(AGENPARL) – gio 22 luglio 2021 Margiotta: “L’obbligo di vaccinazione nei luoghi di lavoro va affrontato con ponderazione”
Roma, 22 luglio 2021
“Il pericolo che possono rappresentare i non vaccinati per i colleghi di lavoro è un problema reale e serio che non può essere oggetto di atteggiamenti liquidatori o unilaterali”, così il Segretario generale dellaConfsal Angelo Raffaele Margiottacommenta la questione sull’obbligo alla vaccinazione nei luoghi di lavoro.
“Occorre affrontare il problema con equilibrio per giungere a una soluzione ponderatae condivisa – prosegue il Segretario generale – pur non volendo ignorare o minimizzare la paura (giustificata o meno) che attanaglia molte persone all’idea di sottoporsi alla vaccinazione”.
La Confsal ritiene, dunque, chela libertà individualedi non vaccinarsi, pur legittima in punta di diritto, non possa prevalere rispetto al diritto alla salute di tutti gli altri.
“Sulla base di queste considerazioni proponiamol’incentivo alla vaccinazione, concedendo al lavoratore tre giorni di permesso retribuito per ciascuna dose. Nel caso in cui il lavoratore non sivaccini deve essere obbligato a eseguire tamponi antigenici quotidianamente.
Infine, nel caso di rifiuto della vaccinazione, non si deve dar luogo al licenziamento, come pure alcuni giuristi ipotizzano – conclude Margiotta – ma si deve disporre la sospensione del rapporto di lavoro fino a quando la mancata vaccinazione determina una situazione di pericolo per la salute degli altri lavoratori”.
Ufficio Stampa e Comunicazione
00153 Roma
—————————————————————
LA CONFSAL IN NUMERI
Con oltre 2 milioni di iscritti del settore pubblico e privato, 2000 sedi regionali e provinciali, 100 sedi sindacali nazionali, 10 settori del pubblico impiego e 35 settori del lavoro privato la Confsal è la quarta Confederazione sindacale italiana.
La CONFSAL infine ricopre primari ruoli Europei nell’ambito del CESI (The European Confederation of Independent Trade Unions)