(AGENPARL) – lun 11 ottobre 2021 [Accedi alla pagina](https://www.europarl.europa.eu/news/it/press-room)
Servizio stampa
Parlamento europeo
Disponibile in
Comunicato stampa
11-10-2021
• Numerosi giovani provenienti da tutta Europa si sono riuniti a Strasburgo per discutere il loro modello futuro di UE
• Le proposte più concrete confluiranno nella Conferenza sul futuro dell’Europa
• I numeri dell’evento: 10.000 partecipanti, 2.000 idee, 160 attività
Riciclaggio dei rifiuti, multilinguismo, Stato di diritto ed Europa federale sono alcune delle idee principali dei 10.000 giovani partecipanti all’EYE 2021.
L’Evento Europeo della Gioventù 2021 (European Youth Event – EYE) si è svolto l’8-9 ottobre e ha coinvolto 5.000 giovani al Parlamento europeo di Strasburgo e altri 5.000 online, per discutere oltre 2.000 idee per plasmare il futuro dell’Europa.
Le idee dei giovani europei alimenteranno la Conferenza sul futuro dell’UE
Il processo di consultazione dei giovani per la [Conferenza sul futuro dell’Europa](https://futureu.europa.eu/?locale=it), in collaborazione con le organizzazioni giovanili paneuropee, è iniziato a maggio 2021 e ha raccolto più di 2.000 idee sul futuro dell’Europa attraverso la piattaforma online [youthideas.eu](https://www.youthideas.eu/it).
Tra le proposte discusse, i partecipanti all’EYE2021 hanno presentato delle idee concrete per rendere il riciclaggio di rifiuti più agevole nell’UE, per rendere più efficace la cosiddetta procedura “dell'”articolo 7” che protegge i valori UE e per promuovere il multilinguismo attraverso la riforma dell’apprendimento delle lingue nelle scuole.
Il cambiamento climatico, il COVID-19 e la sicurezza internazionale sono considerate le sfide significative per l’UE. Per questo, i partecipanti hanno presentato delle proposte per un’Europa federale, insieme ad alcune idee per far sì che le aziende siano maggiormente responsabili del loro contributo al cambiamento climatico.
Per ulteriori informazioni
[EYE – Evento europeo della gioventù](https://european-youth-event.europarl.europa.eu/it/)