(AGENPARL) – Roma, 24 novembre 2021 – Gli Stati Uniti rilasceranno 50 milioni di barili di petrolio dalle sue riserve di emergenza in coordinamento con altri importanti paesi consumatori di energia come il Giappone e la Cina per affrontare l’aumento dei prezzi, ha riferito la Casa Bianca.

«Oggi, il Presidente ha annunciato che il Dipartimento dell’Energia renderà disponibili i rilasci di 50 milioni di barili di petrolio dalla Strategic Petroleum Reserve per abbassare i prezzi per gli americani».

«Mentre il mondo si sta riaprendo da un vicino arresto economico, i paesi di tutto il mondo sono alle prese con le sfide che sorgono quando la domanda dei consumatori di petrolio supera l’offerta», ha sottolineato la Casa Bianca.

«@POTUS ha lavorato con i paesi per affrontare la mancanza di approvvigionamento. Come risultato dei nostri sforzi diplomatici, questa versione sarà presa in parallelo con altre principali nazioni consumatrici di energia, tra cui Cina, India, Giappone, Repubblica di Corea e Regno Unito».

Anche se il Global Times intitola «La Cina potrebbe fare un favore agli Stati Uniti per aprire le sue riserve di petrolio greggio, ma darà priorità ai propri interessi in mezzo a interazioni bilaterali miste».

«La Cina potrebbe aiutare gli Stati Uniti a frenare l’impennata dei prezzi del petrolio e i timori di inflazione liberando le proprie riserve di greggio come favore, ma gli Stati Uniti devono restituire il favore con sincerità spingendo per un ambiente migliore per la cooperazione Cina-USA, in particolare astenendosi dall’accumulare pressione infondata e repressione della Cina in aree in cui non hanno bisogno dell’aiuto della Cina, hanno affermato gli esperti», scrive il Global Times.

La dichiarazione della Casa Bianca ha anche osservato che il rilascio sarà effettuato in parallelo con altre principali nazioni consumatrici di energia, tra cui Cina, India, Giappone, Corea del Sud e Regno Unito. 

«Il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha dichiarato mercoledì durante una conferenza stampa che la Cina è in stretto contatto con le parti interessate, compresi i paesi consumatori e produttori di petrolio. Ha anche affermato che la Cina vuole assicurarsi che il mercato petrolifero funzioni stabilmente a lungo termine attraverso la comunicazione e la cooperazione», riporta il Global Times.

«Perplesso dalla questione dell’aumento dei prezzi del petrolio, che alcuni media esteri hanno descritto come una delle sfide politiche più ripide di Biden oltre ad altre piaghe, Biden ha chiesto alla Cina di liberare le riserve di petrolio greggio durante un incontro virtuale che ha avuto di recente con il presidente cinese Xi Jinping, secondo al South China Morning Post (SCMP)». 

«La Cina non ha ancora fatto un annuncio chiaro se risponderà alla richiesta degli Stati Uniti, ma Reuters ha recentemente citato alcune fonti della National Food and Strategic Reserves Administration – l’ufficio delle riserve statali della Cina – secondo cui sta lavorando per liberare le riserve di petrolio greggio», sottolinea il Global Times.

«L’appello per il sostegno della Cina riflette “l’ansia” di Biden mentre lotta per respingere la pressione politica sull’aumento dei prezzi alla pompa e altri costi al consumo in vista delle elezioni di medio termine del 2022, al fine di mantenere la sua promessa di aiutare il paese a ripristinare il vigore economico, hanno detto gli esperti». 

«L’aumento dei prezzi del petrolio è qualcosa che gli Stati Uniti considerano più serio e gli Stati Uniti non possono risolvere il problema da soli. Ora è un dilemma che gli Stati Uniti non abbiano altra scelta che cooperare con la Cina”, Li Haidong, professore al L’Istituto di Relazioni Internazionali della China Foreign Affairs University, ha dichiarato martedì al Global Times. 

I prezzi della benzina negli Stati Uniti sono stati in media di circa 3,41 dollari al gallone di recente, i dati di mercato hanno mostrato, oltre il 60% in più rispetto all’anno precedente, poiché la ripresa economica del paese ha fatto salire i prezzi delle materie prime. Tuttavia, secondo i media, i prezzi del petrolio si erano corretti in seguito alla notizia del rilascio congiunto delle riserve di greggio. 

