(AGENPARL) – gio 25 novembre 2021 [Se non leggi correttamente questo messaggio, clicca qui](https://cronacacomune.musvc2.net/e/r?q=MA%3d9GMBJ_Etoq_P4_Drps_N7_Etoq_O9wa3W2Z.2Fw09LB.4BF_Drps_N73_Kmtm_U2IAE.wJCQ_Drps_N7_Etoq_P92D5_Kmtm_VzIIVHVy_Kmtm_Vw00_Kmtm_VzER63_Invl_Tx_Kmtm_VzMAVENN–c_Drps_NWK_Kmtm_VzGI_Kmtm_UR._Invl_T1A-PaC_Kmtm_Vw64X_Drps_NWK_Kmtm_VzGC_Kmtm_URQ_Etoq_O9P_Invl_Tx-_Kmtm_URO_Etoq_P7BM_Etoq_OY6W35TVBT_Drps_O2VE_Drps_O5A_LLP4w2xkfhn%26z%3dTVWQYU%265%3d0NEMzU.06G%26BE%3dRRTVX%269%3dT%260%3dRNbMX%26B%3dUPaV%26M%3d-NXQVPSWXM&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
Ufficio Stampa del Comune di Ferrara
0532-419.338 / 451 / 244 (fax 0532-419.263)
CRONACA COMUNE – La newsletter del 25 novembre 2021
CENTRO DOCUMENTAZIONE MONDO AGRICOLO FERRARESE – Domenica 28 novembre 2021 alle 15 a San Bartolomeo in Bosco
[Mostra e concerto per ricordare il centenario della nascita di Guido Scaramagli, fondatore del MAF](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=6%3dIZKWNY%261%3dT%266%3dQFbIW%264%3dULZN%26N%3dzJ9I_0qhs_K1_7tkp_G9_0qhs_J6BPE.37H61r4uE2N65.xM_0qhs_J63HB9EBw_Hfvh_RuWKUIX_0qhs_J62HAJ74-w-34Gu57M7-Hx67Hs405-xE-u53MwDpK1E-s84Bp-GsIrBB1-sB-yKx77-Ir40124yBx-97Ds4BE78-v51-Fs6.wM5B%26s%3dFCIA4s1p6J.DtM%261I%3dFXIZL&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
(Comunicazione a cura degli organizzatori)
Ricorre quest’anno il centenario della nascita di Guido Scaramagli, fondatore del MAF di San Bartolomeo in Bosco. E proprio nel suo ricordo, domenica 28 novembre, dalle 15, al MAF si darà il via a una serie di iniziative culturali a lui dedicate, che avranno un seguito anche nel prossimo anno. Domenica si potrà visitare la riproposizione di una mostra che Guido Scaramagli organizzò, in collaborazione con il Centro Etnografico del Comune di Ferrara, agli esordi della nuova istituzione che stava realizzando grazie al suo entusiasmo e alla sua immensa raccolta, frutto di decenni di studi, di ricerche e di recuperi strepitosi. Intitolata “Un paese dagli album di famiglia”, l’esperienza espositiva si sviluppò in stretto rapporto con la comunità di San Bartolomeo in Bosco (che fornì diverse centinaia di fotografie) e si concretizzò in un progetto che dal 26 dicembre 1982 al 15 gennaio 1983 venne presentato nella sala incontri del Museo del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara. Di recente, quelle immagini sono state oggetto di digitalizzazione da parte di Carlo D’Onofrio, che ha poi provveduto a ricreare fedelmente lo spirito della mostra originaria con il suo inconfondibile, suggestivo sapore “vintage”. Allestita nella sala espositiva del MAF con la collaborazione di Maria Roccati, sarà visitabile sino al 31 gennaio prossimo. Domenica sarà presentato pure uno specifico catalogo della mostra, curato da Carlo D’Onofrio, Corrado Pocaterra e Gian Paolo Borghi.
L’attrice Laura Caniati leggerà quindi alcune poesie dialettali di Guido Scaramagli, a dimostrazione dell’eclettismo di questa eccelsa personalità ferrarese. Un particolare ricordo del fondatore del MAF sarà inoltre dovuto al prof. Gualtiero Baraldi, dell’Accademia Nazionale di Agricoltura, già Preside della Facoltà di Agraria dell’Università di Bologna e amico di Guido Scaramagli.
L’incontro culturale si concluderà con un concerto di canti e di musica popolare di Fausto Carpani con il Gruppo emiliano di musica popolare, una nota formazione che da anni si esibisce in repertori della tradizione emiliana, frutto di lunghe e appassionate ricerche.
Per accedere al Museo, sarà obbligatoria la presentazione del Green Pass. L’iniziativa, come sempre gratuita, è promossa dal Comune di Ferrara, dal MAF e dall’Associazione omonima.
COMMERCIO E VIABILITA’ – Iniziative in programma a Ferrara nelle domeniche 28 novembre e 5, 12 e 19 dicembre 2021, in piazza Travaglio, corso Porta Reno e piazza Trento Trieste
[In centro storico le bancarelle della Fiera di dicembre per quattro domeniche](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=7%3d0cHXEb%26x%3dU%26w%3dTCc0Z%261%3dVCcK%26O%3dqM6J_1tet_B4_4ubs_D0_1tet_A99Q6.64Iw4o5lHyOw8.uN_1tet_A9zI3BBCn_KcwY_UrXBXJa_1tet_A9uH-5j4ml8zN1H-5NxKu7x-Eq-6jGo518xFn-7qFu4-rCnKm-8r-7u7nFnLn-IqL-zNmN3K1-8xFqHr6t9.qMyF%26m%3dF7M56D.HnM%26uM%3d0XCdF&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
Nelle giornate di domenica 28 novembre e 5, 12 e 19 dicembre 2021 il centro storico di Ferrara ospiterà il mercato straordinario della ‘Fiera di dicembre’. Le bancarelle saranno in particolare posizionate in piazza Travaglio, in corso Porta Reno e sul marciapiede lato sud di piazza Trento Trieste.
Per consentire lo svolgimento dei mercati saranno in vigore, dalle 7 alle 22 delle quattro domeniche, modifiche alla viabilità in:
– Corso Porta Reno, da piazza Travaglio sino a Piazza Trento Trieste: divieto di fermata su ambo i lati, ad eccezione dei mezzi degli operatori su area pubblica autorizzati;
– Via Amendola, tratto compreso tra corso Porta Reno e via Gobetti: divieto di fermata su ambo i lati, ad eccezione dei mezzi degli operatori su area pubblica autorizzati;
– Piazza Travaglio, nell’area contrassegnata da stalli di sosta a pagamento di colore blu e da stalli di colore giallo di area riservata ad operatori mercatali (gpt): divieto di fermata, ad eccezione dei mezzi degli operatori su area pubblica autorizzati;
– Piazza Trento Trieste, lato sud, revoca dell’A.p.u .ed istituzione della Zona a Traffico Limitato, con divieto di fermata (ammessi i soli esercenti il commercio su area pubblica assegnatari dei posteggi).
