(AGENPARL) – Roma, 28 febbraio 2020 – «Ho appena ricevuto – ha dichiarato Trump – un altro briefing da un grande gruppo di esperti sul virus che sta andando in giro per varie parti del mondo. Abbiamo, grazie ad alcune ottime decisioni iniziali – che erano state ridicolizzate all’inizio – chiuso i nostri confini ai voli in arrivo da determinate aree che sono state colpite duramente dal coronavirus. E l’abbiamo fatto molto presto anche se molte persone hanno pensato che non avremmo dovuto farlo così presto ma lo abbiamo fatto e si è rivelato essere una cosa molto buona».

«La priorità numero uno –ha sottolineato Trump – è la salute e la sicurezza del popolo americano. Ed è così che l’ho vista quando ho preso questa decisione. Ed è proprio a causa di ciò che il rischio per il popolo americano rimane molto basso. Abbiamo i più grandi esperti del mondo – davvero, nel mondo, proprio qui – persone che sono invitate da altri paesi quando accadono cose del genere».

«Noi – ha detto Trump – siamo pronti ad adattarci e siamo pronti a fare qualunque cosa dobbiamo fare, mentre la malattia si diffonde, se si diffonde. Come molti di voi sanno, il livello che abbiamo avuto nel nostro paese è molto basso. Abbiamo un totale di 15 casi. Ne abbiamo presi alcuni dal Giappone perché sono cittadini americani e sono in quarantena. E stanno anche migliorando. Delle 15 persone – le “15 originali”, come le chiamo io – 8 sono tornate nelle loro case, per rimanere nelle loro abitazioni fino a quando non si sono completamente riprese. Uno è in ospedale e cinque si sono completamente ripresi. E uno è, pensiamo, in buona salute ed è tra l’ospedale e il ritorno a casa. Quindi abbiamo un totale di 15 persone che sono in procinto di riprendersi, con alcune già completamente guarite. Ci sono alcuni focolai in alcuni paesi. L’Italia e vari paesi hanno qualche difficoltà. E la Cina da dove è iniziata. Ho parlato con il presidente Xi. Abbiamo fatto una bella chiacchierata. Sta lavorando molto duramente, devo dire. E se puoi contare sui rapporti che escono dalla Cina, tale diffusione è diminuita parecchio. L’infezione sembra essere diminuita negli ultimi due giorni».

«Ora, ciò che abbiamo fatto – ha sottolineato Trump – è che abbiamo impedito ai cittadini non statunitensi di venire in America dalla Cina ed è stato fatto in fretta. Stiamo controllando le persone e abbiamo effettuato, ad un livello molto alto, screening di coloro che entrano nel paese da aree infette. Abbiamo messo in quarantena quelli infetti e quelli a rischio. Abbiamo delle ottime strutture di quarantena. Stiamo rapidamente sviluppando un vaccino e parlando con i dottori, pensiamo che sia qualcosa che possiamo sviluppare abbastanza rapidamente, cioè un vaccino per il futuro e coordinarci con i nostri partner. Abbiamo ottimi rapporti con tutti i paesi di cui stiamo parlando. Un numero abbastanza elevato di paesi. E vedremo cosa succede. Ma siamo pronti per questo, per qualsiasi cosa – che si tratti di un breakout di proporzioni più grandi».

