Agenparl
Image default
Home » COVID, SCENARI DA INCUBO NEGLI USA: 300 AZIENDE DICHIARANO BANCAROTTA NONOSTANTE $500 MILIONI DI FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DEGLI STIPENDI

COVID, SCENARI DA INCUBO NEGLI USA: 300 AZIENDE DICHIARANO BANCAROTTA NONOSTANTE $500 MILIONI DI FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DEGLI STIPENDI

COVID, SCENARI DA INCUBO NEGLI USA: 300 AZIENDE DICHIARANO BANCAROTTA NONOSTANTE $500 MILIONI DI FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DEGLI STIPENDI

(AGENPARL) – Roma, 19 novembre 2020 – È probabile che le nuove restrizioni in atto negli USA ricadano con effetti negativi maggiormente sulle piccole e medie imprese che non sono in grado di assorbire un altro shock del coronavirus e che potrebbero avviarsi verso il fallimento.

Quasi 300 aziende che hanno ricevuto fino a $ 500 milioni di finanziamenti dal Paycheck Protection Program (Programma di Protezione dello stipendio) hanno presentato un’istanza di fallimento, secondo alcuni dati del governo e delle presentazioni delle domande nei tribunali condotta dal Wall Street Journal.

Il Paycheck Protection Program è un prestito progettato per fornire un incentivo diretto alle piccole imprese a mantenere il livello occupazionale dei propri dipendenti e la US Small Business Administration (SBA) condonerà i prestiti se tutti i criteri di mantenimento dei dipendenti sono soddisfatti e i fondi vengono utilizzati per le spese ammissibili.

I prestiti PPP hanno un tasso di interesse dell’1%.

Le aziende che hanno presentato istanza di fallimento hanno impiegato un totale di 23.400 lavoratori, molti dei quali hanno affermato che il PPP non ha fornito fondi sufficienti per sostenere la brutale recessione economica della pandemia di coronavirus.

Alcuni hanno anche notato che la mancanza di ulteriori aiuti da parte del Congresso dopo che il Cares Act di marzo ha interferito con le loro operazioni commerciali.

I risultati del Wall Street Journal hanno analizzato solo i grandi mutuatari del PPP, che comprendeva circa la metà dei prestiti complessivi e circa il 13,5% del numero di partecipanti.

La pubblicazione ha aggiunto che molte piccole imprese tendono a liquidare, piuttosto che presentare istanza di fallimento quando si interrompe un’attività.

La Small Business Administration (SBA) ha erogato prestiti PPP per circa 525 miliardi di dollari a 5,2 milioni di aziende da aprile, ma l’amministrazione ha riportato solo i dati sui maggiori mutuatari del programma. Queste società che hanno presentato istanza di fallimento hanno preso in prestito tra $ 228 milioni e $ 509 milioni.

Circa il cinquanta percento delle 285 società identificate dal Wall Street Journal hanno dichiarato bancarotta da agosto, più o meno nello stesso periodo in cui sono scaduti i sussidi federali del Cares Act. Queste aziende risiedevano in quasi tutti gli stati, riferendosi alla pandemia come motivo dei loro fallimenti.

Ma gli economisti hanno indicato che i dati sui fallimenti probabilmente cresceranno nei prossimi mesi, soprattutto senza alcun sollievo federale in vista e con le nuove restrizioni a livello statale su ristoranti e piccole imprese che sono state implementate per contenere la diffusione del virus.

E’ chiaro che la prospettiva è quella di una ondata di fallimenti con il conseguente aumento della disoccupazione, visto che ad oggi non c’è stata alcuna immissione di liquidità in grado di far circolare la moneta, creare investimenti e quindi stimolare sia la domanda che la produzione.

Quindi non c’è sorprendersi se ci sarà una forte accelerazione dei fallimenti nei prossimi mesi, soprattutto se non saranno varati programma di sostegno per le piccole e medie imprese.

