannica si riprenderà, beneficiando di alti tassi di risparmio tra il pubblico, che si tradurranno in tassi di spesa più elevati una volta tolte le manette all’economia britannica.

“I miei colleghi hanno calcolato circa 200 miliardi di sterline di risparmi nel Regno Unito come risultato della pandemia che sta aspettando di essere spesa. Ci sarà un simile accumulo di risparmi altrove”, ha detto il vice presidente della CEBR, Douglas McWilliams.

“Siamo più preoccupati che un rapido rimbalzo porterà all’inflazione, con la scarsità che spingerà i prezzi al rialzo”, ha aggiunto.

La CEBR ha previsto che il Regno Unito vedrà un tasso medio di crescita economica del quattro per cento, più ottimista delle proiezioni del governo britannico dell’Office for Budget Responsibility (OBR), che ha stimato una crescita media del 3,4 per cento all’anno.

McWilliams ha affermato che spesso la gente “dimentica che il più grande settore economico del Regno Unito è quello digitale e creativo”, e quindi è più adatto di molti paesi a sfruttare economicamente la pandemia.

“Abbiamo un enorme vantaggio competitivo in questo settore basato sulla tecnologia, che la pandemia ha portato avanti”. La maggior parte di questo è a prova di Brexit, a patto che il Regno Unito continui ad attrarre persone di talento”, ha detto.

Il rapporto ha offerto una previsione più amara per gli Stati Uniti e la Cina dopo la pandemia, tuttavia, proiettando che la nazione comunista – la fonte della pandemia globale – supererà gli Stati Uniti come la più grande economia del mondo entro il 2028, cinque anni prima del previsto prima della crisi del coronavirus.

“L’abile gestione della pandemia e i colpi alla crescita a lungo termine in Occidente significano che la relativa performance economica della Cina è migliorata. Ora pensiamo che l’economia cinese in termini di dollari supererà quella statunitense nel 2028, con cinque anni di anticipo rispetto a quanto pensavamo l’anno scorso”, ha detto la CEBR.

Le quattro economie d’Europa più forti al mondo sono la Germania (4° posto), il Regno Unito (5°), la Francia (7°) e l’Italia (8°).

Vediamo in particolare l’Europa.

La pandemia di coronavirus rappresenta un enorme shock per l’economia mondiale e per le economie dell’UE, con conseguenze sociali ed economiche molto gravi. Durante la prima metà dell’anno l’attività economica in Europa ha subito un violento shock, mentre nel terzo trimestre, con la graduale revoca delle misure di contenimento, si è registrata un’intensa ripresa. Ma la recrudescenza della pandemia nelle ultime settimane, con le nuove misure di sanità pubblica introdotte dalle autorità nazionali per limitarne la diffusione, è all’origine di nuove perturbazioni. La situazione epidemiologica fa sì che le proiezioni di crescita nel periodo oggetto delle previsioni siano caratterizzate da un grado di incertezza e di rischio estremamente elevato.

Ripresa interrotta ed incompleta

Secondo le previsioni economiche dell’autunno 2020, l’economia della zona euro subirà una contrazione del 7,8 % nel 2020, prima di crescere del 4,2 % nel 2021 e del 3 % nel 2022. Si prevede inoltre che l’economia della zona euro subisca una contrazione del 7,4 % nel 2020, prima di riprendersi con una crescita del 4,1 % nel 2021 e del 3 % nel 2022. Rispetto alle previsioni economiche dell’estate 2020, le proiezioni di crescita per la zona euro e per l’UE sono leggermente più elevate per il 2020 e inferiori per il 2021. In ogni caso, si prevede che nel 2022 sia il prodotto della zona euro che quello dell’UE non tornino ai livelli precedenti alla pandemia.

La pandemia ha avuto impatti economici molto diversi nei paesi dell’UE, e anche le prospettive di ripresa divergono notevolmente a seconda del grado di diffusione del virus, del rigore delle misure di sanità pubblica adottate per contenerlo, della composizione settoriale delle economie nazionali e dell’intensità delle risposte politiche nazionali.

L’aumento della disoccupazione è stato contenuto in proporzione al calo dell’attività economica

La perdita di posti di lavoro e l’aumento della disoccupazione hanno messo a dura prova i mezzi di sussistenza di molti europei. Le misure politiche adottate dagli Stati membri, insieme alle iniziative a livello dell’UE, hanno contribuito ad alleviare l’impatto della pandemia sui mercati del lavoro. La portata senza precedenti delle misure adottate ha fatto sì – soprattutto grazie ai regimi di riduzione dell’orario lavorativo – che l’aumento del tasso di disoccupazione rimanesse moderato rispetto al calo dell’attività economica. La disoccupazione dovrebbe continuare ad aumentare nel 2021, quando gli Stati membri inizieranno gradualmente ad abolire le misure di sostegno di emergenza – in coincidenza con l’ingresso di nuove persone nel mercato del lavoro – ma dovrebbe migliorare nel 2022 grazie al proseguimento della ripresa economica.

