(AGENPARL) – ven 18 giugno 2021 MILANO/BIMBI
Al Museo Popoli e Culture di Milano
“Storie di amuleti”
Storie dall’India e dall’Africa
e un laboratorio
per conoscere oggetti speciali.
In presenza, in via Monterosa 81, metro Amendola o Lotto,
venerdì 25 Giugno, ore 10-12.
https://centropime.org/museo-popoli-e-culture/
Secondo le tradizioni di alcuni popoli, esistono semplici oggetti capaci di riparare da
mali, pericoli e sfortunati eventi.
Anche al Museo Popoli e Culture del PIME si conservano antichi cimeli benaugurali
portati da terre lontane: tintinnanti copricapi indiani decorati con specchietti e
monete, particolari astucci africani di pelle che contengono pezzi di pergamena e tanti
altri reperti.
Per il ciclo Museum Summer Lab dedicato ai bambini dai 6 agli 11 anni accompagnati
dai genitori, il laboratorio “Storie di amuleti” sarà l’occasione per una full immersion
tra questi oggetti, per scoprirne le storie e i significati. Al termine, come sempre, i
piccoli partecipanti impareranno a realizzare un simpatico gioco da regalare a una
persona speciale.
L’appuntamento è venerdì 25 Giugno in presenza ore 10-12, PIME, via Monterosa 81,
Milano (Metro Lotto o Amendola).
Per partecipare: € 3 + € 5 per l’attività. Accompagnatori: € 3 (ingressi ridotti).
Il numero degli accessi al museo è limitato secondo le misure di contrasto al Covid19,
pertanto è necessaria la prenotazione, fino ad esaurimento posti, tramite l’apposito
form https://forms.gle/Q6ck2KUHqcyQQoLGA
Nuovo Centro PIME
Il PIME è il più antico istituto missionario italiano. Nacque nel 1850 come seminario
lombardo per le missioni estere. Nel 2019, si è provveduto alla dismissione del polo
romano concentrando le attività a Milano per una scelta di sobrietà e risparmio
economico, al fine di dare più servizi. Il nuovo Cento PIME milanese, con ingresso in
via Monterosa 81, oggi offre il teatro da 300 posti, una libreria, il Museo Popoli e
Culture ristrutturato e dotato di tecnologia interattiva, una caffetteria culturale, uno
Store per lo shopping equo e solidale e dei prodotti delle cooperative sociali attive in
Italia; la Biblioteca con il suo patrimonio di 43.000 volumi, una nutrita emeroteca, una
sala lettura aperta alla cittadinanza con particolare attenzione ai giovani studenti; una
nuova sala polivalente e altri spazi per appuntamenti culturali e proposte per il tempo