Il Partito Comunista Cinese è pronto ad affrontare una nuova minaccia in Patria proveniente dai giovani? La tendenza Tangping

(AGENPARL) – Roma, 30 giugno 2021 – Manca pochissimo tempo al centenario della fondazione del Partito Comunista Cinese (PCC) e il turismo ‘rosso’  – che prevede la visita dei siti storicamente e culturalmente importanti per il PCC –  è in forte espansione nel paese.

Molti giovani cinesi sono tra i turisti rossi, ma non tutti sono dei fedeli e devoti sostenitori al partito, in quanto sta crescendo il pessimismo sul futuro della nazione, all’indomani dell’eccessiva spinta alla competizione sociale e all’ampliamento delle disparità economiche generazionali.

Nonostante ciò, il presidente Xi Jinping, sta mirando a diventare il leader a vita della Cina, e apparentemente sta spingendo sul rafforzamento della sua autorità e sull’adozione di misure atte ad alleviare le preoccupazioni tra i giovani.

Molto sostengono che Xi potrebbe diffidare di quei giovani cinesi che non hanno molta devozione per il partito comunista al governo e potrebbero rimanere disincantati.

Più in particolare si sta ingrossando la schiera di giovani che sono esausti della cultura della competizione e sono quasi al limite delle forze. Infatti, molti osservatori esterni hanno evidenziato che la tendenza del “Tangping”, o “stare sdraiati”, sta germogliando sulle piattaforme multimediali del Paese.

Sebbene il Partito Comunista si è impegnato fortemente nel fare della Cina la superpotenza mondiale, la generazione Tangping potrebbe diventare un serio problema, perché potrebbero disobbedire alle linee guida del PCC. Ed è questa una vera e propria minaccia per il presidente Xi.

Non a caso il quotidiano del Partito Comunista Cinese, Global Times, si sta impegnando da tempo nella pubblicazione di articoli che fanno appello ai giovani d’oggi.

Il Global Times con enfasi ha pubblicato articoli altisonanti come ad esempio «Il Partito Comunista Cinese (PCC) si prepara a celebrare il suo centenario il 1° luglio, ma brilla ancora di giovane vitalità, poiché più di un terzo dei suoi 92 milioni di iscritti ha meno di 40 anni».

«Come ha fatto un Partito centenario, fondato da giovani persone, a riuscire ancora a coinvolgere i giovani? In che modo i giovani cinesi di oggi, cresciuti in pace, inondati dal boom dello sviluppo economico e sociale del Paese, e che sono la coorte più esposta all’Occidente, vedono il Partito in modo diverso dai loro genitori o nonni? La passione per il contributo al Partito rimane forte in quei giovani? Questo è il secondo di una serie di rapporti per decifrare perché il PCC è la scelta destinata al popolo cinese, perché può superare le sfide e le prove di oltre un secolo e qual è il suo codice segreto per il successo nel governare un paese così vasto e attuare politiche economiche efficaci che hanno creato un miracolo economico per la Cina e il mondo. Il primo ha esplorato come il PCC ha resistito tempesta dopo tempesta e ha superato crisi dopo crisi e come una leadership salda è diventata la chiave del successo del PCC». Si chiede il Global Times nell’articolo che intitola «In che modo il CPC secolare fa appello ai giovani di oggi. Sempre giovani».

E poi l’affondo «Era solo un normale giovedì di inizio giugno, fatta eccezione per la lunga fila, composta per lo più da giovani, che si è formata davanti a piazza Tiananmen alle 2 del mattino. Stavano aspettando la cerimonia quotidiana dell’alzabandiera che si tiene in piazza. Due ore dopo, nel momento in cui la Piazza è stata aperta, la folla allegra di giovani ha corso l’uno contro l’altro per arrivare al fronte, desiderosi dell’angolazione migliore per scattare selfie con la scintillante bandiera nazionale sullo sfondo. Una dozzina di studenti universitari, tutti membri del Partito Comunista Cinese (PCC), hanno dichiarato di essere lì per rendere omaggio al Partito prima del suo centenario, che cade il 1 luglio, perché temevano che la piazza diventasse più affollata mentre il grande giorno si avvicinava».

«Il PCC ha registrato quasi 92 milioni di membri alla fine del 2019, più di un terzo al di sotto dei 40 anni, mentre i membri del Partito studentesco rappresentavano il 2% del numero totale, rendendo il PCC un partito di governo relativamente giovane a livello globale».