Sono ammessi alla circolazione all’interno dell’area di fiera esclusivamente i veicoli degli operatori su area pubblica assegnatari dei posteggi necessari allo svolgimento della loro attività ed i veicoli dei residenti autorizzati al transito in ztl, al solo fine del ricovero del veicolo in area privata.
Il transito veicolare nell’area della fiera potrà essere comunque consentito solo in funzione e compatibilmente allo svolgimento dello stesso, a condizione che sia assicurata e salvaguardata la sicurezza e l’incolumità pubblica.
Nelle strade soggette al presente provvedimento sono sempre ammessi i veicoli di soccorso e di polizia.
La circolazione degli autorizzati all’interno dell’area interessata dai provvedimenti dovrà avvenire esclusivamente a passo d’uomo.
BIBLIOTECA ARIOSTEA – Venerdì 26 novembre 2021 alle 17 conferenza in sala Agnelli e in diretta video sul canale youtube Archibiblio web
[‘Quale futuro per la democrazia?’: le risposte di Gianfranco Pasquino](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=0%3dBcSaGb%269%3dX%26y%3dTNfBZ%26B%3dYEcV%26R%3dsMGM_3tpw_D4_Exds_OC_3tpw_C9JT8.6ELy4z8nH0Ry8.6Q_3tpw_C9AL5BMFp_Knza_U3aDXUe_3tpw_C9DRl8l4xE2-C6MHOz-I2O-w4-1BxHzOlS68-w8-EF4IBP58-1F-rBxKqKxKnH-C84JHFyH.5QxE%261%3dJ6LI0C.G2Q%26tL%3dNbBcT&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
Quale futuro per la democrazia? A tentare di rispondere a questa domanda, venerdì 26 novembre 2021 alle 17, sarà Gianfranco Pasquino nel corso della conferenza in programma nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via Scienze 17 Ferrara) e in diretta video sul canale youtube Archibiblio web (per accedere [clicca qui](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=8%3d0bLYEa%262%3dV%26w%3dSGd0Y%265%3dWCbO%26P%3dqL0K2_JgxY_Uq_MZuf_Wo_JgxY_TvR6O.EJ4LA7n.55H_1siu_A8sCjF40u_JgxY_TvzLS_qCsfWwSUcBPVKu7K6j3qOeK9%26t%3dH4KB8A.FuO%26rK%3dGZ0bM&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)). L’incontro, a cura dell’Istituto Gramsci e dell’Istituto di Storia Contemporanea, sarà introdotto da Davide Nanni.
LA SCHEDA (a cura degli organizzatori)
La democrazia è ancora il nostro destino, come sosteneva Norberto Bobbio, oppure sta lentamente passando di moda anche in Occidente? Molti pensosi intellettuali denunciano con la faccia triste che la democrazia è in crisi, è una causa persa, non potrà essere salvata; eppure in tutto il mondo persone di nazionalità, età, genere diverso hanno lottato per ottenere un regime democratico e continuano a farlo. Perché la democrazia è quel regime nel quale forse molti sono insoddisfatti, ma possono permettersi di esserlo e di gridarlo con voce più o meno alta, da soli oppure organizzandosi in gruppo. La democrazia ha un passato nobile, che merita di essere conosciuto, e un futuro che si costruisce con la partecipazione interessata e informata di tutti. Analizzeremo il suo stato di salute in Italia e nel mondo assieme al prof. Gianfranco Pasquino, professore emerito di Scienze Politiche presso l’Università di Bologna, già Senatore della Repubblica dal 1983 al 1996 e membro dell’Accademia dei Lincei. Tra i suoi libri più recenti scritti in merito ricordiamo Minima politica: sei lezioni di democrazia (2020) e Libertà inutile: profilo ideologico dell’Italia repubblicana (2021).
► L’accesso del pubblico alla Sala Agnelli (senza limitazioni di capienza) è consentito con Green pass e mascherina.
Per assistere alle dirette o rivederle in differita sarà sufficiente collegarsi al canale YouTube del Servizio Biblioteche [https://www.youtube.com/channel/UC1_ahjDGRJ3MgG45Pxs90Bg](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=A%3dCfSbHe%269%3dY%26z%3dWNgCc%26B%3dZFfV%26S%3dtPGN5_Nn1b_Yx_Pcym_Zr_Nn1b_X3U9S.LM7PH0q.9BK_4wpx_DBzFmJACx_Nn1b_X33OW_xFvjdzVYjESZRx0O9m7xVhNC%261%3dK7OIAD.J2R%26uO%3dNcCfT&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
Il programma completo degli appuntamenti culturali della biblioteca comunale Ariostea di Ferrara alla pagina: [http://archibiblio.comune.fe.it](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=9%3dOeFZTd%26v%3dW%26B%3dVAeOb%26y%3dXReI%26Q7y6k%3d6O4L_Fvcv_Q6_2wqu_BB_Fvcv_PAkN1Cs877vEC.8yIIIo.B3.D4%260%3dAP3R1W.xAH%26D3%3dWSVJc&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
INAUGURAZIONE – Sabato 27 novembre 2021 alle 19 alla galleria Idearte (via Terranuova 41)
[Opere di ‘light art’ nella personale di Vincenzio Biavati “Da Lascaux ai Led RGB”](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=7%3dCe7XHd%26m%3dU%26z%3dV2cCb%26p%3dVFe0%26O%3dtOuJ_4vTt_E6_sueu_30_4vTt_DAxQ9.8sIz6d5oJnOz0.jN_4vTt_DAoI6D1Cq_MRwb_WgXEZ5X_4vTt_DAfMm5m6bHf.B6Hm%268%3dyPtPoW.o96%26Dt%3dUGVAa&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
Sabato 27 novembre 2021 alle 19, alla galleria Idearte (via Terranuova 41), si terrà l’inaugurazione della mostra “Da Lascaux ai Led RGB”, una personale di Vincenzio Biavati dedicata alle sue opere di ‘light art’ (arte della luce). La rassegna, che si avvale del patrocinio dell’Amministrazione comunale di Ferrara, sarà visitabile fino al 31 gennaio 2022.
POLIZIA LOCALE – Attività di controllo sulle strade con Targa System
[Guida senza patente un’auto non assicurata, denuncia e sequestro del mezzo](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=5%3dDZ0VIY%26p%3dS%261%3dQ5aDW%26s%3dTGZC%26M%3duJxH_5qWr_F1_vsfp_68_5qWr_E61O0.3vG11g3pEqM15.mL_5qWr_E6rG794Ar_HUuc_RjVFUCW_5qWr_E6kMv3n1e4e-KrD43-31x71Ji-M11yL2-DsF-nIwApKv371-h71Kr5v1-i-KrGy76JvG-q5p-ErP4G.uJqD%26q%3dCyK936.FrJ%26mK%3dDU5bJ&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
Proseguono i controlli quotidiani della Polizia Locale con l’ausilio di apparecchiatura elettronica Targa System di recente acquisizione, che rileva irregolarità nelle coperture assicurative dei veicoli e non solo. Anche nei giorni scorsi una pattuglia della Polizia Locale in servizio di viabilità nella via Padova ha fermato un’autovettura in transito per la quale si era attivato il dispositivo. Scattati i controlli di routine, questi hanno evidenziato subito che il conducente, solo a bordo, era anche sprovvisto di patente.