In base alle previsioni il tasso di disoccupazione nella zona euro aumenterà dal 7,5 % del 2019 all’8,3 % nel 2020 e al 9,4% nel 2021, per poi calare all’8,9 % nel 2022. Per l’UE si prevede invece che il tasso di disoccupazione aumenti dal 6,7 % del 2019 al 7,7 % nel 2020 e all’8,6 % nel 2021, per poi calare all’8,0 % nel 2022.

Dichiarazioni di alcuni membri del Collegio

Valdis Dombrovskis, Vicepresidente esecutivo per Un’economia al servizio delle persone, ha dichiarato: “Queste previsioni giungono mentre la seconda ondata della pandemia sta creando ancora maggiori incertezze, vanificando le nostre speranze di una ripresa veloce. La produzione economica dell’UE non tornerà ai livelli precedenti alla pandemia prima del 2022. Ma in questo periodo di turbolenze abbiamo dato prova di fermezza e solidarietà. Sono state concordate misure senza precedenti per aiutare i cittadini e le imprese. Lavoreremo insieme per tracciare la rotta verso la ripresa, ricorrendo a tutti gli strumenti a nostra disposizione. Abbiamo varato un fondamentale pacchetto per la ripresa, NextGenerationEU, incentrato sul dispositivo per la ripresa e la resilienza, al fine di assicurare un ingente sostegno alle regioni e ai settori maggiormente colpiti. Mi appello ora al Paramento europeo e al Consiglio perché concludano rapidamente i negoziati, in modo che il flusso degli aiuti economici possa iniziare a scorrere nel 2021, permettendoci di investire, riformare e ricostruire insieme.”

Paolo Gentiloni, Commissario per l’Economia, ha dichiarato: “Dopo la più grave recessione della storia dell’UE, che ci ha colpito durante la prima metà di quest’anno, e il forte recupero registrato in estate, la ripresa dell’Europa è stata interrotta a causa della recrudescenza dei casi di COVID-19. La crescita tornerà nel 2021, ma ci vorranno due anni prima che l’economia europea possa raggiungere un livello vicino a quello precedente alla pandemia. Nell’attuale contesto contrassegnato da un elevatissimo grado di incertezza, le politiche economiche e di bilancio nazionali devono continuare a sostenere la ripresa, mentre lo strumento NextGenerationEU deve essere messo a punto entro quest’anno e attuato in maniera efficace nel primo semestre del 2021.”

Passiamo ora all’Italia

L’Italia si sta riprendendo da una profonda crisi di produzione, ma la pandemia e le sue ripercussioni negative persistono e pesano sull’attività economica, in particolare sui servizi, nel periodo di previsione. È improbabile che la ripresa sia sufficiente per far sì che la produzione reale torni ai livelli pre-pandemici entro il 2022. Dopo il forte aumento previsto nel 2020, il disavanzo e il debito pubblico sono destinati a diminuire lentamente nel 2021 e nel 2022. Prezzo al consumo L’inflazione dovrebbe diventare leggermente negativa quest’anno e iniziare a salire moderatamente nel 2021.

La pandemia COVID-19 ha gettato una triste ombra su attività economica nel primo semestre di quest’anno, quando la produzione reale si è ridotta del 18%. Tuttavia, dopo la fine del blocco, l’economia italiana ha raccolto rapidamente, guidato dalla costruzione e produzione industriale, che nel mese di agosto ha avuto hanno superato i loro livelli di gennaio. Al contrario, servizi ai consumatori, che sono più sensibili a l’aumento dei tassi di infezione e le restrizioni di mobilità, sono destinata a rimanere nella morsa di una pandemia vincoli anche dopo quest’anno. Il PIL reale è previsto un calo del 10% nel 2020, nonostante le consistenti sostegno politico che ammortizza l’impatto del shock pandemico. Nel 2021, un sostanziale riporto effetto dovrebbe sostenere la crescita della produzione prevista a 4%, seppur compromessa dal recente forte riaccendersi del la pandemia e l’inasprimento del contenimento misure. Nel 2022 la crescita dovrebbe rallentare al 2¾%, il che significa che il livello di produzione dell’economia rimarrà al di sotto del livello pre-pandemico. Il sito le prospettive sono soggette a forti incertezze e rischi di pandemia legati alla pandemia.