Agenparl
Image default
Home » I G7 ESORTANO LA CINA A RIVEDERE LE POSIZIONI SU HONG KONG

I G7 ESORTANO LA CINA A RIVEDERE LE POSIZIONI SU HONG KONG

(AGENPARL) – Roma, 18 giugno 2020 – Come già anticipato dall’Agenparl nei giorni scorsi, i ministri degli Esteri del gruppo dei sette paesi industrializzati hanno espresso mercoledì la loro «grave preoccupazione» per la recente decisione della Cina di imporre una legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong e hanno esortato Pechino a riconsiderare la mossa.

La legge proposta «rischierebbe di minare gravemente» l’alto grado di autonomia del territorio garantito dalla politica «un paese, due sistemi» della Cina, secondo la dichiarazione rilasciata da Gran Bretagna, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Stati Uniti come l’Unione europea.

«Invitiamo vivamente il governo cinese a riconsiderare questa decisione», hanno affermato.

Il ministero degli Esteri cinese ha in seguito affermato che il capo della politica estera Yang Jiechi ha detto al segretario di Stato americano Mike Pompeo durante l’incontro di mercoledì alle Hawaii che gli affari di Hong Kong, compresa la legislazione, sono questioni interne cinesi e che Pechino è irremovibile riguardo all’emanazione della legge per Hong Kong.

«Yang ha sottolineato che … la Cina si oppone risolutamente all’interferenza degli Stati Uniti negli affari di Hong Kong e si oppone risolutamente alla dichiarazione dei ministri degli esteri dei paesi del G-7 su questioni di Hong Kong», ha detto il portavoce Zhao Lijian in una nota.

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe si è fatto parte attiva per guidare gli sforzi del G-7 per presentare una dichiarazione che esprimesse preoccupazione per la questione di Hong Kong, dopo che quattro paesi, tra cui gli Stati Uniti, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta il 28 maggio condannando la Cina per la sua decisione di introdurre il legislazione controversa.

Ricordo che la legge mira a reprimere quelle che Pechino considera attività sovversive sul territorio.

Lo stesso giorno, il principale portavoce del governo giapponese ha espresso le «serie preoccupazioni» del paese per la legislazione in una conferenza stampa. Ma il Giappone e l’Unione Europea hanno entrambi deciso di non firmare la dichiarazione del 28 maggio, secondo fonti ben informate.

La mancanza del Giappone di aderire alla dichiarazione del 28 maggio è stata vista da alcuni come un segno di riluttanza a contrastare la Cina anche se gli Stati Uniti, suo stretto alleato, sono stati sempre più duri con Pechino.

Con i paesi del G-7 che sollecitano direttamente la Cina a rivedere la sua decisione, l’ultimo documento sembra aver assunto un tono molto più duro rispetto alla dichiarazione del 28 maggio.

Nella dichiarazione rilasciata mercoledì, i ministri degli esteri del G-7 hanno sottolineato la loro «grave preoccupazione per la decisione della Cina di imporre una legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong».

Hanno anche affermato che la decisione «metterebbe a repentaglio il sistema che ha permesso a Hong Kong di prosperare e di averlo reso un successo per molti anni».

Nel documento del 28 maggio, Australia, Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti hanno espresso la loro «profonda preoccupazione» per la mossa e hanno avvertito che potrebbe «erodere drammaticamente» l’alto grado di autonomia di Hong Kong.

Secondo la politica della Cina «un paese, due sistemi», a Hong Kong fu promesso che avrebbe goduto dei diritti e delle libertà di una regione semiautonoma per 50 anni dopo il ritorno dell’ex colonia britannica al dominio cinese nel 1997.

Si teme tuttavia che la legge sulla sicurezza nazionale, che secondo la Cina è necessaria per combattere il separatismo, la sovversione, le interferenze straniere e il terrorismo a Hong Kong, offrirebbe a Pechino maggiori opportunità di erodere le libertà e i diritti umani sul territorio.

I ministri degli esteri del G-7 hanno anche criticato la Cina nella dichiarazione per non aver rispettato i suoi impegni internazionali ai sensi della Dichiarazione congiunta sino-britannica del 1984, un trattato internazionale giuridicamente vincolante che chiariva i diritti e le libertà di Hong Kong.

Anche gli Stati Uniti hanno reagito duramente contro la Cina, con il presidente Donald Trump che ha avviato un processo per revocare il trattamento speciale per Hong Kong che ha contribuito a rendere il territorio una destinazione di investimento attraente e un centro finanziario internazionale.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More