E’ bastato poco, infatti, agli operatori per accertare che l’uomo non solo non aveva mai conseguito la patente di guida, ma era già stato sanzionato per la medesima infrazione nell’ottobre scorso, in una piccola località del Veneto. Evidentemente l’incauto conducente non ha avuto maggiore fortuna al di qua del Po, visto che la medesima infrazione, essendosi configurata la recidiva, gli è costata questa volta ben più che una sanzione.
Per lui è infatti scattata immediatamente la denuncia all’autorità giudiziaria e il conseguente sequestro del veicolo del quale, stante l’esistenza di numerosi precedenti penali a carico dell’uomo, è stato necessariamente disposto l’affidamento a un deposito autorizzato.
Comunicato a cura del Comando di Polizia Locale Terre Estensi
SALA ESTENSE – Sabato 27 novembre e martedì 7 dicembre alle 21 a cura del Centro di Documentazione e Studi sull’Unione Europea di Unife e ARCI
[Due proiezioni gratuite e aperte a tutti alla sala Estense con film del ‘Premio Lux 2021’ del Parlamento europeo](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=7%3dAe7XFd%26m%3dU%26x%3dV2cAb%26p%3dVDe0%26O%3drOuJ_2vTt_C6_sucu_30_2vTt_BAxQ7.8sIx6d5mJnOx0.jN_2vTt_BAoI4D1Co_MRwZ_WgXCZ0Z_2vTt_BAeOo-KsIs01CyIj-A26uOsOf-9-kKfL40-uO4Oj-5vGb-MkGb-93OfH30-dIx-AjFw-9fF-zMfGsJ-mO8-WAVA-9fF-z6sFkHfH4J-fO2J5k6bq9y.CuGv%269%3dnO3QdV.x0u%26C3%3dV6UJb&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
(Comunicazione a cura degli organizzatori)
Due proiezioni gratuite e aperte a tutte/i a cura del Centro di Documentazione e Studi sull’Unione Europea di Unife e ARCI cinema di Ferrara. I film finalista e vincitore del Premio Lux 2021 del Parlamento europeo, assegnato ogni anno a film europei che affrontino tematiche politiche e sociali attuali, saranno protagonisti di due proiezioni gratuite, organizzate dal Centro di Documentazione e Studi sull’Unione Europea (CDE) dell’Università di Ferrara, in collaborazione con ARCI cinema di Ferrara.
L’iniziativa, che ha il patrocinio del Comune di Ferrara, fa parte del progetto #EuroPARTECIPIAMO, che ha ottenuto il contributo della Regione Emilia-Romagna per la cittadinanza europea ed è promosso da AICS Emilia-Romagna.
Sabato 27 novembre alle ore 21 alla sala Estense (piazza del Municipio, 14), è in programma la proiezione del film “Corpus Christi”, produzione franco-polacca firmata da Jan Komasa, finalista del Premio Lux 2021.
Nel film, il ventenne Daniel, durante la sua reclusione in riformatorio, scopre una vocazione spirituale che si scontra con il suo passato, i suoi compagni di prigione e la fedina penale. Uscito dall’istituto trova lavoro come carpentiere in un piccolo centro ma al suo arrivo verrà scambiato per il nuovo prete e lui non fa nulla per smentire questa credenza diventando anche momentaneo sostituto del parroco.
La proiezione sarà introdotta da Sophia Salmaso (Centro Documentazione Europea, Unife) e seguita da un approfondimento a cura di Marco Venturoli (ricercatore di Diritto penale, Unife).
Secondo appuntamento martedì 7 dicembre sempre alle ore 21 alla Sala Estense, con il film “Collective”, documentario rumeno di Alexander Nanau, vincitore del Premio Lux 2021.
Il documentario prende il nome dal nightclub Colectiv di Bucarest dove nel 2015 un tragico incendio uccise 27 giovani e ne ferì 180 e segue la squadra dei giornalisti che indagano sulle cause dei decessi di 37 persone che morirono in seguito in ospedale, sebbene le loro ustioni non fossero letali. I giornalisti finiranno per scoprire terrificanti casi di clientelismo e corruzione che costeranno vite umane, dimostrando però che delle persone coraggiose e determinate possono arrivare a rovesciare i sistemi corrotti. Collective è stato nominato all’Oscar 2021 per la categoria di miglior lungometraggio internazionale e miglior documentario.
La proiezione sarà introdotta da Sophia Salmaso e seguita da un approfondimento a cura di Alberto Boschi (docente di Storia del Cinema, Unife).
L’ingresso è gratuito con Green pass obbligatorio.
[VIOLENZA DONNE, IL SINDACO DI FERRARA: “PAESE CIVILE NON PUÒ STARE A GUARDARE, RISPOSTA DA RETE TERRITORIALE”](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=8%3d9c0YDb%26p%3dV%26v%3dT5d9Z%26s%3dWBcC%26P%3dpMxK_ztWu_A4_vvas_6A_ztWu_091R5.6vJv4g6kHqPv8.mO_ztWu_09rJ2B4Dm_KUxX_UjYAXCb_ztWu_09zDwEiI84-hJvGi-Dt-LmIl4gJ-lB-j0zKeMi-Ie018-gD4Bp0-vHr-K3H-wOiKi-B34v9iKi-MqLtJ1Me-9i-KiOm-MiMzBxJzBeGm.Ax6i4eHt%267%3dqP1OgW.v8x%26D1%3dT9VHZ&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
Ferrara, 25 nov – “Un Paese civile non può fermarsi a guardare di fronte allo stillicidio quotidiano dei numeri sulle violenze. Ogni giorno, in Italia, 89 donne sono vittime di reati di genere, dal primo gennaio al 21 novembre di quest’anno – segnala il Viminale – su 263 omicidi commessi in Italia, in 109 casi la vittima era una donna. Il lockdown ha aggravato la situazione perché – come segnalano alcuni centri antiviolenza – ha reso ancora più difficile denunciare.
Dobbiamo rifiutarci di pensare che il fenomeno non sia eradicabile. Alcuni passi, a livello governativo, sono stati tentati, da ultimo il Piano nazionale di contrasto alla violenza, con azioni specifiche messe in campo per tutelare le donne con disabilità. Penso che la risposta debba giungere, anche e soprattutto, da un lavoro di rete tra territori, istituzioni, terzo settore, enti locali, forze dell’ordine, centri antiviolenza, aziende sanitarie, volontari e associazioni. Siamo tutti chiamati a svolgere un’azione forte di sensibilizzazione per rilevare, per tempo, i segni del potenziale rischio, aiutare le donne a denunciare, creare una cultura diffusa della legalità, del rispetto, dei diritti.