«Tuttavia, l’attuale generazione di giovani cinesi sta affrontando un grande esame. I giovani in Cina, la maggior parte dei quali sono figli unici della famiglia e portano sulle spalle le speranze della loro famiglia, sono cresciuti godendosi il boom dello sviluppo del paese e sono la generazione più istruita che è più connessa al mondo rispetto ai loro genitori. Sono anche etichettati come xiaohuangdi, il “piccolo imperatore viziato” della famiglia, e il gruppo “disteso”, una parola d’ordine recentemente usata dai giovani per prendersi una pausa per respirare in questa società frenetica e altamente competitiva».

«Mentre il PCC si prepara a celebrare il suo centesimo compleanno, c’è stato un nuovo esame della gioventù cinese, e in particolare dei giovani membri del Partito: il Partito centenario ha ancora fascino per la giovane coorte? Loro, come i loro genitori, hanno ancora la convinzione più pura che il PCC sia “l’unico salvatore della Cina?” E possiedono ancora la passione, il giusto ardore, come i loro predecessori, di servire il popolo e il paese?»

Il Partito Comunista è stato fondato nel 1921 a Shanghai. Nel 1949, il suo allora leader Mao Zedong dichiarò la fondazione della Repubblica Popolare Cinese dopo aver sconfitto l’esercito nazionalista di Chiang Kai-shek e aver finalmente liberato la nazione dalle forze straniere.

Tre anni prima del centenario del partito al governo, la Cina ha rimosso dalla sua Costituzione il limite di due mandati per il presidente. Tutti gli occhi sono ora puntati sul fatto che Xi sarà rieletto come leader del partito al suo congresso biennale nell’autunno del prossimo anno.

Xi ha cercato di elevare il suo status a quello del defunto Mao e di consacrare il Partito Comunista chiedendo ai gruppi religiosi autorizzati dal governo di dire: “Dio ha eletto il partito”, hanno detto fonti ben informate che hanno familiarità con la questione.

Dimostrando la sua fiducia nel fatto che il suo paese abbia seguito la strada del “socialismo con caratteristiche cinesi”, Xi ha espresso il desiderio di raggiungere “il grande ringiovanimento della nazione cinese”.

In una mostra tenutasi al memoriale del primo Congresso nazionale del Partito comunista cinese a Shanghai, molte foto hanno esaltato il carisma di Xi, inclusa una che lo mostra circondato da un gran numero di studenti sorridenti in una scuola elementare.

Indubbiamente il partito al governo è “entrato in una nuova era” fino al 2050 da quando Xi è diventato il suo capo nel 2012.

Molti analisti assicurano che la leadership di Xi continuerà sulla politica di riforma e apertura, adottata nel 1978, anche se si aspettano che rafforzi il controllo sui cittadini cinesi e tenti di rafforzare la sua influenza globale nei settori della sicurezza e dell’economia.

Molti studenti sono interessati alla storia della Cina e non a quella del Partito Comunista ma soprattutto non credono che il Partito comunista possa affrontare le diverse sfide che il popolo cinese sta affrontando.

Negli anni 2000, i giovani chiamati “Yueguang Zu” o “The Moonlight Clan”, si sono crogiolati sotto i riflettori in Cina ed  apparendo come un simbolo dell’espansione economica della Cina, consumavano il loro intero stipendio prima della fine di ogni mese nel tentativo di godersi la vita.

Guadagnandosi la reputazione di “fabbrica del mondo”, la Cina, che ha una popolazione di oltre 1 miliardo di abitanti, ha superato il Giappone come seconda economia mondiale nel 2010.

In Cina, nel frattempo, la competizione per l’accesso alla scuola e l’avanzamento di carriera si è intensificata con la crescita della classe a reddito medio. La situazione ha demoralizzato molti giovani, vittime di un forte sviluppo economico caratterizzato da un basso tasso di natalità.

I giovani cinesi sono consapevoli di dover sostenere un maggiore fardello in termini di assistenza sociale e spese pensionistiche poiché la popolazione è diventata – in maniera rapida – anziana a causa in gran parte della sua “politica del figlio unico” introdotta nel 1979, mentre di pari passo, dovranno sborsare somme consistenti per poter mantenere la famiglia.

Molti si stanno lamentando perché non possono comprare una casa ia causa dell’aumento dei prezzi degli immobili e non possono sopratutto risparmiare denaro perché dovranno pagare un sacco di soldi per l’assistenza all’infanzia, l’istruzione, l’assistenza infermieristica, l’assistenza sanitaria e la sicurezza sociale.

E nessuno è intenzionato a lavorare fino alla morte per il Partito Comunista per raggiungere il suo obiettivo di rendere la Cina la superpotenza mondiale superando gli USA.

La “politica del figlio unico” è stata abolita nel 2016. A maggio, il partito comunista al governo ha anche deciso di consentire alle coppie sposate di avere un terzo figlio, in un importante cambiamento di politica per affrontare gli effetti negativi del calo della natalità del paese. E questo non fa che aumentare la pressione sui giovani.