Agenparl
Image default
Home » DAZI UE SULL’ALLUMINIO IMPORTATO DALLA CINA. CONFIMI: “ORA LE NOSTRE INDUSTRIE TORNERANNO A COMPETERE”

DAZI UE SULL’ALLUMINIO IMPORTATO DALLA CINA. CONFIMI: “ORA LE NOSTRE INDUSTRIE TORNERANNO A COMPETERE”

(AGENPARL) – ven 04 settembre 2020 [image: image.png]
*Confimi Industria sui dazi sull’alluminio dalla Cina: *
*”Ora le nostre aziende possono tornare a competere” *
Roma, 4 settembre 2020 – Dazi dalla Ue sull’alluminio proveniente dalla
Cina. Verranno applicati – con effetto retroattivo a partire dal 24 agosto
– dazi tra il 37 e il 40% sulle importazioni di profilati in alluminio
dalla Cina. Questa di fatto la sintesi di quanto pubblicato in Gazzetta
Ufficiale Europea a firma di Ursula Von Der Leyen.
Registrare e monitorare le importazioni di estrusi in alluminio dalla Cina.
È infatti quanto la Commissione Europea ha chiesto di fare alle agenzie
doganali dell’UE per i prossimi nove mesi, ufficializzando di fatto le
misure antidumping richieste a gran voce dagli estrusori di alluminio di
tutta Europa e da Confimi Industria in rappresentanza delle piccole e medie
imprese manifatturiere italiane ormai impossibilitate a concorrere con i
prezzi di Pechino.
Si tratta appunto di un passaggio preliminare – come si legge nella
Gazzetta Ufficiale – per l’applicazione, a partire dal prossimo 13 di
ottobre (ma che avrà effetto retroattivo dal 24 agosto) di un dazio sui
prodotti provenienti dalla Cina.
“Da anni le aziende italiane lottano contro barre, profilati, cavi e tubi
venduti sottocosto” spiega Paolo Agnelli presidente di Confimi Industria
che commenta così la notizia arrivata da Bruxelles “siamo felici che
l’indagine avviata a inizio anno sia giunta a questa conclusione, torneremo
a essere competitivi”.
La Cina infatti è arrivata a esportare in Europa quasi 350 mila tonnellate
di alluminio ogni anno, di queste più di 36 mila arrivano in Italia.
“Numeri che hanno messo fuori mercato le nostre aziende trasformatrici”
torna a spiegare Agnelli “danno che si ripercuote anche sulle esportazioni
italiane verso la Germania”.
Una buona notizia certamente ma quello di Confimi Industria vuol essere
anche un monito “il dazio sarà retroattivo, le imprese inizino a
diversificare i loro acquisti fin d’ora o si ritroveranno a pagare dei
costi non previsti” chiude Agnelli.
Eleonora Niro

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More