«Gli esperti hanno anticipato che la Cina potrebbe muoversi per offrire aiuto questa volta, tenendo in considerazione che un calo dei prezzi globali del greggio andrebbe a vantaggio anche delle imprese cinesi, ma hanno sottolineato che la Cina rilascerà riserve di petrolio in base alle proprie esigenze economiche, invece che solo seguendo ciecamente i “requisiti statunitensi”».

«Questo è un aspetto in cui Cina e Stati Uniti possono collaborare, poiché un calo dei prezzi globali del greggio andrebbe a vantaggio anche della Cina come principale importatore di greggio. La Cina non deve aiutare gli Stati Uniti, considerando gli attriti dei due paesi, ma possiamo considerare cosa dovrebbe dare la priorità alla Cina: i propri interessi economici o le controversie dei due paesi?» Huo Jianguo, vicepresidente della China Society for World Trade Organization Studies a Pechino, ha dichiarato martedì al Global Times. 

Anche He Weiwen, un ex alto funzionario commerciale e membro del Consiglio esecutivo della China Society for World Trade Organization Studies, ha dichiarato al Global Times che poiché l’inflazione cinese non è molto grave, la Cina non deve affrontare un problema così sporgente nei prezzi del petrolio. come gli Stati Uniti. 

«Il rilascio delle riserve petrolifere da parte della Cina dovrebbe essere una risposta simbolica. Tuttavia, non è una cosa negativa farlo in quanto può aiutare a bilanciare i prezzi globali del greggio e stabilizzare l’economia mondiale», ha affermato. 

Gli esperti hanno anche sottolineato che la Cina offrirà aiuto solo al proprio ritmo e entro le proprie capacità, invece di fare semplicemente ciò che gli Stati Uniti hanno chiesto. 

La Cina dovrebbe assumere un atteggiamento cauto verso il rilascio delle sue riserve di greggio in risposta alla richiesta degli Stati Uniti, ha detto martedì al Global Times Lin Boqiang, direttore del China Center for Energy Economics Research presso l’Università di Xiamen.

«Dovremmo dare la priorità ai nostri interessi», ha detto Lin. Ha osservato che la Cina non è un grande paese in termini di riserve statali di petrolio greggio nei confronti degli Stati Uniti, ed è difficile concludere se i principali paesi consumatori di petrolio, tra cui Stati Uniti, Giappone, India e Cina, possano raggiungere un consenso sul comune liberazione, mai avvenuta prima.

Poiché la Cina ha recentemente sofferto di una carenza di carbone che ha portato a restrizioni sull’utilizzo di energia, deve attuare misure per colmare il divario energetico. Il governo cinese ha anche rilasciato il primo lotto di riserve nazionali di greggio a settembre di 7,38 milioni di barili, ha osservato l’ufficio delle riserve statali.

Lin ha anche affermato che la possibilità di un rilascio coordinato globale di riserve strategiche di petrolio è bassa, poiché diversi paesi hanno pensieri diversi sul futuro dei prezzi del petrolio. Con la graduale abolizione delle restrizioni alla produzione da parte dell’OPEC in futuro, anche il prezzo del petrolio potrebbe scendere gradualmente dalla soglia degli 80 dollari.

«La volontà dei paesi di liberare le proprie riserve strategiche di petrolio per risolvere l’emergenza immediata non sarà forte», ha osservato Lin.

Martedì, l’agenzia di stampa indiana PTI ha riferito che l’India prevede di rilasciare circa 5 milioni di barili di greggio dalla sua scorta di emergenza in tandem con gli Stati Uniti, il Giappone e altre importanti economie per raffreddare i prezzi, anche se l’India, come terzo consumatore mondiale di petrolio e importatore, è stato gravemente colpito dall’incessante aumento dei prezzi internazionali del petrolio.

Lü Xiang, un esperto di studi statunitensi e ricercatore presso l’Accademia cinese delle scienze sociali, ha dichiarato martedì al Global Times che la Cina potrebbe offrire aiuto liberando le proprie riserve di petrolio, ma la scala sarà molto limitata poiché la Cina non è un importante esportatore di petrolio e ha solo diversi mesi di riserve di greggio. 

“Penso che sarà un piccolo accordo, invece di uno grande, tra Cina e Stati Uniti sulla questione del petrolio”, ha detto. 

Gli Stati Uniti hanno una riserva strategica di petrolio di circa 727 milioni di barili, che li rende le più grandi riserve strategiche di greggio al mondo, osserva il rapporto SCMP. 

