Agenparl
Image default
Home » HONG KONG, LA CINA PENSA DI INTRAPRENDERE DELLE CONTROMISURE CONTRO USA GRAN BRETAGNA E AUSTRALIA

HONG KONG, LA CINA PENSA DI INTRAPRENDERE DELLE CONTROMISURE CONTRO USA GRAN BRETAGNA E AUSTRALIA

(AGENPARL) – Roma, 02 luglio 2020 – La Cina ha reso noto che sta prendendo in considerazione delle serie contromisure contro la Gran Bretagna e gli Stati Uniti per le loro politiche contro Hong Kong a seguito sull’imposizione di Pechino di una legge sulla sicurezza nazionale nel territorio.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijian ha dichiarato – dopo l’annuncio del governo britannico che faciliterà le domande di cittadinanza per i titolari di passaporti nazionali britannici (d’oltremare) a Hong Kong – la Gran Bretagna avrà conseguenze per aver infranto la sua promessa.

«Tutti i connazionali cinesi a Hong Kong, compresi quelli in possesso di passaporti BNO, sono cittadini cinesi», ha detto Zhao ai giornalisti durante un briefing periodico a Pechino.

«Prima della consegna di Hong Kong, la parte britannica aveva chiaramente promesso di non dare il diritto di residenza ai possessori di documenti di viaggio della BNO».

La Gran Bretagna ha annunciato il cambio di politica nel giorno in cui la legge sulla sicurezza nazionale è stata imposta a Hong Kong – ex colonia britannica tornata al dominio cinese 23 anni fa – consentendo a circa 3 milioni di possessori di passaporto BNO di vivere e lavorare in Gran Bretagna per cinque anni, e di ottenere uno status stabile per un anno prima di richiedere la cittadinanza.

Da rilevare che i titolari di passaporto BNO non hanno ottenuto il diritto di dimora in Gran Bretagna.

Zhao ha affermato che l’insistenza della Gran Bretagna a fornire ai titolari di passaporto una strada per la residenza e la cittadinanza, trascurando la posizione cinese è una grave violazione del diritto internazionale e il principio fondamentale delle relazioni internazionali.

«La Cina esprime una forte condanna e si riserva il diritto di intraprendere ulteriori azioni, la Gran Bretagna dovrebbe sopportare tutte le conseguenze che ne derivano», ha detto Zhao, anche se ha rifiutato di commentare quando saranno intraprese le contromisure, affermando «il tempo non è ancora arrivato».

Sulla minaccia statunitense di sanzioni contro individui ed entità ritenuti responsabili dell’erosione dell’autonomia di Hong Kong, Zhao ha dichiarato che il piano per dissuadere la Cina dall’imporre la legge di Hong Kong è destinato a fallire.

«Smettere in qualsiasi modo di interferire negli affari di Hong Kong, oppure la parte cinese prenderà ferme e forti contromisure e gli USA sopporteranno tutte le conseguenze» ha proseguito.

La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato il disegno di legge mercoledì, che, analogamente a una misura approvata dal Senato la scorsa settimana, avrebbe dovuto essere approvato dal Senato prima dell’invio per la firma al presidente Donald Trump.

Nonostante il divieto della polizia, migliaia di manifestanti si sono radunati mercoledì a Hong Kong per manifestare contro la legge sulla sicurezza nazionale.

La polizia ha effettuato circa 370 arresti, tra cui 10 persone accusate di aver violato la legge sulla sicurezza nazionale.

Oltre alla Gran Bretagna e agli Stati Uniti, l’Australia ha anche affermato che sta pensando di offrire un rifugio sicuro per le persone di Hong Kong.

«Se chiedete se siamo pronti a intensificare e fornire supporto, la risposta è sì», ha detto il Primo Ministro Scott Morrison ai giornalisti in una conferenza stampa, esortando la Cina a mantenere i suoi precedenti impegni con la Gran Bretagna su Hong Kong.

«Stiamo prendendo in considerazione le proposte che ho chiesto di essere avanzate diverse settimane fa e gli ultimi ritocchi sarebbero in fase conclusiva e saranno presto presi in considerazione dal Consiglio dei Ministri», ha sottolineato.

In risposta, Zhao ha esortato l’Australia a smettere di interferire negli affari interni della Cina per quanto riguarda le questioni di Hong Kong e «a non perseguire ulteriormente sulla strada sbagliata».

L’Italia prenda posizione insieme agli USA, alla Gran Bretagna e all’Australia aiutando Hong Kong condannando l’azione della Cina.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More