(AGENPARL) – Roma, 13 ottobre 2021 – Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato mercoledì che i prezzi del petrolio potrebbero raggiungere i 100 dollari al barile man mano che cresce la domanda di tutte le materie prime energetiche.

I prezzi dell’energia sono aumentati vertiginosamente mentre le economie riaprono dopo mesi di blocchi indotti dalla pandemia e l’offerta rimane limitata. I futures sul greggio West Texas Intermediate , il benchmark petrolifero statunitense, hanno superato gli 80 dollari al barile la scorsa settimana per la prima volta dal novembre 2014.

Ma Putin, leader di una delle più grandi nazioni produttrici di petrolio al mondo, crede che possa andare ancora più in alto. Quando gli è stato chiesto se il WTI potesse raggiungere i 100 dollari al barile, ha detto: “Questo è del tutto possibile”.

Parlando con Hadley Gamble della CNBC a un evento a Mosca, Putin, tuttavia, ha affermato che la Russia e altri paesi produttori di petrolio stanno facendo del loro meglio per stabilizzare il mercato.

“Russia, i nostri partner e il gruppo OPEC+, direi che stiamo facendo tutto il possibile per assicurarci che il mercato petrolifero si stabilizzi. Stiamo cercando di non consentire picchi di shock nei prezzi. Certamente non vogliamo averlo, non è nel nostro interesse”, ha detto, secondo una traduzione.

All’inizio di questo mese, l’OPEC + ha deciso di mantenere la sua posizione non aumentando la produzione, nonostante le pressioni di altre nazioni. Il gruppo si riunisce regolarmente per discutere le sue politiche in un mercato dell’energia volatile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here