Agenparl
Image default
Home » G7, TRUMP VUOLE COINVOLGERE ALTRI PAESI NEL PROSSIMO VERTICE

G7, TRUMP VUOLE COINVOLGERE ALTRI PAESI NEL PROSSIMO VERTICE

(AGENPARL) – Roma, 11 giugno 2020 – Il piano del presidente Donald Trump di coinvolgere più paesi in un prossimo vertice del Gruppo dei Sette ha creato ««increspature» con gli alleati degli Stati Uniti, incluso il Giappone, con alcuni esperti di politica estera che hanno avvertito che la mossa potrebbe sfociare in un forum politico spaccato.

Trump ha recentemente diffuso l’idea di invitare paesi tra cui Australia, India, Russia e Corea del Sud al summit negli Stati Uniti, mentre ha annunciato un rinvio dell’incontro almeno a settembre anziché a giugno, come precedentemente era previsto.

Il presidente Trump ha affermato che il G-7 è obsoleto.

Dietro a questa dichiarazione di facciata ci sono due obiettivi: portare la Russia e rafforzare la posizione anti-cinese della comunità internazionale.

Ma la proposta di Trump di riammettere la Russia al G-7 è stata schivata. Ricordiamo che fanno parte dei G7 Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Francia, Germania, Italia e Giappone, nonché l’Unione Europea.

La Russia faceva parte del blocco dagli anni ’90 – allora noto come il Gruppo degli Otto – fino a quando non è uscita a seguito delle proteste internazionali per l’annessione della Crimea dall’Ucraina nel 2014.

Trump, entrato in carica nel 2017, ha espresso chiaramente il suo desiderio di far rientrare la Russia. All’inizio di questo mese, in un’intervista radiofonica ha sostenuto che è “buonsenso” avere il presidente russo Vladimir Putin nei colloqui.

«La metà dell’incontro (G-7) è dedicata alla Russia. E se fosse lì, sarebbe molto più facile da risolvere», ha detto Trump, aggiungendo, «Era il G-8. Non dico meritevole o non meritevole, dico buon senso, di fare le cose».

Ma il primo ministro canadese Justin Trudeau, citando l’annessione della Crimea, ha sostenuto che la «continua mancanza di rispetto» di Mosca delle norme e delle norme internazionali è il motivo per cui rimane al di fuori del G-7 e che il paese «continuerà a rimanere fuori».

Il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell si è anche opposto alla partecipazione della Russia, sottolineando che la cooperazione tra «partner affini» è tanto più cruciale in tempi difficili come la pandemia di coronavirus.

Pur riconoscendo che spetta agli Stati Uniti, che detengono la presidenza di turno del G-7, decidere quali paesi invitare come ospiti alla riunione, Borrell ha affermato che cambiare l’assetto su base permanente «non è una prerogativa del G- 7 chair».

Non è chiaro se Trump stia cercando un’immediata espansione permanente del G-7, ma ha descritto l’incontro con i paesi invitati come qualcosa di simile a un «G-10» o «G-11».

Secondo un funzionario del governo degli Stati Uniti, Trump vuole discutere su come affrontare la Cina al vertice. Il presidente degli Stati Uniti, che affronterà le elezioni di novembre nel bel mezzo di sfide senza precedenti che vanno dalla pandemia ai disordini razziali, ha intensificato il suo duro discorso sulla Cina su Hong Kong e su altre questioni, apparentemente sperando di sviluppare il sentimento anti-Cina prevalente tra il pubblico.

Ma anche l’inclusione di tre paesi democratici – Australia, India e Corea del Sud – potrebbe non garantire l’idea di un fronte unito sulla Cina, come desidera Trump.

La Corea del Sud è molto preoccupata per come la Cina verrà collocata durante l’espansione del G-7 perché vuole dimostrare che è uno stretto alleato degli Stati Uniti senza opporsi alla Cina, un paese con cui la Corea del Sud ha forti legami economici.

E, certamente, i politici a Seoul devono preoccuparsi che sarà molto, molto difficile farlo in quel contesto.

La partecipazione della Corea del Sud, nel frattempo, è una questione delicata anche per il Giappone, che ha goduto del suo status di unico membro asiatico del G-7 mentre era bloccato nelle controversie con Seoul su questioni storiche.

«Non ci importa che Australia e India si uniscano, ma la Corea del Sud è diversa», ha detto un funzionario del governo giapponese.

Con Trump insoddisfatto dal fatto che il G-7 non rappresenti l’attuale situazione globale e la questione dell’appartenenza che si sta già dimostrando altamente controversa tra gli altri paesi, una fonte del governo giapponese ha espresso dubbi sul fatto che il vertice si svolgerà quest’anno.

È chiaro che terrà una riunione solo quando serve al suo scopo. Se non c’è alcun motivo nel farlo, è improbabile che la riunione abbia luogo, ha detto la fonte, riferendosi a Trump.

Trump è stato vago esattamente quando ha intenzione di tenere il vertice del G-7. Ha detto che «un buon momento» sarebbe prima delle elezioni presidenziali di novembre, ma ha anche detto che l’evento potrebbe tenersi in seguito.

Trump, che ha preferito un approccio unilaterale alle questioni di politica estera, ha già vacillato sulla messa in scena di un vertice del G-7.

Il 20 maggio, ha improvvisamente twittato che stava pensando di riprogrammare il vertice intorno a giugno per mostrare il «ritorno alla grandezza» del suo paese dalla crisi sanitaria. Ma l’idea si è esaurita in meno di due settimane dopo che il cancelliere tedesco Angela Merkel avrebbe respinto l’invito, e Trump ha annunciato il 30 maggio il rinvio del vertice e il piano di espansione.

Esiste il rischio che un allargamento dell’adesione possa portare a un’ulteriore disunione e incapacità di dimostrare il coordinamento di fronte alla crescente assertività della Cina nella regione indo-pacifica.

Il gruppo di 20 (che comprende paesi come la Cina e la Russia) è già il principale forum per una più ampia cooperazione economica internazionale e il G-7 rappresenta i paesi più industrializzati con prospettive globali simili e valori simili.

Quindi deve esserci un equilibrio tra la rivalutazione di come l’ampliamento dell’adesione potrebbe renderlo più forte e il mantenimento di un’adesione che è più probabile che sia unita ed efficace.

Forse i tempi sono maturi per far rientrare la Russia non solo nei G7 ma anche nella NATO.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More