La Cina ha intensificato gli sforzi per costruire le sue riserve di petrolio greggio negli ultimi anni. A metà del 2017, la Cina aveva costruito nove basi di riserve petrolifere nazionali in tutto il paese con una capacità di stoccaggio di 37,73 milioni di tonnellate di greggio. La Cina è anche di gran lunga il più grande importatore di greggio al mondo. L’anno scorso ha acquistato 542 milioni di tonnellate di greggio, con un aumento del 7,3% su base annua, secondo i dati diffusi dalla dogana cinese.

Gli esperti hanno anche sottolineato che gli Stati Uniti dovrebbero cambiare il loro atteggiamento “contraddittorio” nei confronti della Cina o di altri paesi poiché hanno cercato l’aiuto di quei paesi ma allo stesso tempo li hanno anche repressi. 

«La Cina ha le proprie responsabilità su questioni globali come la riduzione del carbonio e la stabilizzazione dei prezzi delle materie prime sfuse, ma gli Stati Uniti devono affrontare le proprie responsabilità non calpestando gli interessi di altri paesi e adottando un approccio a doppia faccia su di loro» Dong Shaopeng, lo ha dichiarato martedì al Global Times il ricercatore senior presso il Chongyang Institute for Financial Studies della Renmin University of China. 

Ha anche esortato gli Stati Uniti ad aumentare la loro comprensione di altri paesi e ad assumere un atteggiamento pragmatico verso la cooperazione con loro. 

Al recente vertice delle Nazioni Unite COP26 a Glasgow, nel Regno Unito, Biden ha criticato la Cina per non aver mostrato leadership, secondo france24.com. 

Sia la Cina che l’India sono state anche prese di mira dai media stranieri per essersi opposti all’impegno di “eliminare gradualmente” il carbone in un accordo durante l’evento, secondo la BBC. 

«Le relazioni geopolitiche non sono sempre le stesse e gli Stati Uniti perseguiranno strategie diverse in linea con i propri interessi», ha detto al Global Times Pan Jiahua, direttore dell’istituto di studi sull’eco-civiltà della Beijing University of Technology. 

Una cooperazione più profonda tra Cina e Stati Uniti è in linea con gli interessi di entrambe le parti, ha affermato Pan, osservando che poiché gli Stati Uniti hanno vantaggi nelle riserve di gas naturale e petrolio, una maggiore cooperazione sull’energia potrebbe aiutare a contrastare il deficit commerciale tra i due paesi. 

«Non c’è bisogno di amplificare le controversie alla COP26 contro la Cina o l’India poiché i paesi devono lavorare insieme sulla carenza di energia a beneficio del mondo», ha affermato Pan.

Fin qui la visione di Pechino sul rilascio dei 50milioni di barili di petrolio della riserva statunitense.

La posizione del Giappone è chiara alla luce della dichiarazione del primo ministro giapponese Fumio Kishida che ha detto mercoledì mattina a Tokyo che il suo paese rilascerà petrolio, esarebbe il primo prelievo di riserve di petrolio nel tentativo di abbassare i prezzi da parte della nazione povera di risorse.

L’annuncio degli Stati Uniti fa seguito alle settimane di consultazioni con i paesi di tutto il mondo, ha affermato la Casa Bianca, poiché l’aumento dei prezzi della benzina e di altri prodotti combustibili ha colpito le famiglie e le aziende già alle prese con l’impatto della pandemia di coronavirus.

India, Corea del Sud e Gran Bretagna sono anche tra i paesi che stanno intervenendo.

E’ chiaro che Biden è ora in preda al panico e deve dare necessariamente ‘un contentino’ agli americani, cioè deve dare almeno l’impressione che stia facendo qualcosa.

Qualsiasi cosa per abbassare i prezzi del gas, vuoi che si tratti di inviare lettere ‘infuocate’ alla FTC per fare da capro espiatorio contro i giganti del petrolio e del gas per le catastrofiche politiche “verdi” della sua amministrazione, o chiedendo in modo garbato a Xi Jinping – uno dei maggiori importatori di petrolio del mondo – di rilasciare un po’ di petrolio dalla riserva petrolifera strategica cinese che come già detto ha tanti se.

Molti analisti si aspettano che ci sia un controllo dei prezzi stile anni ’70 nell’agenda di Biden, visto che mancano meno di un anno alle elezioni di medio termine.

Ma prima di arrivarci, alcuni si chiedono: c’è qualche possibilità per un rilascio SPR globale coordinato? Dopotutto, si potrebbe obiettare che con l’impennata dei prezzi del gas sia negli Stati Uniti che in Cina, gli interessi delle due superpotenze sono – per una volta – allineati. La risposta, almeno secondo JPMorgan, è ” altamente improbabile “.

