(AGENPARL) – gio 25 novembre 2021 [Testo alternativo]
I COMENCINI: di padre in figlia
L’ultimo incontro dell’iniziativa I CINEMA: “SALE” DELLA VITA il 2 dicembre al Teatro Cinema Ariston di Gaeta con due protagonisti del cinema e della cultura italiana legati da un’importante storia familiare: Cristina e Luigi Comencini
Giovedì 2 dicembre 2021 – Ore 18:30
Incontro con
Cristina Comencini
che presenta il suo ultimo libro
“L’altra donna” (Einaudi)
e ricorda il padre, Luigi Comencini
A seguire: proiezione del film
TUTTI A CASA di Luigi Comencini
Modera la serata: Franco Montini
Presidente Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani e giornalista de “La Repubblica”
Teatro Cinema Ariston Gaeta
Piazza della Libertà, 19 – Gaeta LT
[https://www.aristongaeta.it](https://customer158.musvc1.net/e/t?q=9%3dDUU%26H%3dD%26D%3dQfMX%26B%3dWMRPWE%26K%3d57n1xP7FF_Ndsm_Yn_Hnyc_R3_Ndsm_XsMJS.nH6O7EACn5G7.vJ%261%3dI8II9D.D2P%26vI%3dOXJZP&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
Ingresso: € 5,00
Si può ricostruire un viaggio fra pubblico e privato nella recente storia italiana attraverso il cinema della “dinastia” Comencini. Il padre Luigi, spaziando nei generi più diversi, dalla commedia al drammatico, dal grottesco al giallo, con i suoi film ha raccontato la tragedia della guerra, le speranze della ricostruzione, il boom economico, la crisi dei valori morali. Sua figlia Cristina, impegnata a tempo pieno anche sul versante letterario, ha affrontato, anche lei in un’alternanza di romanzi e film brillanti e drammatici, la realtà dei nostri giorni, segnati dalla globalizzazione, dal confronto con culture diverse, dal ribaltamento dei ruoli fra uomini e donne, dalla crisi del tradizionale modello famiglia.
In questo senso, anche se Luigi e Cristina appartengono a due epoche cinematografiche lontane e profondamente diverse, è possibile individuare una sorta di eredità lasciata dal padre alla figlia. Attraverso la partecipazione e la testimonianza di Cristina Comencini all’ultimo appuntamento dell’iniziativa I CINEMA: “SALE” DELLA VITA, in programma al Cine-Ariston di Gaeta giovedì 2 dicembre alle ore 18:30, si intende proprio analizzare questo rapporto e raccontare alcuni momenti alti della produzione artistica dell’uno e dell’altra. Così Cristina Comencini aprirà l’appuntamento, coordinato dal giornalista e critico cinematografico Franco Montini, presentando il suo più recente romanzo “L’altra donna”, edito da Einaudi: una storia che, mettendo a confronto due donne legate ad uno stesso uomo, la prima è l’ex-moglie, la seconda la nuova compagna, affronta il tema della rivalità femminile, che in questo caso si trasforma anche in complicità, e l’impossibilità di liberarsi dal proprio vissuto. La conversazione dell’autrice sarà aperta al confronto con i circoli di lettura del Golfo di Gaeta.
La seconda parte dell’incontro verterà invece sul ricordo di Luigi Comencini, che anticiperà la proiezione di uno dei suoi più celebri film, “Tutti a casa”, girato nel 1960: un affresco sulle contraddizioni, le vigliaccherie, gli eroismi che seguirono la dissoluzione dell’esercito italiano dopo l’8 settembre 1943.
“La scelta – afferma Montini – è caduta su questa pellicola, oltre che per l’indubbio valore artistico, anche per il fatto che parte della lavorazione si svolse proprio a Gaeta, all’epoca ancora segnata dalle pesanti ferite provocate dai bombardamenti bellici, e trasformata sullo schermo in una Napoli semidistrutta”. Ed evocazione del territorio attraverso il cinema che fu è anche una piccola mostra fotografica, a cura dell’Associazione “Gaeta in bianco e nero” che verrà allestita nel foyer, con le immagini del backstage scattate durante la lavorazione del film. L’ingresso in sala (incontro + proiezione) è di € 5; entrata previa presentazione del greenpass.
