(AGENPARL) – Roma, 12 ottobre 2021 – Le origini del Columbus Day – che commemora l’esploratore italiano Cristoforo Colombo – derivano dagli sforzi per combattere il razzismo contro gli immigrati italiani.

Italiani che hanno sopportato di tutto, dagli epiteti razziali ai linciaggi, quando sono giunti ​​negli Stati Uniti.

Oggi, gli italoamericani affrontano un nuovo tipo di foll(i)a, quella che cerca di vietare la festa federale che celebra il patrimonio italiano.

Sebbene la prima celebrazione registrata del Columbus Day negli Stati Uniti sia stata nel 1792, la festa è diventata famosa a livello nazionale oltre un secolo dopo, quando il presidente degli USA, Benjamin Harrison, emesse un proclama il 12 ottobre 1892, incoraggiando gli americani a celebrare la giornata in onore della esploratore italiano.

Sebbene la proclamazione del Presidente Harrison sia stata fatta nel 400° anniversario del viaggio di Colombo nel Nuovo Mondo, il principale scopo era di riconoscere la festa nel 1892, ma aveva meno a che fare con l’onorare l’esploratore italiano e più con l’incoraggiare gli americani ad accettare maggiormente gli immigrati italiani. Questo perché la proclamazione del 1892 fu fatta sulla scia di uno dei peggiori episodi di violenza razziale nella storia americana: il linciaggio di massa di italoamericani a New Orleans nel 1891 che costò la vita a undici italiani.

La violenza a New Orleans era in atto da anni. L’odio contro gli ​​italiani è stato apertamente sposato dai giornali del giorno. Ad esempio, nel 1882 il New York Times pubblicò un editoriale dal titolo “Our Future Citizens”, in cui il comitato editoriale del Times affermava: “Da quando New York è stata fondata non c’è mai stata una classe così bassa e ignorante tra gli immigrati che si sono riversati qui come i meridionali che hanno affollato le nostre banchine nell’ultimo anno”.

I redattori del Times hanno continuato a esprimere il loro disgusto per il fatto che “assolutamente inadatti – cenciosi, sporchi e parassiti” i bambini immigrati italiani sarebbero stati “inseriti nelle scuole primarie pubbliche tra i bambini perbene dei meccanici americani”.

Nel 1887, lo stesso  New York Times avrebbe scritto con approvazione sul linciaggio nel Mississippi di un uomo che chiamavano “Dago Joe”, usando l’insulto razziale (“dago”) che era comunemente rivolto agli italiani.

Con il sentimento anti-italiano che dilaga – e gli immigrati italiani che cercano lavoro nei campi della Louisiana per sostituire gli schiavi recentemente emancipati – l’ambiente è diventato maturo per il conflitto a New Orleans, dove quasi 300.000 immigrati italiani si sarebbero stabiliti tra il 1884 e il 1924.

Nell’autunno del 1890, il capo della polizia di New Orleans David Hennessy fu assassinato. Più tardi, un testimone ha affermato di aver sentito il capo della polizia dire che “dagoes” gli aveva sparato. In risposta, la polizia  arrestò centinaia di italiani e alla fine vennero accusati solo nove di loro di complicità nell’omicidio di Hennessy. Tuttavia, quando il loro processo portò a sei verdetti di non colpevolezza e tre processi giudiziari, il pubblico indignato ed, istigato dalla stampa locale, si scagliò contro gli italiani in generale.

Quello che seguì il 14 marzo 1891 fu il più grande linciaggio di massa nella storia americana, come spiegò History.com :migliaia di residenti arrabbiati si radunarono vicino al carcere. Gli oratori appassionati hanno scatenato la folla in delirio, dipingendo gli immigrati italiani come criminali che avevano bisogno di essere cacciati dalla città. Alla fine, la folla ha fatto irruzione nell’arsenale della città, afferrando pistole e munizioni. Mentre correvano verso la prigione, gridarono: “Vogliamo i Dago!”

