(AGENPARL) – Roma, 02 settembre 2021 – L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sta esortando i paesi a rallentare le dosi di richiamo per le vaccinazioni del Covid-19 fino a settembre, in modo che le nazioni più povere possano fornire ai cittadini la loro prima dose di vaccino.

Il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha detto ai giornalisti che alcuni paesi a basso reddito, tra cui molti in Africa, hanno meno del due per cento della loro popolazione adulta completamente vaccinata.

Al contrario, alcuni paesi ad alto reddito hanno tassi di vaccinazione per adulti del 50 percento.

Secondo l’ OMS, nel mondo sono stati somministrati più di cinque miliardi di vaccinazioni contro il COVID-19, di cui il 75% solo in 10 paesi.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), gli Stati Uniti hanno vaccinato completamente oltre il 52% della popolazione.

Il presidente Joe Biden ha affermato che gli Stati Uniti prevedono di distribuire ampiamente le dosi di richiamo di COVID-19 a partire dalla settimana del 20 settembre, in attesa dell’autorizzazione della Food and Drug Administration (FDA) e degli scienziati del CDC.

«Ecco perché ho chiesto una moratoria sui booster, almeno fino alla fine di questo mese per consentire ai paesi più indietro di recuperare il ritardo», ha detto Tedros in una conferenza stampa mercoledì.

Sebbene possano essere necessarie dosi aggiuntive per coloro che hanno un sistema immunitario compromesso o un’immunità in calo, Tedros ha osservato che «per ora, non vogliamo vedere un uso diffuso di booster per le persone sane che sono completamente vaccinate».

I commenti del direttore generale dell’OMS sono in netto contrasto con quelli del dottor Antony Fauci, capo consigliere medico del presidente Joe Biden, che la scorsa settimana ha affermato di essere “certo» che gli americani avrebbero bisogno di dosi di richiamo del vaccino COVID-19.

«Sono certo che avremo bisogno di quella terza dose, guardando i dati che stiamo vedendo», ha detto Fauci a “Meet the Press” della NBC.

Fauci ha affermato che la Casa Bianca sta ancora pianificando di andare avanti con i suoi piani per distribuire i booster otto mesi dopo che le persone hanno ricevuto la seconda dose, osservando che da metà a fine luglio hanno visto un «calo della protezione contro l’infezione».

Tuttavia, il capo consulente medico ha affermato di essere “totalmente aperto ai dati” che suggeriscono che la dose dovrebbe essere disponibile prima e che “sarebbe flessibile al riguardo”.

«In questo momento, ci atteniamo a otto (mesi) ma siamo totalmente aperti a qualsiasi variazione in base ai dati», ha detto Fauci.

Altri funzionari dell’OMS hanno precedentemente difeso le vaccinazioni di richiamo nelle nazioni più ricche, tra cui Hans Kluge, direttore regionale europeo dell’OMS.

Durante una conferenza stampa il mese scorso, Kluge ha affermato che le dosi di richiamo servono come «uno strumento importante» per proteggere le persone vulnerabili e tenerle al sicuro, esortando i paesi con dosi eccessive a condividerle con altre nazioni.

«Una terza dose di vaccino non è un richiamo di lusso sottratto a qualcuno che sta ancora aspettando un primo vaccino. Ma è fondamentalmente un modo per proteggere le persone, le più vulnerabili», ha detto Kluge. «Ma allo stesso tempo, dobbiamo condividere. Dobbiamo fare tutto».

Le aziende farmaceutiche con vaccini COVID-19 già sviluppati, come Pfizer, hanno richiesto la piena approvazione della FDA per un richiamo in aggiunta al loro vaccino a due dosi.

La società ha affermato che 306 persone a cui è stata somministrata una terza dose del suo vaccino tra i cinque e gli otto mesi dopo la seconda iniezione hanno mostrato livelli di anticorpi neutralizzanti che erano 3,3 volte i livelli osservati dopo la seconda iniezione.

Da sottolineare che il Presidente degli USA, Joe Biden, ha detto che avrebbe ” seguito la scienza ” sulla politica del coronavirus, ma due funzionari della Food and Drug Administration (FDA) si sono appena dimessi per protestare contro quella che sostengono sia la pressione politica per spingere i colpi di richiamo del coronavirus.

Secondo il quotidiano il Politico , i due principali alti funzionari dei vaccini della FDA, Marion Gruber e Philip Krause, si sono dimessi dall’agenzia per quelle che considerano “scomode somiglianze tra il piano di richiamo dall’alto del team di Biden e i tentativi dell’ex presidente Donald Trump di indurre la FDA ad accelerare il suo processo di autorizzazione iniziale per i vaccini Covid-19 e far passare trattamenti contro i virus non provati”.