Nasce da questa consapevolezza il ricco programma di iniziative che, soprattutto quest’anno, abbiamo messo in campo, con l’assessore Dorota Kusiak, la presidente della Commissione Pari Opportunità Paola Peruffo, le forze dell’ordine, le scuole, le associazioni e che intendono avere una continuità anche oltre questa giornata.
Una rete territoriale forte intercetta per tempo i segni del disagio, frena il pericolo e tutela le donne. Oggi e sempre dobbiamo sentirci parte di questa rete e, tutti quanti, scendere in campo per dare il nostro contributo a questa battaglia di civiltà”. Così il sindaco di Ferrara Alan Fabbri nella “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”.
NATALE A FERRARA 2021 – Il 27 novembre accensione delle luminarie e l’8 dicembre degli alberi di Natale. Il 4, 11 e 18 dicembre spettacoli in piazza Castello
[Ferrara attende il Natale tra luci, musica e incanto](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=3%3dIgKTNf%261%3dQ%266%3dXFYId%264%3dRLgN%26K%3dzQ9F_0xhp_K8_7qkw_G6_0xhp_JCBME.07E68r1uL2K6B.xJ_0xhp_JC3EBFE9w_Ofsh_YuTKbNY_0xhp_JCu501s8pOpHs-89JwKs5-1I-31B815-BOp-BC0x-CCPx3s-B-xDu83J7.E9C4%26A%3d2KASrR.6B9%269A%3dXJQRd&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
Una lunghissima scia di luci natalizie ad avvolgere tutte le vie del centro, tre grandi alberi luminosi in altrettanti punti della città e poi trampoli danzanti, musicisti supereroi e violini magici. A Ferrara l’incanto del Natale arriva in anticipo, con tanti addobbi e luci, rigorosamente a basso impatto, e tre eventi in piazza Castello, tra musica, colori e allegria nei primi tre sabati di dicembre.
Ad aprire il calendario degli eventi natalizi 2021 promossi dal Comune di Ferrara sarà, sabato 27 novembre alle 17, l’accensione delle luminarie, oltre cento chilometri di strisce luminose, che, con una veste diversa per ogni via e piazza, addobberanno a festa tutto il centro cittadino, compreso viale Cavour fino ai giardini del grattacielo, dove troverà spazio il nuovo ‘Winter park’. Per l’accensione dei tre grandi alberi di Natale, voluti dal Comune, in piazza Cattedrale, in piazza XXIV Maggio (nei pressi dell’Acquedotto monumentale) e tra via San Romano e piazza Travaglio si dovrà invece aspettare, come da tradizione, mercoledì 8 dicembre.
Per gli eventi a ingresso gratuito in piazza Castello, organizzati dallo Studio Borsetti e finanziati dal Comune, l’apertura sarà affidata, sabato 4 dicembre alle 18, allo spettacolo ‘Dream’. Protagoniste saranno grandi e colorate creature oniriche che si muoveranno sui trampoli tra canto e danza. Sabato 11 dicembre, sempre alle 18, sarà la volta invece della ‘Miwa cartoon Christmas band’ che, con i suoi musicisti mascherati da supereroi dei cartoni, porterà divertimento e allegria per bambini e famiglie. Il 18 dicembre, infine, uno spettacolo all’insegna dell’eleganza e della magia vedrà esibirsi ‘The big violinist’, una maestosa dama che con una grande gonna illuminata suonerà il violino da 5 metri di altezza.
Il programma di queste prime iniziative natalizie in città è stato illustrato oggi in conferenza stampa dal sindaco Alan Fabbri e dall’assessore al Bilancio e Turismo Matteo Fornasini, assieme a Nicola Borsetti dello Studio Borsetti, che hanno anche anticipato gli altri eventi in calendario (a cui saranno dedicate specifiche presentazioni alla stampa) come il ‘Winter park’ nei giardini del grattacielo, lo spettacolo di videomapping (proiezioni artistiche) e l”incendio del Castello’ a Capodanno.
“Abbiamo deciso – ha dichiarato il Sindaco – di investire in particolare sulle luminarie e sugli alberi di Natale in città, scegliendo di non far pagare queste iniziative ai commercianti, perché già gravati a sufficienza dalle conseguenze della pandemia e del lockdown. Abbiamo anche voluto illuminare viale Cavour per farlo diventare un boulevard di ingresso in città e a collegamento tra il centro e la zona Gad dove organizzeremo altre iniziative per le famiglie. Confermato anche il videomapping come già due anni fa e l’incendio del Castello. E’ un pacchetto importante di iniziative che vuole coronare il desiderio di tanti cittadini di poter tornare a festeggiare normalmente, confidando che le normative anticovid ci permettano di realizzare serenamente tutte le attività. Ringrazio tutti i nostri partner e sponsor per la collaborazione offerta”.
“Le luminarie – ha aggiunto l’assessore Fornasini – sono nuove, a basso consumo energetico, e tutte diverse per ogni via e piazza del centro, per invogliare cittadini e turisti a visitare tutte le aree addobbate. Per il loro allestimento, assieme a quello dei tre alberi di Natale, abbiamo investito circa 200mila euro, mentre di 40mila euro è la spesa per i tre eventi di dicembre in piazza Castello”. Per questi ultimi, come precisato da Nicola Borsetti, l’ingresso alla piazza sarà libero e gratuito, nel rispetto di tutte le normative vigenti in tema di sicurezza.
PROGRAMMA (a cura degli organizzatori)
ASPETTANDO NATALE 2021 A FERRARA
Ingresso in piazza Castello libero e gratuito
– Sabato 4 dicembre 2021 – Ferrara Piazza Castello ore 18
DREAM
Canto, colori e fantasia
Lo spettacolo è un inno al sogno. È il momento in cui abbiamo più bisogno di riappropriarci della Vita! Natale significa “nascita”: la nascita della Vita. Dream celebra la Vita insieme alla Speranza e ai Sogni che la alimentano.
Dream invita ad abbandonare pensieri e preoccupazioni per sognare e credere nella vita e nei propri sogni, lasciando spazio allo stupore e all’incanto.
Le arti del canto e della danza su trampoli si fondono insieme, dando vita a visioni oniriche e immaginifiche, popolate da creature magiche che con la loro luminosità e leggerezza regalano un vero e proprio sogno ad occhi aperti.
– Sabato 11 dicembre 2021 – Ferrara Piazza Castello ore 18
MIWA CARTOON CHRISTMAS BAND
Musica e allegria per grandi e piccini
Arriva a Ferrara la più folle “carovana” di suonatori “mascherati” da supereroi, l’unica e originale Cartoon Band che vanta tantissime imitazioni, per far ascoltare un vasto repertorio internazionale davvero originale di brani dei più famosi cartoni animati e delle più importanti sigle tv, riarrangiati per far divertire non solo i grandi ma anche e soprattutto i bambini!