In una nota di Natasha Kaneva di JPM, scrive che da ottobre, quando il segretario all’Energia degli Stati Uniti Jennifer Granholm ha menzionato per la prima volta che l’amministrazione Biden stava considerando un rilascio dalla scorta strategica di greggio del governo, un coro di senatori democratici tra cui il leader della maggioranza al Senato Schumer ha chiesto alla Casa Bianca di sfruttare la Riserva strategica di petrolio per tentare di abbassare i prezzi del carburante per gli americani. Con l’aumento dell’inflazione e i prezzi della benzina al dettaglio ai massimi da sette anni, l’amministrazione Biden è sotto forte pressione per fare qualcosa “anche se altri democratici, come il leader democratico alla Camera, Steny Hoyer, che si dice contrario a un rilascio della SPR. 

Né JPM né Goldman credono che un rilascio SPR sarà efficace nel contenere i prezzi alla pompa (in effetti, Goldman ha previsto che un rilascio SPR porterebbe solo a più dolore lungo la rotta tracciata).

Le esportazioni di gas russo in Europa rimangono all’incirca alla pari con le letture dello scorso anno, quando la seconda ondata di covid stava colpendo la domanda del continente, che attualmente si aggira intorno a un tasso di 3000 GWh/giorno.

A seguito della sospensione dell’iter di approvazione del Nord Stream 2, crescono i dubbi sulla messa in servizio del gasdotto quest’inverno in quanto necessita anche dell’approvazione della Commissione Europea.   

Inoltre, da quando Gazprom ha iniziato a ricostituire le scorte di gas europee, lo ha fatto a un esiguo tasso di 5 milioni di metri cubi al giorno, mantenendo le attuali scorte di gas di Gazprom a un terzo del loro livello abituale. 

In questo contesto, il principale benchmark europeo, l’olandese TTF, ha visto i suoi prezzi del giorno prima salire fino a 85 per MWh ($ 95/MWh), equivalenti a $ 25 per mmBtu, cioè inferiori alle valutazioni spot LNG dell’Asia. 

Secondo quanto riferito, ADNOC, la compagnia petrolifera statale degli Emirati Arabi Uniti, starebbe discutendo un’offerta pubblica dei suoi servizi logistici e marittimi (ADNOC L&S) nel 2022, in quella che potrebbe diventare una delle IPO più seguite in Medio Oriente il prossimo anno.

ConocoPhillips (NYSE:COP) ha ribadito il suo impegno per lo sviluppo del campo Willow da 600 milioni di barili sul North Slope in Alaska, nonostante una recente sentenza del tribunale abbia costretto l’azienda statunitense a interrompere i lavori di costruzione del progetto. 

Sostenuta dalla sua espansione al dettaglio nel Regno Unito dopo la crisi energetica di quest’anno, Shell (NYSE:RDS.A) ha annunciato il suo ingresso nel settore energetico australiano, acquistando la società di servizi pubblici neozelandese Meridian Energy (NZE:MEL) per 729 milioni di dollari.

Come in precedenza annunciato la Casa Bianca ha annunciato il rilascio di 50 milioni di barili dall’SPR statunitense, supportato da una serie di accordi con i principali importatori di greggio asiatici che, a loro volta, rilascerebbero anche scorte strategiche per domare i prezzi del greggio. L’India ha già dichiarato che rilascerà 5 milioni di barili, Corea del Sud e Giappone dovrebbero fornire i loro numeri nel corso di questa settimana. Pur consapevole che mosse così audaci potrebbero indurre l’OPEC+ a produrre ancora meno greggio, la Casa Bianca non è riuscita a innescare l’effetto immediato previsto.

In effetti, il prezzo del greggio è aumentato dopo aver appreso la notizia – principalmente a causa della natura del prestito del rilascio dell’SPR e del potenziale di un contraccolpo dell’OPEC + – con l’ICE Brent che è tornato comodamente sopra gli 80 dollari al barile e il WTI che è stato scambiato intorno ai 78 dollari al barile.

In sintesi.

Gli Stati Uniti rilasciano per l’emergenza 50 milioni di barili. Il governo degli Stati Uniti ha approvato un rilascio di emergenza di 50 milioni di barili dalle riserve strategiche di petrolio degli Stati Uniti, con 32 milioni di barili prestati per futuri rifornimenti (e il resto fa parte di un rilascio già concordato). 

