Agenparl
Image default

DEUTSCHE BANK TAGLIA I LEGAMI CON IL PRESIDENTE TRUMP E CON LE SUE SOCIETà PRIVATE

Deutsche Bank taglia i legami con il presidente Trump e con le sue società private

(AGENPARL) – Roma, 12 gennaio 2021 – Secondo quanto riferito, la Deutsche Bank AG ha deciso di tagliare i legami con il presidente Donald Trump e con le sue società private in seguito ai disordini della scorsa settimana a Capitol Hill.

Il gigante tedesco è stato raggiunto dalla Signature Bank di New York, che ha anche annunciato la fine dei suoi rapporti d’affari con il Presidente.
Bloomberg News ha riferito martedì che due addetti ai lavori della Deutsche Bank – rimasti anonimi apparentemente a causa delle norme bancarie – hanno confermato che il gigante bancario tedesco non avrebbe più condotto affari con il Presidente Trump o la sua società.

Ci sarà comunque ancora qualche rapporto tra la banca e il Presidente, dato che, secondo quanto riferito, egli deve alla Deutsche Bank circa 340 milioni di dollari di prestiti in essere. La banca è stata prestatrice del Presidente Trump fin dagli anni ’90 e ha prestato circa 2 miliardi di dollari durante la loro relazione d’affari.

Il giorno dopo gli eventi in Campidoglio, il capo della Deutsche Bank Americas, Christiana Riley ha scritto su LinkedIn: “Ieri è stato un giorno buio per l’America e la nostra democrazia.”

“Siamo orgogliosi della nostra Costituzione e ci schieriamo al fianco di coloro che cercano di sostenerla per garantire che la volontà del popolo sia sostenuta e che si verifichi una transizione pacifica del potere”, ha aggiunto.

Prima delle elezioni presidenziali, la Reuters ha riferito che la banca era “ansiosa” di rompere i legami con il presidente, dopo essere stata coinvolta per anni nella storia della collusione russa ed essere stata costretta a testimoniare nelle udienze del Congresso durante l’inchiesta.

La senatrice democratica Elizabeth Warren – che fa parte della commissione bancaria del Senato – ha dichiarato a novembre di voler continuare a indagare sulla banca nell’imminente amministrazione.

“Potete scommettere che continuerò a lottare per la responsabilità e per una forte applicazione delle nostre leggi bancarie, specialmente per le istituzioni gigantesche come la Deutsche Bank”, ha detto.
Lunedì, la New York lender Signature Bank ha detto che chiuderà due dei conti personali del presidente Trump che detengono circa 5,3 milioni di dollari.

La banca ha anche chiesto al presidente di dimettersi prima della fine del suo mandato, dicendo in una dichiarazione: “Riteniamo che l’azione appropriata sarebbe quella delle dimissioni del presidente degli Stati Uniti, che è nel migliore interesse della nostra nazione e del popolo americano”.

“Non abbiamo mai commentato prima d’ora alcuna questione politica e speriamo di non farlo mai più”, ha aggiunto la banca.

Secondo il Daily Telegraph del Regno Unito, un portavoce della Deutsche Bank ha anche detto che si rifiuterà di fare affari con i membri del Congresso che hanno sostenuto il presidente nella sua lotta contro la certificazione del voto del collegio elettorale.

La mossa delle due banche arriva dopo l’annuncio del processore di pagamento online Stripe che avrebbe messo nella lista nera la campagna Trump dai suoi servizi, impedendo al movimento di accettare donazioni tramite carta di credito.

Nove grandi aziende tecnologiche hanno inoltre vietato o limitato l’operatività del Presidente degli Stati Uniti sulle loro piattaforme, tra cui Twitter, Google, Apple, Facebook, Instagram, YouTube, Snapchat, Pinterest, Shopify, Reddit, TikTok, Twitch e Discordia.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More