Sono i supereroi più famosi al mondo (l’Uomo Ragno, Batman, Hulk, l’Uomo Roccia, Ironman e altri ancora) pronti a lasciare senza parole con le loro fantastiche maschere.
Bisogna seguirli attentamente e non bisogna tentare di resistere, perché… hanno il super-potere di far divertire davvero tanto!
– Sabato 18 dicembre 2021 – Ferrara Piazza Castello ore 18[]
THE BIG VIOLINIST
Eleganza e magia
Alcune emozioni sono intime, altre travolgenti. Poi ci sono le emozioni assolute: The Big Violinist.
Una maestosa e scenografica dama con la sua grande gonna illuminata suona il violino dal vivo da quasi 5 metri di altezza, ricreando le magiche atmosfere delle più belle canzoni natalizie, delle colonne sonore dei film italiani e internazionali più famosi, spaziando anche nella musica classica e pop.
È un suggestivo viaggio all’insegna della musica, della magia e dei colori, per stupire ed emozionare.
In questo scenario incantevole ascolta e guarda attentamente, perché insieme alla dama improvvisamente…
VOLONTARIATO – Presentato un nuovo percorso che prevede cure palliative in ambito pediatrico. Sindaco Fabbri: “Ferrara ha la grande fortuna di avere tante persone che si spendono quotidianamente cercando di dare il loro contributo per gli altri”
[L’associazione di volontariato ‘Giulia ODV’ pronta a festeggiare i 25 anni fra bilanci e nuovi importanti progetti](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=3%3d5dET0c%26u%3dQ%26r%3dU0Y5a%26x%3dR8dH%26K%3dlN3F_vubp_75_1qWt_A6_vubp_606M1.71Er5l1gIvKr9.rJ_vubp_60wExC99i_LZsT_VoT7YHX_vubp_60u1w1e5jMx3m599sHn-7mOu9e.B3Cp%268%3dvKwPlR.r93%269w%3dUDQDa&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
“Guardando indietro ai nostri primi anni e osservando quello che stiamo facendo oggi, posso dire che siamo tornati alla nostra mission originaria: non solo oncologia ma anche una speciale attenzione alle disabilità pediatriche”. ll presidente Michele Grassi ha sintetizzato in queste parole l’attività in corso e le prospettive future dell’associazione di volontariato Giulia ODV, giunta al significativo 25° anniversario dalla nascita. Per illustrare le iniziative promosse in occasione della ricorrenza e presentare un nuovo progetto che prevede cure palliative in ambito pediatrico in collaborazione con U.O.NPIA Ferrara, si è svolta in mattinata (giovedì 25 novembre 2021) una conferenza stampa al Ridotto del Teatro Comunale di Ferrara.
All’incontro con i giornalisti erano presenti il sindaco di Ferrara Alan Fabbri, gli assessori comunali Cristina Coletti (Politiche Sociali) e Marco Gulinelli (Cultura), Michele Grassi e Debora Marangoni rispettivamente presidente e vicepresidente dell’associazione Giulia, Franca Emanuelli direttore “UO-NPIA” Unità Operativa Neuropsichiatria per l’Infanzia e Adolescenza Azienda USL di Ferrara e Antonio Bortolotta dell’Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna di Ferrara.
“Venticinque anni sono un traguardo importante per un’associazione, un risultato ottenuto attraverso lo sforzo di tante persone che si sono avvicendate insieme nel tempo facendo qualcosa per gli altri. – ha affermato il sindaco Alan Fabbri – E’ per me motivo di orgoglio essere qui con voi in questo momento. Ferrara ha la grande fortuna di avere tante persone che si spendono quotidianamente cercando di dare il loro contributo attivo nel volontariato sociale. E’ una città viva, che ha voglia di fare e di darsi all’altro e penso che l’associazione Giulia, anche a livello provinciale, ne sia uno degli esempi migliori. Anche come presidente della Conferenza Socio Sanitaria – ha aggiunto il Sindaco – plaudo all’iniziativa che state mettendo in campo, che penso sia una cosa bella per la nostra città, per la nostra sanità e anche ovviamente per i nostri bambini. Grazie quindi e ancora buon compleanno. Nei vostri confronti da parte dell’Amministrazione comunale ci sarà sempre tutta la collaborazione necessaria.”
“E’ forte il segno lasciato da associazione Giulia sul territorio. – ha aggiunto l’assessore Cristina Coletti – Penso sia stima, affetto, amicizia e una grande consapevolezza di tutto il bene che stanno facendo i suoi volontari. In questo ambito anche l’Amministrazione comunale vuole fare la sua parte, andando a sostegno del nuovo progetto sulle ‘cure palliative in ambito pediatrico’ per il quale è stato previsto un ingresso immediato nei Piani di Zona e un riconoscimento a supporto di 15mila euro. Passo non scontato ma dovuto – ha confermato l’assessore alle Politiche Sociali – che permetterà sicuramente di migliorare la risposta del nostro territorio nei confronti di tante famiglie che vivono il dramma della disabilità ed è insieme riconoscimento della professionalità e delle elevate competenze di Azienda Usl e Azienda Ospedale. Questo progetto consentirà la presa in carico totale sia dei bambini sia delle loro famiglie, perché tutti sappiamo quanto siano importanti le cure palliative nel supporto dei familiari”.
“Perché associazione Giulia è anche Cultura? – ha concluso l’assessore Marco Gulinelli – Perché venticinque anni di attività in una città di Cultura come la nostra, dove i suoi volontari hanno creato relazioni con altre associazioni ed enti, coinvolgendo e sostenendo i bambini più fragili e le loro famiglie, sono un patrimonio davvero importante. La Cultura che si mette a disposizione del volontariato, va ricordato, è la vittoria di una collettività”.
——————————————————————————————
(Comunicazione a cura di Associazione Giulia ADV)
25 anni di Associazione Giulia ADV. Cosa abbiamo fatto e cosa faremo.
Associazione Giulia ODV raggiunge l’importante traguardo dei 25 anni di attività a sostegno dei bambini e delle famiglie colpite da patologie neoplastiche della provincia di Ferrara.
Nata nel 1996 dal desiderio di un gruppo di volontari a sostegno di Giulia, una bambina colpita da un grave problema psico-motorio e successivamente da una neoplasia fatale, l’associazione si è evoluta in questi 25 anni fino a diventare un punto di riferimento per il territorio estense.
Nel 2006 l’Associazione vive un momento di svolta, concentrando tutte le proprie energie su progetti a favore di bambini e famiglie colpiti da neoplasie, in particolare con l’avvio di un percorso di supporto attraverso due figure professionali fondamentali: un pediatra oncologo e uno psico-oncologo.