OPEC+ pronta a ridurre la produzione per contrastare i rilasci. I resoconti dei media indicano che i paesi dell’OPEC+ potrebbero ridurre la loro produzione congiunta alla luce del rilascio dell’inventario strategico coordinato dagli Stati Uniti quando si riuniranno il 2 dicembre. 

L’UE si prepara a varare la legislazione sulle emissioni di metano. Bruxelles sta lavorando a un progetto di legge che mirerebbe a ridurre le emissioni di metano costringendo le compagnie petrolifere a iniziare a ridurre la loro impronta dopo due anni di rendicontazione obbligatoria.  

Shell dimezza la capacità della raffineria di Singapore. Nel tentativo di ridurre le emissioni e ottimizzare la produzione, Shell (NYSE:RDS.A) ha dimezzato la capacità produttiva della sua raffineria di Pulau Bukom da 500.000 b/g a Singapore, limitando la disponibilità di carburante nel principale hub marittimo asiatico. 

Via libera al megaprogetto GNL da 12 miliardi di dollari australiano. Il gruppo australiano BHP e Woodside Petroleum hanno entrambi approvato lo sviluppo del giacimento di gas offshore di Scarborough, un progetto che dovrebbe raddoppiare la capacità dell’impianto Pluto LNG da 4,9 mtpa una volta entrato in servizio nel 2026.

L’impennata dei prezzi del litio costringe gli acquirenti ad andare a lungo termine. Con i prezzi del carbonato di litio che raggiungono $ 30.000 per tonnellata in Cina, con un aumento di circa il 275% dall’inizio dell’anno, i principali acquirenti di litio si stanno oraconcentrando sempre più sulla conclusione di contratti di fornitura a lungo termine con diversi anni di anticipo. 

L’Upstream libico sta diventando sempre più europeo. Come già anticipato in queste pagine, la francese TotalEnergies (NYSE:TTE) e l’italiana ENI (NYSE:E) hanno espresso il loro interesse a investire miliardi di dollari in Libia e ad aumentare la produzione delle loro superfici lì, in vista di un’ulteriore espansione in energie rinnovabili. 

L’Iran negozia progetti offshore congiunti con l’Azerbaigian. Secondo il ministro del petrolio iraniano Javad Owji, Teheran e Baku dovrebbero finalizzare presto diversi accordi energetici, tra cui un’estensione dell’accordo di scambio di gas ancora in corso dal 2004 e un potenziale obiettivo per il settore offshore iraniano, sottoutilizzato a causa della mancanza di competenza in acque profonde.  

I paesi del Mare del Nord collegano le reti elettriche. Gli operatori dei sistemi di trasmissione di Germania, Danimarca e Belgio hanno concordato di costruire interconnessioni tra le isole pianificate per l’energia eolica nel Mare del Nord, cercando di evitare i picchi di prezzo dell’energia osservati questo autunno. 

Reliance si ritira dalla vendita della quota di Saudi Aramco. Il gigante indiano delle raffinerie Reliance Industries (RELI) ha dichiarato che avrebbe rivalutato la proposta di vendita di 15 miliardi di dollari da Saudi Aramco nel suo business oil-to-chemicals, annunciato per la prima volta nel 2019, citando il “cambiato contesto” come motivo di fondo. 

La produzione di carbone cinese rimane a livelli elevati. La produzione nazionale di carbone cinese si è stabilizzata intorno ai 12 milioni di tonnellate al giorno, con scorte nei porti e nelle centrali elettriche che hanno raggiunto quasi 129 milioni di tonnellate a metà novembre, spingendo i futures del carbone termico a circa 800 per tonnellata (125 $/ton).

La Colombia continua a cercare riserve. La Colombia cercherà di aggiungere 3 miliardi di boe alle sue riserve di idrocarburi entro il 2040, dato che Bogotá ha in questo momento solo 6,3 anni di riserve accertate di petrolio, riponendo le speranze su un ritmo ambizioso di vedere 200 blocchi assegnati e 800 pozzi perforati nei prossimi anni.

Giordania e Israele firmano un raro accordo di acqua in cambio di energia. In un raro assaggio di come potrebbero essere gli affari energetici del futuro, la Giordania ha promesso di fornire a Israele elettricità da una centrale solare da 600 MW attualmente costruita in cambio di 200 milioni di metri cubi di acqua desalinizzata.

A questo punto una domanda sorge spontanea: in Italia come siamo messi con le riserve strategiche di petrolio?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here