Prima della sua inaugurazione all’inizio di quest’anno, il presidente Biden ha svelato il suo team di consulenti scientifici e ha colto l’occasione per colpire l’amministrazione Trump promettendo di aiutare a ripristinare la fede dell’America nella “scienza e nella scoperta”.

«Questo è l’annuncio più emozionante che ho avuto modo di fare», ha detto Biden all’epoca. «Questa è una squadra che ti aiuterà a ripristinare la tua fiducia nel posto dell’America nella frontiera della scienza e della scoperta».

«La scienza è scoperta. Non è finzione», ha aggiunto Biden. «Si tratta anche di speranza»

Allo stesso modo, durante il suo insediamento, il presidente Biden ha affermato che consentirà alla sua amministrazione di essere “guidata dalla migliore scienza”.

«Il governo federale deve essere guidato dalla migliore scienza ed essere protetto da processi che garantiscano l’integrità del processo decisionale federale», ha affermato Biden all’epoca. «È quindi politica della mia amministrazione ascoltare la scienza».

Quando gli è stato chiesto di implementare potenzialmente l’obbligo della mascherina, Biden ha ripetuto di nuovo il mantra che il suo team «seguirà la scienza».

Secondo i funzionari della FDA, l’approccio dell’amministrazione Biden alla “scienza” è stato più politico che una frontiera di speranza e scoperta. In effetti, ben 11 funzionari attuali ed ex della FDA hanno dichiarato a Politico di essere frustrati dal “processo disgiunto” dell’amministrazione per quanto riguarda i colpi di richiamo.Le tensioni tra i regolatori della FDA e i massimi funzionari dell’amministrazione Biden, incluso Woodcock, che ha pubblicamente approvato il piano di rilancio, arrivano quando l’agenzia inizia ad affrontare le sue decisioni più difficili sui colpi di Covid-19. Molti si concentrano sul renderli disponibili ai bambini sotto i 12 anni, i cui corpi reagiscono in modo diverso al virus e ai vaccini per prevenirlo. La FDA dovrà decidere se il numero crescente di casi nei bambini giustifica la messa a loro disposizione di iniezioni in caso di emergenza, prima del più lungo processo di approvazione, che è più probabile che rilevi effetti collaterali rari.Ma per ora, gran parte della discordia all’interno dell’agenzia è incentrata sulla decisione dell’amministrazione di portare avanti i booster prima che i migliori scienziati della FDA avessero la possibilità di intervenire.

Era «il piano di rilancio dell’amministrazione; non era il piano di richiamo della FDA», ha affermato Paul Offit, un esperto di malattie infettive dell’Università della Pennsylvania che siede nel comitato consultivo sui vaccini della FDA.

Ad agosto, l’HHS ha rilasciato una dichiarazione congiunta con i funzionari della sanità pubblica annunciando le dosi di richiamo del coronavirus entro il 20 settembre, ma alti funzionari sanitari hanno detto a Politico che «incaricati politici all’interno della Casa Bianca hanno guidato in gran parte» la dichiarazione invece della FDA e di altri medici.

«La tensione all’interno dell’amministrazione e l’aperto scetticismo da parte di esperti esterni hanno alimentato il dito puntato e le divisioni tra le agenzie sanitarie», secondo Politico . «Gli scienziati, in particolare, sono stati confusi e sorpresi dal processo, hanno detto diverse persone coinvolte nei colloqui».

I funzionari della FDA erano anche confusi dal fatto che Biden fosse passato bruscamente dal suggerire di raccomandare i booster 8 mesi dopo i primi colpi a 5 mesi dopo i primi colpi. Il suo suggerimento sarebbe arrivato «dopo un incontro con il primo ministro israeliano Naftali Bennett».

Nonostante le dimissioni, il commissario ad interim della FDA Janet Woodcock ha inviato una nota martedì esprimendo sostegno per l’attuale processo, affermando che «i problemi sono complessi».

«I problemi sono complessi e le giornate sono lunghe, ma sappiate che il lavoro che avete svolto tutti fino ad oggi e che continuerete a fare nei giorni, nelle settimane e nei mesi a venire, si spera che un giorno ci permetta di metterci completamente alle spalle il Covid-19. e prepararci meglio per le sfide future», ha scritto Woodcock.

L’impressione che si ha è che in questa situazione che sta durando già da troppo tempo è che quello che regna sovrano è il caos, cioè uno stato di estrema confusione e disordine.

In pratica abbiamo messo una dozzina di cani e una dozzina di gatti insieme in una stanza.

E a pensare che è l’ignoranza che crea il caos non la conoscenza…