(AGENPARL) – mar 02 novembre 2021 [image.gif]
FACCIA /identità e deformità
di ANTONIO MARTURANO
Fefè Editore
pagg. 130 • € 12 • 2021
Collana diretta da Lucio Saviani
In libreria l’11 novembre
La FACCIA “portatrice dell’Identità” è elemento sociale di fondamentale importanza. Connota il sé sia quando ci guardiamo allo specchio sia quando ci mostriamo agli altri. Poi c’è la malattia della FACCIA, la deformità: dagli antichi Greci all’Elephant Man, dai gueules cassées, i soldati sfregiati della Prima Guerra, a Guy de Gourmont, amico di Apollinaire. L’Autore è portatore della Sindrome di Treacher Collins, che colpisce cranio e faccia.
In questo libro si tratta della faccia, non del volto: la faccia è una parte precisa, materiale, del nostro corpo, mentre il volto ha delle connotazioni più filosofiche, letterarie, perfino teologiche. La faccia è l’elemento distintivo di un individuo nell’ambito dei rapporti sociali, è la portatrice dell’identità personale, è la primissima parte del corpo che di un individuo appare e che un individuo propone al suo prossimo. Per questo fondamentale ruolo identitario, le varie forme di deformità facciale assumono estrema importanza, come elemento di esclusione sociale, nella storia e ancora oggi. L’Autore ne parla con cognizione di causa come portatore della Sindrome di Treacher Collins Franceschetti.
ANTONIO MARTURANO Vive e lavora a Roma. Docente di Antropologia Filosofica all’Universitàdi Roma Due, già docente all’Università Cattolica di Roma, Universitàdi Pisa, LUISS. Autore di diversi saggi, curatele e oltre uncentinaio di articoli scientifici pubblicati e tradotti in diverse lingue.Con esperienze di insegnamento all’Università di Richmond (Usa),all’Università di Exeter (Uk), già membro del Comitato di Etica dellaSanità Militare Italiana.