Un gruppo più piccolo di uomini armati ha fatto irruzione nella prigione, afferrando non solo gli uomini che erano stati assolti o a cui era stato concesso un errore giudiziario, ma molti che non erano stati processati o accusati per i crimini. Risuonarono gli spari, a centinaia. I corpi di undici uomini sono stati crivellati di proiettili e fatti a pezzi dalla folla.

Fuori dalla prigione, la folla più numerosa ha applaudito mentre i corpi mutilati venivano mostrati. Alcuni cadaveri furono impiccati; ciò che restava degli altri veniva fatto a pezzi.

Il giorno successivo, il  New York Times ha  celebrato i linciaggi di massa a New Orleans con un titolo che diceva: “Chief Hennessy Avenged: Eleven of his Italian Assassins Lynched by a Mob” (Il capo Hennessy vendicato: undici dei suoi assassini italiani linciati dalla folla).

“Questi siciliani furtivi e codardi, i discendenti di banditi e assassini, che hanno trasportato in questo paese la loro cultura senza legge, le pratiche tagliagole e le società legate al giuramento del loro paese natale, sono per noi una peste senza mitigazioni”, avevano scritto i redattori del The Times.

Successivamente a causa di questi avvenimenti, il governo italiano ha interrotto le relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti e le tensioni sono state allentate solo dopo che il governo degli Stati Uniti ha pagato un’indennità agli italiani. Più tardi, nel suo discorso sullo stato dell’Unione del 1891, il presidente Harrison invitò il Congresso a proteggere i cittadini stranieri dalla violenza della folla.

Dopo la proclamazione nazionale del Columbus Day di Harrison nel 1892, il presidente Franklin D. Roosevelt in seguito proclamò Columbus Day una festa ufficiale degli Stati Uniti nel 1937. Dal 1971, il Columbus Day è stato commemorato negli Stati Uniti il ​​secondo lunedì di ottobre.

Il proclama di Harrison del 1892 aprì la porta agli italoamericani per includersi nella “storia delle origini americane” e nel corso dei decenni, la festa diede agli italoamericani “un ruolo formativo nella narrativa della costruzione della nazione”, ha scritto l’ editore del New York Times Brent Staples nel 2019.

E da quando sono emigrati negli Stati Uniti, gli italiani hanno, infatti, continuato a dare innumerevoli contributi in America.

Nella sola New York City, gli immigrati italiani “sono andati a lavorare ai progetti di lavori municipali della città in crescita, scavando canali, posando pavimentazioni e condutture del gas, costruendo ponti e scavando tunnel nel sistema della metropolitana di New York. Nel 1890, quasi il 90% dei lavoratori del Dipartimento dei Lavori Pubblici di New York erano immigrati italiani”, secondo la Library of Congress.

E sei immigrati italiani – noti come i fratelli Piccirilli – sono stati anche responsabili della scultura di “molte delle opere in marmo più significative negli Stati Uniti”,  osserva la Biblioteca pubblica di New York.

Tra quelle sculture significative c’è l’iconica  statua di Lincoln nel Lincoln Memorial a Washington, DC

La Biblioteca Pubblica di New York aggiunge che i fratelli Piccirilli hanno anche scolpito i leoni per la Biblioteca, così come le sei figure allegoriche che rappresentano Storia, Romanticismo, Religione, Poesia, Dramma e Filosofia che adornano la facciata della Fifth Avenue della Biblioteca.

E a Cleveland, Ohio, le imponenti statue art déco conosciute come i “Guardiani del traffico” – che fungono da icone per la città – sono state scolpite  in gran parte da immigrati italiani.

Ora, nell’era dell’annullamento della cultura, gli italoamericani affrontano un nuovo tipo di foll(i)a – quella che cerca di cancellare la festa federale che celebra gli immigrati italiani e sostituirla con una “Giornata dei popoli indigeni”, sostenendo che il Columbus Day offende i nativi americani.

E’ di venerdì 8 ottobre 2021, la notizia secondo la quale il presidente Joe Biden ha emesso il primo proclama presidenziale per la Giornata dei popoli indigeni, adottando la pratica a lungo promossa dalla sinistra in sostituzione del Columbus Day.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here