In questi lunghi anni Giulia ha accompagnato tantissimi bambini e le loro famiglie e sono stati seguiti oltre 200 nuclei familiari.
Nel suo percorso l’Associazione ha raccolto fondi che sono serviti non solo per finanziare i progetti ma anche per finalizzare importanti donazioni di strumentazione altamente specialistica nella cura dei pazienti pediatrici.
Sono moltissimi gli eventi e le attività organizzate nel corso degli anni con il coinvolgimento dell’Arcispedale S.Anna di Ferrara e Azienda Usl di Ferrara, oltre al Comune di Ferrara: per dare una stima pre-covid, si è sempre mantenuta una media di settanta/ottanta attività all’anno, di diversa entità ma sempre di pari importanza, perché per noi anche una piccola somma è fondamentale e ogni appuntamento è portatore del nostro messaggio.
Per raccogliere i fondi necessari a portare avanti le diverse attività l’Associazione non ha risparmiato energie e il territorio ha sempre risposto con numerose iniziative autonome i cui proventi sono stati interamente destinati all’organizzazione. Per citare alcune iniziative storiche che ci accompagnano da anni possiamo ricordare:
– recital “Un Angelo di nome Giulia”;
– iniziative in collaborazione con la sezione Cinofili dell’Arma dei Carabinieri;
– manifestazione “Pompieropoli” con i Vigili del Fuoco;
– le moltissime sfide sportive con la nostra Giulia Team;
– Ferrara in Fiaba;
– “Pasqua per bambino” con tanti motoclub.
Il bilancio dell’associazione dopo 25 anni è stato riassunto dal Presidente Michele Grassi in poche parole:
“Guardando indietro ai nostri primi anni e osservando quello che stiamo facendo oggi, posso dire che siamo tornati alla nostra mission originaria: non solo oncologia ma anche una speciale attenzione alle disabilità pediatriche”.
Il futuro dell’Associazione prevede alcune importanti evoluzioni: la più importante è il progetto sulle cure palliative in ambito pediatrico in collaborazione con U.O.NPIA Ferrara. Il progetto si articola su tre laboratori che aiuteranno i pazienti a sviluppare l’autonomia nell’ambito della comunicazione e della relazione sociale, dell’espressione del sé e della consapevolezza.
Il primo servizio è relativo alla Musicoterapia clinica, dedicato a minori dai 3 ai 18 anni. Il secondo è un laboratorio di espressione del sé tra musica e arte, per ragazzi dagli 11 ai 17 anni. Infine il laboratorio ludico “la cura dell’anima” tra teatro e canto, per minori dai 6 ai 18 anni.
BIBLIOTECA ARIOSTEA – Sabato 27 novembre 2021 alle 10,30 incontro in sala Agnelli. Aperte le iscrizioni
[Con il Gruppo di lettura ‘LeggerMente’ si parla de ‘Il gesto di Caino’ di Massimo Recalcati](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=4%3dLgAUQf%26q%3dR%269%3dX6ZLd%26t%3dSOgD%26L%3d3QyG_CxXq_N8_wrnw_77_CxXq_MC2NH.0wF98h2xLrL9B.nK_CxXq_MCsFEF50z_OVtk_YkUNcER_CxXq_MChF9-Fq-8CRuG0-An-CzQyLC8-q62DjI8BsKz-Pn-GvOq2-yB-nC-2BxK0-An-4vFsF-yF-r2DPnD0-Oj4vIh2EF.mK8I%26i%3dDFP14M.KjK2v8f%264P%3d6VLgB&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
Sarà dedicato al libro di Massimo Recalcati ‘Il gesto di Caino’ il nuovo incontro del Gruppo di lettura “LeggerMente” in programma sabato 27 novembre 2021 alle 10,30 nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via Scienze 17 Ferrara).
LA SCHEDA (a cura degli organizzatori)
Il gesto di Caino, il sangue di Abele, la punizione di Dio. Prima dell’amore per il prossimo, lo scandalo dell’odio fratricida interroga la vita umana.
«Il gesto di Caino è senza pietà: uccide il fratello spargendo il suo sangue sulla terra. Non lascia speranza, non consente il dialogo, non ritarda la violenza efferata dell’odio. È da questo gesto che la storia dell’uomo ha inizio. Sappiamo che l’amore per il prossimo è l’ultima parola e la piú fondamentale a cui approda il logos biblico. Ma non è stata la sua prima parola. Essa viene dopo il gesto di Caino. Potremmo pensare che l’amore per il prossimo sia una risposta a questo gesto tremendo? Potremmo pensare che l’amore per il prossimo si possa raggiungere solo passando necessariamente attraverso il gesto distruttivo di Caino? Quello che è certo è che nella narrazione biblica l’amore per il prossimo viene dopo l’esperienza originaria dell’odio. (Dalla quarta di copertina).
► L’accesso del pubblico alla Sala Agnelli (senza limitazioni di capienza) è consentito con Green pass e mascherina.
