(AGENPARL) – gio 25 novembre 2021 UCI-Unione Coltivatori Italiani
Comunicato stampa
RIVOLUZIONE ITALIA. DIGITALE e TRANSIZIONE ECOLOGICA.
Sabato 27 novembre importante convegno promosso da UCI ed AEPI.
Il futuro dell’Italia e, in particolare, del Made in Italy agroalimentare. Con uno sguardo su digitale e
transizione ecologica, anche rispetto agli strumenti normativi e alla gestione dei fondi del Pnrr. Di
questo si parlerà nell’incontro in programma sabato 27 novembre alle ore 10 a Roma, nella sede
dell’UCI-Unione Coltivatori Italiani, che metterà a confronto importanti figure del mondo politico,
ambientale e produttivo.
“RIVOLUZIONE ITALIA, digitale e transizione ecologica” il tema scelto. Ad introdurre i
lavori, Mario Serpillo, Presidente Nazionale dell’Unione Coltivatori Italiani e Vicepresidente della
Confederazione AEPI, con delega all’internazionalizzazione. Nodo centrale la transizione
ecologica e la sua difficoltosa applicazione ad un mercato sempre più globalizzato, i risvolti della
pandemia ed il ruolo del nostro Paese nel Mediterraneo, tra difficili relazioni con gli Stati
circonvicini ed un mare nostrum sempre più pieno di rifiuti e povero di pesci. E ancora: il futuro del
Made in Italy inteso come indotto economico, ma anche sostenibilità ambientale e sociale. E su
questo la politica deve avere un ruolo fondamentale.
Da qui la richiesta di una strategia di medio-lungo periodo che possa snellire la burocrazia, dare
voce alle istanze delle varie Filiere produttive e allargare la dimensione del ragionamento. In che
modo sarà possibile assicurare cibo di qualità per la popolazione del 2050, stimata dall’Onu in circa
10 miliardi?
Attività produttive, Enti locali, Associazioni di rappresentanza, politica nazionale e sovranazionale
sono chiamati in causa, con ruoli di fondamentale importanza destinati ad integrarsi e, non di rado,
a sovrapporsi.
Al confronto interverranno:
 Mario Serpillo, Presidente Nazionale dell’Unione Coltivatori Italiani;
 Francesco Boccia, Responsabile Autonomie Territoriali ed Enti Locali del Partito
Democratico;

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here