Inquinamento: sversamenti in affluente Foglia, denuncia Cc

(AGENPARL) – Roma 10 ago 2018 (ANSA) – SASSOCORVARO (PESARO URBINO), 10 AGO – Le analisi dell’Arpam hanno riscontrato presenza di sostanze pericolose come cromo, nichel, rame, piombo, zinco nel liquido biancastro confluito nel fosso di Ca’ Bargiano, ‘affluente’ del fiume Foglia a Mercatale di Sassocorvaro. Lo sversamento era stato scoperto dai carabinieri forestali delle Stazioni di Macerata Feltria e Sassocorvaro, anche con l’ausilio di un velivolo del Reparto di Reparto operativo aeronavale della guardia di finanza: proveniva da una ditta artigianale. Un malfunzionamento dell’impianto di depurazione ha provocato la percolazione delle acque del processo di lavorazione e di residui presenti sul piazzale. Il legale rappresentante della società è stato denunciato per violazione di norme del Testo unico ambiente e di prescrizione dell’Autorizzazione integrata ambientale. Le analisi hanno riscontrato che l’inquinamento è rimasto circoscritto al fosso e non ha riguardato il tratto a valle del Foglia. Il Comandante del Gruppo carabinieri forestali di Pesaro e Urbino, ten. col. Gabriele Guidi ha sottolineato la sinergia e la tempestiva collaborazione tra i Reparti dell’Arma dei Carabinieri, il Reparto Operativo Aereonavale della Guardia di Finanza e i tecnici dell’Arpam. L’intervento eseguito nella immediatezza – ha osservato – ha evitato la contaminazione del Foglia e conseguenze più gravi nel tratto fluviale a valle. Grazie alla successiva attività di indagine sono stati individuati i responsabili che hanno dimostrato ampia disponibilità nell’eseguire i necessari interventi”.