Per assistere alle dirette o rivederle in differita sarà sufficiente collegarsi al canale YouTube del Servizio Biblioteche [https://www.youtube.com/channel/UC1_ahjDGRJ3MgG45Pxs90Bg](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=6%3dCZDWHY%26t%3dT%26z%3dQ9bCW%26w%3dUFZG%26N%3dtJ2I5_HYvb_Si_KcsX_Ur_HYvb_RnP9M.7H7J35q.3wF_4qas_D6kAmDv8x_HYvb_RnxOQ_iAvdOuVSU0STCs0I4m1iGcN7%26l%3dF7I46D.DmM%26uI%3d9XCZE&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
Il programma completo degli appuntamenti culturali della biblioteca comunale Ariostea di Ferrara alla pagina: [http://archibiblio.comune.fe.it](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=3%3dEbTTJa%260%3dQ%262%3dSOYEY%26C%3dRHbW%26K1o3y%3dvLHF_6sqp_G3_Fqgr_P6_6sqp_F8yHq072w4093.5CC9F3.6s.AH%264%3d1MGLqT.B58%26AG%3dQISXW&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
[Un gin ferrarese, ecco il prodotto dell’imprenditore Bregola. Incontro col Sindaco: “La vivacità delle iniziative imprenditoriali dei giovani è alimento per il futuro”](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=0%3d9aBaDZ%26r%3dX%26v%3dR7f9X%26u%3dYBaE%26R%3dpKzM_zrYw_A2_xxaq_8C_zrYw_073T5.4xLv2i8kFsRv6.oQ_zrYw_07tL206Fm_IWzX_SlaAWFa_zrYw_071K-o0t-CmIx8z6yB-m4iL-qC-vOw5uQ2F-jBtCoJxIkKl0zLz6-hOm8uIi-0t0wEzOw-4uI-10tAi4u-Ii-MoSi4oQi-5kIt6-oKqQo828i2g02B-qDvOmEjF2FxFiCo-Am0-mFwMgKq-6-gIqDkK2F-oI-nLzRzF.nQuC%26j%3dJ3J200.EkQ%26qJ%3d7b9aC&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
UN GIN FERRARESE, ECCO IL PRODOTTO DELL’IMPRENDITORE BREGOLA. INCONTRO COL SINDACO: “LA VIVACITÀ DELLE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI DEI GIOVANI È ALIMENTO PER IL FUTURO”
Ferrara, 25 nov – Il suo è un gin locale che richiama i sapori e i profumi del delta. E che in pochi giorni ha già incontrato la curiosità di 200 appassionati del territorio. Promotore dell’iniziativa imprenditoriale è un giovane dell’alto ferrarese, Paolo Bregola (31 anni), che ha chiamato il suo primo “London Dry” CàMai, termine che in dialetto gorese significa “Mai a casa” e che si presenta già all’olfatto come tipico per i sentori di lavanda del delta, uniti anche ad altri aromi e spezie che spaziano dall’alloro al cappero, dall’ oliva al ginepro, passando per il coriandolo. Bregola ha incontrato questa mattina il sindaco Alan Fabbri, presentandogli il proprio progetto. Il primo cittadino si è complimentato per l’idea imprenditoriale e per il suo sviluppo: “Queste sono belle storie che meritano di essere raccontate e valorizzate – ha detto -. Siamo al fianco dei giovani che si mettono in gioco, che credono in un’idea, che lavorano duramente per realizzarla. La vivacità delle iniziative imprenditoriali e delle idee messe in campo dai ragazzi è alimento per il futuro”. “Tutto è nato – ha spiegato Bregola – dall’incontro con un ‘vongolaro’ a Lido delle Nazioni, al bagno Chalet del mare, che mi ha insegnato i segreti di questo prodotto, che mai prima avevo conosciuto. Ho iniziato a documentarmi a sperimentare spezie, aromi, pensando a un gin che conservasse l’anima del territorio. Mi sono reso conto che un’idea analoga era venuta a un distillatore di Bolzano, la cui azienda si chiama Zu Plun, fortemente appassionato a Ferrara e al suo territorio. Ci siamo uniti e oggi dalle sue distillerie escono le bottiglie che già commercializziamo ai lidi e che stiamo portando in Romagna”. Anche l’etichetta porta la firma ferrarese, è infatti realizzata da Lorenzo Botti di ‘Pace e Inchiostro tattoo studio’, e richiama l’Adriatico rappresentando: l’ancora, la vongola verace e il cuore.
“Come degustarlo? Consigliatissimo con una tonica secchissima e squisito pure nel Martini cocktail, che esalta il sentore dell’oliva”, spiega Bregola. Tutti gli aggiornamenti sulla pagina Instagram [https://www.instagram.com/camai_gin/?hl=it](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=6%3d8d9WCc%26o%3dT%26u%3dU4b8a%26r%3dUAdB%26N%3doNwIz_LTvW_Wd_KXwS_Um_LTvW_ViP4Q.lGzNd0y5p.6vG_utZt_59j5p4p_AlG_yuVs_90_utZt_69oF_utZt_4h5d67pN%26g%3dF2My69.HhM%26pM%3d4X8d0&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
(Ferrara Rinasce)
[Natale e Capodanno a Ferrara, tre nuovi spettacoli da dicembre, 100 chilometri di luminarie accese da sabato, 3 alberi in città, videomapping dal 28 dicembre. Sindaco: “forte investimento per promozione e rilancio”](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=0%3d5ZLa0Y%262%3dX%26r%3dQGf5W%265%3dY8ZO%26R%3dlJ0M_vqiw_71_8xWp_HC_vqiw_66CT1.38Lr1s8gE3Rr5.yQ_vqiw_664Lx9FFi_HgzT_Rva7VPb_vqiw_6648x12B-i-3qMs4qKrE-q-CiH88v1-0Oi-DALz9-9MiJ08gE2F-h1-tFg539v5-GgD-3xFpE3BxHy-Am-BAJmDqOm5-q0g59B-h1-98f10L-7-129iHy-Fr-3yQx1-BFh55JeF6Fr7-t8p-RN-Am3uJfHu-PmDt8gE-vLvJu-FrLuPx93BrJ5-MiH-6OsC5WmE4B-i8e1q-HyIeDsFs.80Jp%264%3d3RwLsY.r50%26Fw%3dQKXDW&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
NATALE E CAPODANNO A FERRARA, TRE NUOVI SPETTACOLI DA DICEMBRE, 100 CHILOMETRI DI LUMINARIE ACCESE DA SABATO, 3 ALBERI IN CITTÀ, VIDEOMAPPING DAL 28 DICEMBRE. E L’INCENDIO DEL CASTELLO TORNA IN PRESENZA. PROGRAMMAZIONE SPECIFICA AL GRATTACIELO. SINDACO: “FORTE INVESTIMENTO PER PROMOZIONE E RILANCIO”
Ferrara, 25 nov – Tre nuovi eventi, gratuiti, in preparazione al Natale, lo spettacolo dell’incendio del Castello che torna in presenza, oltre 100 chilometri di strisce luminose a led tra il centro storico e la stazione, tre alberi di Natale per la città, proiezioni videomapping sulla facciata del Castello dal 28 dicembre, una programmazione natalizia specifica al Grattacielo. E, per tutto, una campagna pubblicitaria nazionale. Sono alcune delle novità in calendario per il mese di dicembre, e le festività natalizie di quest’anno, a Ferrara. L’anteprima delle iniziative è stata presentata oggi in Comune, alla presenza del sindaco Alan Fabbri, dell’assessore Matteo Fornasini e di Nicola Borsetti dello studio Borsetti.
“È un pacchetto composto da numerose iniziative, che vuole coronare le alte aspettative per questo Natale, dopo le limitazioni dell’anno scorso, contando sulla stabilizzazione della situazione e sulle nuove misure governative”, ha detto il primo cittadino, spiegando che “abbiamo investito molto sulle luminarie, con allestimenti a basso consumo di energia e sostenendo i costi come Comune, sgravando così i commercianti da questa spesa. Una nuova iniziativa per venir loro incontro, dopo l’impatto della crisi Covid”. Si parte sabato 27 novembre alle 17, in piazza Trento e Trieste, con la prima accensione pubblica proprio delle luminarie.
“Ogni area commerciale del centro avrà nuovi allestimenti luminosi. L’obiettivo è valorizzare tutte le aree in un grande abbraccio di luci tra cuore della città e parco Coletta”, ha detto Fornasini.