Anche il vice presidente, Mike Pence è intervento affermando che «il presidente Trump ha chiarito fin dai primi giorni di questa amministrazione che non abbiamo priorità più alta della sicurezza, protezione, salute e benessere del popolo americano. E dalla prima parola dello scoppio del coronavirus, il Presidente ha preso misure senza precedenti per proteggere il popolo americano dalla diffusione di questa malattia. Ha già detto brevemente delle restrizioni di viaggio, lo sforzo aggressivo di quarantena degli americani che stanno tornando, la dichiarazione di un’emergenza per la salute pubblica e l’istituzione della Task Force Corona [virus] della Casa Bianca riflettono tutti l’urgenza che il Presidente ha portato ad un approccio tutto governo. Come ex governatore dello stato in cui è emerso il primo caso MERS nel 2014, conosco perfettamente l’importanza della leadership presidenziale, l’importanza della leadership amministrativa e il ruolo vitale delle partnership tra governi statali e locali e autorità sanitarie nel rispondere alle potenziale minaccia di pericolose malattie infettive. E io – ha detto Pence – non vedo l’ora, signor Presidente, di svolgere questo ruolo. Sto riunendo tutti i membri della Task Force Corona che hai istituito: HHS, CDC, DHS, Dipartimento dei trasporti e Stato. Questa squadra è stata, su sua direzione, signor Presidente, riunita ogni giorno da quando è stata istituita. Il mio ruolo sarà quello di continuare a riunire quella squadra; offrire al Presidente le migliori opzioni di intervento; per garantire la sicurezza, il benessere e la salute del popolo americano. E la gente di questo paese può essere fiduciosa che, sotto la sua guida, continueremo a portare tutte le risorse del governo federale, in coordinamento con i nostri partner statali e locali, per fare attenzione alla salute e al benessere e all’efficace risposta al coronavirus qui negli Stati Uniti d’America. Abbiamo iniziato a lavorare con il Congresso per garantire i finanziamenti di cui abbiamo bisogno. Ci sono cinque priorità principali nella richiesta della Casa Bianca al Congresso che la Casa Bianca ha fatto lunedì. Queste priorità sono: in primo luogo, l’espansione della nostra rete di sorveglianza. In secondo luogo, il sostegno al lavoro dei governi statali e locali. Terzo e quarto sviluppo di terapie e vaccini. E quinto, produzione e acquisto di dispositivi di protezione individuale come abiti e maschere. In qualità di presidente della Task Force del Presidente Coronavirus, mi impegno a fornire aggiornamenti regolari dal nostro processo coordinato di interattività. Abbiamo avuto i nostri migliori leader della salute pubblica, come quelli che si uniscono a me oggi, parlando con i media più volte al giorno per informare il pubblico americano. L’amministrazione Trump continuerà a essere aggressivamente trasparente, mantenendo il popolo americano e i media informati della situazione e di ciò che tutti possono fare».

Detto questo, il vice presidente Pence ha dato la parola alla dottoressa Anne Schuchat. La dottoressa Schuchat è alto funzionario di carriera presso i Centers for Disease Control and Prevention, il principale vicedirettore con oltre 30 anni di carriera presso il CDC in sanità pubblica, ed è membro del Corpo della Commissione del Servizio Sanitario Pubblico degli Stati Uniti.

Schuchat «La nostra aggressiva strategia di contenimento qui negli Stati Uniti ha funzionato ed è responsabile dei bassi livelli di casi che abbiamo finora. Tuttavia, prevediamo un numero maggiore di casi e questo è un buon momento per prepararsi. Come avete sentito, è il momento perfetto per aziende, sistemi sanitari, università e scuole per esaminare i loro piani di preparazione alla pandemia, rispolverarli e assicurarsi che siano pronti. E abbiamo molte più informazioni sul sito web del CDC e in collaborazione su come farlo. Ma è anche un buon momento per preparare il pubblico americano e farvi sapere cosa è il virus. Il coronavirus di cui stiamo parlando è un virus respiratorio. Si è diffuso in modo simile al raffreddore comune o all’influenza. Si diffonde attraverso tosse e starnuti. E così quelle misure sensate quotidiane che diciamo alle persone di fare ogni anno con l’influenza sono importanti ora: coprire la tosse, stare a casa quando si è malati e lavarsi le mani. Misure provate e vere, non molto eccitanti, ma modi davvero importanti per prevenire la diffusione dei virus respiratori. Quindi la proiezione di ciò che stiamo guardando nelle settimane e nei mesi a venire è molto incerta. Ma molti dei passi che abbiamo intrapreso negli ultimi 15 anni per prepararci all’influenza pandemica e la nostra esperienza nel corso della pandemia di influenza H1N1 del 2009, ci ricordano i tipi di passaggi che il nostro sistema sanitario, le nostre attività, le nostre comunità, e le scuole potrebbero dover prendere. Siamo in questo insieme, tutto il governo, il pubblico e il settore privato. E il CDC vuole assicurarsi di avere le migliori informazioni disponibili ogni giorno»