Cristina Comencini nasce a Roma nel 1956. Figlia del regista Luigi Comencini e madre di Carlo, Giulia e Luigi, esordisce al cinema come attrice nel 1969, diretta dal padre in Infanzia, vocazione e prime esperienze di Giacomo Casanova, veneziano, accanto a Tina Aumont e Maria Grazia Buccella. Laureata in Economia e Commercio con Federico Caffè, lavora per alcuni anni come giornalista economica e ricercatrice. Inizia la carriera di scrittrice nel cinema sceneggiando insieme al padre il film TV Il matrimonio di Caterina (1982) e il lungometraggio Buon Natale… Buon anno del 1989; è co-sceneggiatrice di Ennio De Concini in Quattro storie di donne (1986) e autrice insieme a Suso Cecchi D’Amico dei televisivi Cuore e La Storia, entrambi diretti dal padre.
Nel 1988 esordisce alla regia con una fiaba lieve e aggraziata, Zoo, cui fanno seguito l’ambizioso ed elegante I divertimenti della vita privata (1990), il criptico e sinuoso La fine è nota (1992, tratto dal romanzo omonimo di Geoffrey Holliday Hall), il fortunato Matrimoni (1998) e successivamente Liberate i pesci con Michele Placido e Laura Morante, passando nel 1995 per la trascrizione in immagini del celebrato bestseller di Susanna Tamaro Va’ dove ti porta il cuore. Del 2005 è La bestia nel cuore, pellicola nominata all’Oscar come miglior film straniero e premiata al Festival del Cinema di Venezia con la Coppa Volpi per l’interprete femminile protagonista, Giovanna Mezzogiorno. Nel gennaio 2008 Cristina Comencini è tornata al cinema con Bianco e nero, commedia e storia d’amore appassionato tra un giovane uomo italiano senza grandi idee sul tema dell’Africa e una donna senegalese che vive in Italia da dieci anni. Sceneggiatrice de La donna della mia vita, ha partecipato alla 68. edizione della Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia con il lungometraggio Quando la Notte. Latin Lover con un cast quasi tutto al femminile del 2015. Qualcosa di nuovo, adattamento cinematografico dello spettacolo teatrale La scena, è il suo penultimo film, uscito nel 2017. Successivamente realizza il documentario Sex Story e il film Tornare, presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma nel 2019.
Cristina Comencini è anche autrice e regista di pièces teatrali (Due Partite, 2006; Est Ovest, 2009; il dialogo Libere, 2010, La scena 2013; Tempi Nuovi 2017) e di numerosi romanzi editi da Feltrinelli (Pagine strappate, 1991; Passione di famiglia, 1994; Matrioska, 2002; La bestia nel cuore, 2004; Due partite, 2006; L’illusione del bene, 2007, finalista al Premio Strega; Quando la Notte, 2009; La nave più bella 2012; Lucy, 2014; Voi non la conoscete, 2014.
Editi invece da Einaudi gli ultimi romanzi: Essere vivi (2016), Da soli (2018) e L’altra donna (2021).
Franco Montini giornalista e critico cinematografico, è presidente del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI). Scrive regolarmente per il quotidiano “La Repubblica” e per varie testate di settore. Direttore artistico del festival “Lo Spiraglio” e del Premio della Critica Cinematografica e Televisiva Castello di Precicchie. Ha pubblicato alcuni volumi: “I novissimi” edito dalla Eri; una biografia di Carlo Verdone per “Gremese” ed una di Luigi Magni per la Eri. Ha curato il volume “Il cinema italiano del terzo millennio” pubblicato da Lindau; “Gian Maria Volontè- Lo sguardo ribelle” per Fandango Libri e “Istantanee sul cinema italiano” per Rubbettino. Presidente dell’associazione “Made in Italy”, si occupa della diffusione del cinema italiano sui territori di lingua tedesca.
I CINEMA: “SALE” DELLA VITA è un’iniziativa AGIS, realizzata con il sostegno di Regione Lazio e in collaborazione con ANEC Lazio.
Direzione artistica: Franco Montini, Roberto Ippolito e Claudio Giustini.
Media partner: Dimensione Suono Soft.
Sito web ufficiale:
[http://www.aneclazio.com/](https://customer158.musvc1.net/e/t?q=3%3dKVL%26B%3dK%26E%3dHZTY%263%3dQTSGQL%26L%3dv1u2oJDG_6qmq_G1_Brgp_L7_6qmq_F6GNA.186qBuQwE.wF1_Hktd_Rz%265%3d1KCMqQ.868%269C%3dSFWTT&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here