L’8 dicembre sarà la volta, invece, dell’accensione degli alberi di Natale che quest’anno saranno dislocati: in piazza della Cattedrale (il principale, “sarà alto circa 16 metri”, ha annunciato l’assessore Fornasini), in piazza dell’Acquedotto (“dono – ha spiegato l’assessore – del Comune di Mezzana, in val di Sole, luogo di ritiro estivo della Spal) e uno in via San Romano, verso piazza Travaglio (“sarà anche un simbolo che vuol rappresentare l’avvio di un processo di riqualificazione di questa area strategica alle porte della città”). In vista del Natale, inoltre, per tre sabati – il 4, l’11 e il 18 dicembre, sempre alle 18 sempre in piazza Castello, con ingresso gratuito – sono previsti tre nuovi spettacoli: il 4 andrà in scena ‘Dream’, un connubio tra arti, danza, canto con giochi di luce, fuoco, creature magiche, farfalle e meduse luminose, l’11 sarà soprattutto dedicato a bambini e famiglie: dieci musicisti della band ‘Miwa Cartoon Cover Band’ suoneranno indossando le maschere dei supereroi. Il 18 è attesa “The big violinist”, la violinista Elisa Semprini (anche musicista della band di Umberto Tozzi) sarà una scenografica dama al violino che suonerà da cinque metri di altezza: sulla sua gonna saranno proiettate immagini della città. Dal 28 dicembre, e fino al 2 gennaio, sul lato sud del Castello, la facciata della fortezza ospiterà uno spettacolo (con almeno due proiezioni ogni ora, al crepuscolo) di videomapping: si tratta di un progetto dell’artista visuale Andrea Bernabini e Sara Caliumi di promozione artistico-culturale promosso dall’Amministrazione con Fondazione Estense, dedicato alla cittadinanza e ai turisti. “Sarà – anticipa l’artista – una narrazione storica ed epica su una delle bellezze di Ferrara volta ad emozionare il pubblico, miscelando con attento equilibrio arte e tecnologia che riempiranno di colore, astri e storia il Castello”. I dettagli saranno svelati, nello specifico, nel corso di una conferenza stampa nelle prossime settimane.
A questo calendario di eventi si aggiungerà anche una specifica programmazione, promossa dal vicesindaco Nicola Lodi, per l’area del Grattacielo, che sarà presentata nei prossimi giorni.
(Ferrara Rinasce)
[Maratona letteraria per la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Ass. Gulinelli: seminiamo parole contro le discriminazioni](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=3%3dEh6TJg%26l%3dQ%262%3dY1YEe%26o%3dRHh9%26K%3dvRtF_6ySp_G9_rqgx_26_6ySp_FDwMA.ArE29c1qMmK2C.iJ_6ySp_FDnE8Gz9s_PQsd_ZfTGd0V_6ySp_FDm161o9a9tE29-l58ReHoPi1-uGoH29t1-qMnJ6M-v93JeDD9-dE2Le-17Q-gKzGn5zJi.88Kl%264%3d1SsLqZ.n58%26Gs%3dQIY0W&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
VIOLENZA DONNE, IN TUTTE LE BIBLIOTECHE DI FERRARA LE PERFORMANCE POETICHE “A TU PER TU”. L’ASSESSORE GULINELLI ALLA LETTURA: “SEMINIAMO PAROLE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI”
Ferrara, 25 novembre 2021 – “La violenza si combatte anche seminando le giuste parole e richiamando le riflessioni dei grandi. I libri vanno amati e dai libri può partire una forte azione di sensibilizzazione contro la violenza, le discriminazioni, le ingiustizie, l’odio”. Così l’assessore Marco Gulinelli che ieri sera ha partecipato alla maratona letteraria “Leggiamoci negli occhi”, che si è tenuta, contemporaneamente in tutte le biblioteche di Ferrara, in vista della giornata – odierna – internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Hanno collaborato al progetto anche Ferrara off e l’associazione Circi. L’assessore, alla biblioteca Giorgio Bassani, ha letto a diverse persone la poesia “Jones l’indignato”, tratta dall'”Antologia di Spoon River” di Edgar Lee Masters. In diverse postazioni alcuni volontari hanno realizzato ‘performance poetiche per uno spettatore alla volta’.
All’evento ha preso parte anche l’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti (Uici). Per l’associazione, Alessandra Mambelli alla biblioteca Bassani, Rita Consiglio all’Ariostea e Davide Fortini alla Popolare Giardino hanno recitato alcune poesie scritte in braille, sempre nella modalità ‘a tu per tu’ prevista dall’iniziativa. Nell’occasione è stato anche attivato un workshop di lettura a voce alta a cura di Ferrara Off.
(Ferrara Rinasce)
[Pecora nella campagna ferrarese, il sindaco raccoglie segnalazione e lancia appello per l’affido](https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=4%3d3cDU8b%26t%3dR%26p%3dT9Z3Z%26w%3dS6cG%26L%3djM2G_ttaq_54_zrUs_07_ttaq_495Ny.6zFp4k2eHuLp8.qK_ttaq_49vFvB80g_KYtR_UnU5YHX_ttaq_49x6e2c4iHz2-p8tCc-6iDr4oEc-9mIt4z6u8-qC-uBv5c6w-Ic6kFiEq6-u8oEcEiQkHv6.jMuC%26f%3dF3Jx60.EgM%26qJ%3d3X9a9&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt)
25-11-2021
PECORA NELLA CAMPAGNA FERRARESE, SINDACO RACCOGLIE LA SEGNALAZIONE DI UN CITTADINO E LANCIA APPELLO SOCIAL: “CERCHIAMO QUALCUNO DISPOSTO AD ADOTTARLA”. IN TANTI SI FANNO AVANTI. PARTITO SONDAGGIO SUL NOME
Ferrara, 25 novembre 2021 – Nei giorni scorsi alla segreteria del sindaco di Ferrara Alan Fabbri era arrivata una segnalazione: “Una pecora giace da più di un mese su un terreno” nel territorio ferrarese, “alcune persone hanno intenzione di ucciderla per puro interesse”. Il sindaco – dopo aver attivato gli enti competenti – oggi si è recato sul posto: “Ho chiamato l’ex comandante provinciale della polizia provinciale Claudio Castagnoli – che ringrazio e che, come sempre, ha offerto un contributo importante e la sua ‘consulenza’ per gestire la situazione – e il servizio veterinario dell’Ausl, che si sta attivando per mettere in sicurezza l’animale”. Nel frattempo il primo cittadino, sui propri canali social, ha lanciato un appello: “Non avendo alcun padrone chiedo a tutti voi se c’è qualcuno interessato ad adottarla – scrive -. Ma ad una condizione: che non venga uccisa e macellata. Sarebbe bello se riuscisse ad entrare, ad esempio, in una fattoria didattica”.
Nel post Fabbri lancia anche un sondaggio per trovare un nome all’ovino. A un’ora dalla pubblicazione sono già diverse le offerte che arrivano da diverse realtà del territorio, e non solo, disponibili ad adottare l’animale e a coinvolgerlo in progetti didattici. Nel frattempo sono diverse anche le proposte per il nome. C’è chi pensa a “Bella”, chi a “Neve”, per il colore candido, chi a “Lana”, per il mantello, chi a “Bebel”, perché “richiama il belare”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here