(AGENPARL) – Roma, 13 maggio 2022 – Il ministro dell’Agricoltura tedesco ha chiesto all’UE di ridurre la burocrazia per consentire agli agricoltori di coltivare più grano in risposta alla crescente crisi alimentare in Ucraina.

Gli agricoltori in Germania dovrebbero poter coltivare più grano per combattere la crisi alimentare globale in corso, ha affermato il ministro dell’Agricoltura del paese, Cem Özdemir.

Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo, sarebbe necessario ridurre la burocrazia dell’UE, il che complica un aumento della produzione per il grano.

Secondo un rapporto di  Der Spiegel , il ministro Özdemir ha ora invitato l’UE a posticipare le nuove norme sulla protezione del suolo che dovrebbero essere applicate da Bruxelles nel 2024 per consentire agli agricoltori di sopperire alla mancanza di prodotti disponibili a causa della la continua invasione russa dell’Ucraina.

Queste regole imminenti vieteranno agli agricoltori di piantare lo stesso raccolto su un dato campo per due anni consecutivi, quindi – sostiene Özdemir – un ritardo nella misura renderebbe più facile la pianificazione delle colture per gli agricoltori a breve e medio termine.

La proposta è stata accolta bene dagli agricoltori locali, che sembrano desiderosi di aumentare il loro livello di produzione di grano per far fronte alla carenza di approvvigionamento attualmente affrontata in Germania e oltre.

“Vogliamo poter continuare a coltivare il grano tenero nella stessa misura di prima. Ma questo può essere solo un primo passo”, ha affermato Joachim Rukwied, presidente della State Farmers’ Association.

“Siamo ora in attesa di proposte da Bruxelles e Berlino su come risolvere la crisi alimentare”, ha continuato il rappresentante dell’agricoltura.

L’entusiasmo del ministro dell’Agricoltura per ottenere più raccolti di grano nel terreno è comprensibile considerando l’attuale situazione alimentare in Europa e oltre, con una carenza di esportazioni di cibo e fertilizzanti dall’Ucraina e dalla Russia che crea sostanziali timori per una crisi alimentare globale che colpirà in modo sproporzionato il mondo in via di sviluppo.

Questa crisi incombente è qualcosa di cui i funzionari tedeschi ora sembrano essere fin troppo consapevoli, con il ministro dello sviluppo del paese, Svenja Schulze, che avverte che il mondo potrebbe presto affrontare la peggiore crisi alimentare dalla seconda guerra mondiale.

“La situazione è altamente drammatica”, ha detto il ministro alla pubblicazione tedesca  Bild . “A causa del Coronavirus, della siccità estrema e ora della guerra, i prezzi dei generi alimentari in tutto il mondo sono aumentati di un terzo e ora sono a livelli record”.

“Il Programma alimentare mondiale attualmente presume che ben più di 300 milioni di persone soffrano di fame acuta e debba costantemente rivedere le sue previsioni al rialzo”, ha continuato. “Il messaggio amaro è che stiamo affrontando la peggiore carestia dalla seconda guerra mondiale, con milioni di morti”.

Questo avvertimento fa eco a quello del Direttore Esecutivo del Programma Alimentare Mondiale David Beasley, il quale ha affermato che una moltitudine di eventi mondiali hanno portato a una “ tempesta perfetta ” di insicurezza alimentare.

“Se pensi che ora abbiamo l’inferno in terra, preparati”, ha avvertito l’ex governatore repubblicano della Carolina del Sud , dicendo che l’Europa ha dovuto affrontare un’ondata migratoria di proporzioni bibliche se la questione del cibo non viene risolta.

“Se trascuriamo l’Africa settentrionale, l’Africa settentrionale arriva in Europa. Se trascuriamo il Medio Oriente, [il] Medio Oriente sta arrivando in Europa”, ha sottolineato.

Con il prezzo del grano e del carburante alle stelle, molti paesi temono una carestia incombente. Mentre infuria la lotta in una regione conosciuta come il granaio del mondo, l’UE può intervenire e sostituire l’Ucraina e la Russia come fornitore di grano? Ma soprattutto come verranno redistribuite le quote del grano all’interno dell’Unione europea?

Ah, a saperlo…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here