Agenparl
Image default
Home » CINA: L’ACCORDO COMMERCIALE ASIATICO (RCEP) MOSTRA CHE LA POLITICA CINESE DI BIDEN STA GIà FALLENDO. AVVIARE ACCORDO TRA USA E UE E COINVOLGERE LA RUSSIA

CINA: L’ACCORDO COMMERCIALE ASIATICO (RCEP) MOSTRA CHE LA POLITICA CINESE DI BIDEN STA GIà FALLENDO. AVVIARE ACCORDO TRA USA E UE E COINVOLGERE LA RUSSIA

Cina: l’accordo commerciale asiatico (RCEP) mostra che la politica cinese di Biden sta già fallendo. Avviare accordo tra Usa e Ue e coinvolgere la Russia

(AGENPARL) – Roma, 17 novembre 2020 – La Cina e altri 14 paesi dell’Asia-Pacifico hanno firmato domenica un gigantesco accordo commerciale che copre un terzo del PIL globale, una mossa che spegne ogni speranza per la fattibilità della politica commerciale cinese dell’ex vicepresidente Joe Biden.

La firma del Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP) crea il più grande blocco commerciale del mondo, un mercato di 2,2 miliardi di persone e un PIL di $ 26,2 trilioni. La maggior parte degli analisti concorda sul fatto che rafforzerà la posizione politica ed economica della Cina nella regione e in tutto il mondo.

Evidenzia anche una debolezza critica nella politica commerciale sostenuta da Biden. Durante la campagna elettorale, Biden ha ripetutamente criticato l’approccio dell’amministrazione Trump di imporre tariffe unilaterali e chiedere reciprocità commerciale. Ma ha insistito che non avrebbe accettato nemmeno lo status quo pre-Trump.

«La Cina sta rubando la proprietà intellettuale. La Cina sta condizionando la possibilità di fare affari in Cina in base al fatto che tu abbia o meno il 51% di proprietà cinese. Questo deve finire», ha detto Biden in un’intervista con Lulu Garcia-Navarro di NPR ad agosto.

 

Biden ha detto invece che avrebbe lavorato con gli alleati e il resto del mondo per fare pressione sulla Cina.

«Rappresentiamo il 25 per cento dell’economia mondiale, ma abbiamo messo il dito negli occhi di tutti i nostri alleati là fuori», ha detto Biden, riferendosi molto probabilmente alle tariffe che abbiamo applicato all’acciaio e all’alluminio prodotti da alleati e rivali allo stesso modo.

«Il modo in cui la Cina risponderà è quando raduneremo il resto del mondo … È allora che le cose iniziano a cambiare. È allora che il comportamento della Cina cambierà».

Ma funziona solo se il resto del mondo segue il piano. E l’RCEP ci mostra che il mondo ha le sue idee.

Il piano Biden è sempre stato un compito arduo, se non fantasioso, visto l’accordo appena concluso due giorni fa.

Perché il resto del mondo avrebbe esercitato pressioni sulla Cina se non fosse stato disposto a farlo durante gli otto anni in cui Biden era vicepresidente sotto Barack Obama?

Che tipo di pressione potrebbe esercitare il mondo sulla Cina che non includesse restrizioni commerciali e tariffe?

Quali prove ci sono che il resto del mondo sosterrebbe i costi del disaccoppiamento delle economie dalla Cina per creare pressione?

Ancora più importante: perché la Cina dovrebbe cedere a quel tipo di pressione?

L’RCEP chiarisce che la politica commerciale di Biden è probabilmente nata morta.

I paesi firmatari non cinesi hanno deciso di portare avanti un accordo commerciale che garantisca che non faranno parte di una coalizione per contenere o riformare la Cina.

Lungi dal ritenere la Cina responsabile del suo passato predatorio, l’RCEP lo rivendica.

La Cina ora avrà il suo status economico rafforzato da una serie di paesi alle sue periferie che vedranno le fortune cinesi come inesorabilmente legate alle proprie. E l’accordo non include nessuna delle protezioni sul cambiamento climatico o sul lavoro che Biden e altri democratici hanno esortato il mondo a chiedere alla Cina in cambio dell’accesso al mercato.

«Il Centro per gli studi strategici e internazionali osserva che il RCEP non include regole ambientali o di lavoro. E le sue sezioni sulla risoluzione delle controversie, la concorrenza, i servizi e gli investimenti sono relativamente deboli», ha sottolineato lunedì Mike Bird del  Wall Street Journal.

Ma crea un polo produttivo regionale che attirerà posti di lavoro e investimenti dal resto del mondo, rendendo più difficile per gli estranei sfidare la Cina.

Ecco la valutazione CSIS:

Uno dei cambiamenti più significativi nel RCEP è la creazione di regole comuni di base per l’intero blocco. Una volta implementato, i paesi RCEP richiederanno un solo certificato di origine. Ciò consentirà alle aziende di spedire facilmente i prodotti tra i paesi RCEP senza doversi preoccupare di criteri specifici delle regole di origine in ciascun paese o per ogni fase di produzione. Una regola di origine comune per il blocco RCEP ridurrà i costi per le aziende con catene di approvvigionamento che si estendono in tutta l’Asia e potrebbe incoraggiare le multinazionali che esportano nei paesi RCEP a stabilire catene di approvvigionamento in tutto il blocco.

Ciò potrebbe aiutare la Cina ad evitare dazi o altre restrizioni commerciali in futuro complicando ciò che viene prodotto in Cina e ciò che viene prodotto da altri paesi nel blocco RCEP.

Darà anche alla Cina la possibilità di sostenere che le restrizioni sui prodotti fabbricati in Cina danneggeranno le economie dei suoi vicini che vendono nella catena di approvvigionamento.

In breve, questo nuovo accordo commerciale dovrebbe scuotere gli animi di coloro che ancora si aggrappano alla politica sempre poco plausibile di Biden che non funzionerà.

Forse è il caso Gli Stati Uniti dovrebbero avviare un accordo con l’UE e creare il più grande mercato al mondo coinvolgendo possibilmente anche la Russia.

Post collegati

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More