E’ altrettanto chiaro che con le nuove restrizioni è probabile che queste nuove restrizioni ricadranno maggiormente su quelle piccole e medie imprese che non sono in grado di assorbire un altro shock Covid-19 e che potrebbero chiudere definitivamente.

La seconda ondata in atto in primis disincentiverà gli imprenditori ad avviare nuove attività e avrà sicuramente un effetto negativo sul flusso di cassa delle piccole imprese, indipendentemente dal fatto che ci siano blocchi a livello nazionale o locale, perché le persone potrebbero non essere disposte a rischiare l’infezione recandosi in queste attività.

Ma quale è la strada per uscire da questa palude?

Milton e Rose Friedman nel libro Free to Choose (liberi di scegliere) sostengono le politiche economiche del laissez-faire, spesso criticando le politiche governative interventiste e il loro costo in libertà personali ed efficienza economica negli Stati Uniti e all’estero.

Sostengono che il libero scambio internazionale è stato limitato dalle tariffe e dal protezionismo, mentre il libero scambio e la libertà interni sono stati limitati da una tassazione e una regolamentazione elevate.

I Friedman sostengono che la Federal Reserve abbia esacerbato la Grande Depressione trascurando di impedire il declino dell’offerta di moneta negli anni precedenti.

Sostengono inoltre che il pubblico americano ha erroneamente percepito la Depressione come il risultato di un fallimento del capitalismo piuttosto che del Governo, e che la Depressione ha permesso al Federal Reserve Board di centralizzare il suo controllo del sistema monetario nonostante la sua responsabilità.

In tema di welfare, i Friedman sostengono che gli Stati Uniti hanno mantenuto un più alto grado di libertà e produttività evitando le nazionalizzazioni e gli estesi sistemi di welfare dei paesi dell’Europa occidentale come il Regno Unito e la Svezia.

Oggi in Occidente e soprattutto in Italia c’è un enorme malinteso di fondo specie sui fattori che hanno maggiormente contribuito all’enorme successo economico della Cina.

Troppe persone credono che la Cina abbia scoperto una “Terza Via”, un percorso tra socialismo e capitalismo.

Molti credono addirittura che l’incredibile successo della Cina sia stato possibile solo perché lo stato ha mantenuto un’influenza così forte sull’economia.

Pochi – pochissimi – credono che l’ascesa economica della Cina non è dovuta allo Stato, ma a dispetto dello Stato.

Oggi, come confermato da un documento di lavoro del World Economic Forum, il settore privato è la forza trainante in Cina: «Il settore privato cinese è ora il motore principale della crescita economica della Cina. La combinazione dei numeri 60/70/80/90 è spesso utilizzata per descrivere il contributo del settore privato all’economia cinese: contribuiscono al 60% del PIL cinese e sono responsabili del 70% dell’innovazione, dell’80% dell’occupazione urbana e forniscono 90 % di nuovi posti di lavoro. La ricchezza privata è anche responsabile del 70% degli investimenti e del 90% delle esportazioni.

Friedman è stato, ovviamente, critico del fatto che la Cina non abbia introdotto le libertà politiche per eguagliare le sue libertà economiche.

In Cile, aveva visto le riforme del libero mercato aiutare a porre fine alla dittatura militare del paese. Sperava che una maggiore libertà economica avrebbe portato anche a una maggiore libertà politica in Cina.

In linea con gli insegnamenti di Friedman, il miracolo economico cinese conferma che una maggiore prosperità per le persone può essere raggiunta solo espandendo i diritti di proprietà privata e promuovendo il libero mercato.

Oggi si sta lentamente instaurando, cioè quello che i comunisti nell’est chiamavano l’ «ordine democratico antifascista», e a distanza di poco più di 30anni dal crollo del socialismo e la fine delle dittature comuniste nell’Unione Sovietica e nella Germania dell’Est, il socialismo reale si sta rialzando.

«Rem tene, verba sequentur» cioè comprendi la cosa, seguiranno le parole.

Post collegati

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More