Agenparl
Image default

CINA, GLOBAL TIMES: I PRODUTTORI DI MASCHERE CINESI VEDONO AUMENTARE LE RICHIESTE NEL PIANO NAZIONALE DI BIDEN PER COMBATTERE COVID-19

(AGENPARL) – Roma, 22 gennaio 2021 – Il quotidiano di Proprietà del Partito Comunista Cinese, Global Times, pubblica il 22 gennaio 2021 un articolo dal titolo « I produttori di maschere cinesi vedono aumentare le richieste nel piano nazionale di Biden per combattere COVID-19»

Secondo il Global Times «i produttori cinesi di dispositivi di protezione individuale affermano di aver visto un aumento delle richieste di maschere dagli Stati Uniti da gennaio e di essere “più che pronti” a soddisfare la domanda degli Stati Uniti in mezzo alla “seria lotta” dell’amministrazione Biden contro COVID-19».

Il numero di richieste dagli Stati Uniti a gennaio è raddoppiato da dicembre, comprese alcune con intenzioni di acquisto ferme per un valore di 20 milioni di yuan (3,09 milioni di dollari), pari al totale del 2020, Huang Yuhao, presidente di Health Box nella provincia di Anhui, nella Cina orientale, produttore di maschere, ha detto al Global Times.

L’aumento della domanda degli Stati Uniti arriva quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden inizia a prendere misure più efficaci per frenare il virus. Biden ha avvertito giovedì che le morti totali per la pandemia di coronavirus negli Stati Uniti supereranno probabilmente i 500.000 il prossimo mese.

Biden ha anche firmato 10 ordini esecutivi nel suo primo giorno intero in carica per combattere l’epidemia di COVID-19, obbligando a indossare la maschera in tutti i trasporti pubblici e dirigendo le agenzie a usare i poteri in tempo di guerra per richiedere alle società statunitensi di realizzare maschere, tamponi e altre attrezzature N95.

La politica statunitense sull’uso delle maschere arriva in una fase particolarmente avanzata, ma meglio tardi che mai, hanno detto gli analisti, avvertendo che gli Stati Uniti hanno ancora molta strada da fare per rafforzare la loro “educazione” pubblica sulle misure di prevenzione delle epidemie.

“La politica è arrivata in un momento in cui il coronavirus negli Stati Uniti è già entrato in una fase molto grave”, ha detto al Global He Weiwen, un ex alto funzionario commerciale e membro del consiglio esecutivo della China Society for World Trade Organization Studies. Orari di venerdì.

“Non è ancora noto se le persone negli Stati Uniti” compreranno “la politica, ma gli ordini esecutivi arriveranno sempre con sanzioni, il che significa che le persone saranno” costrette “a seguire le regole”, ha detto.

“Anche l’effetto della politica rimane sconosciuto”, ha aggiunto.

L’aumento degli ordini di DPI è stato “in netto contrasto” rispetto allo scorso anno, ha detto Huang, aggiungendo che gli ordini delle imprese statunitensi nel 2020 valevano solo 10 milioni di yuan, con il commercio di maschere della società che raggiungeva circa 1 miliardo di yuan.

Huang ha detto che i commercianti statunitensi lo scorso anno avrebbero interrotto la cooperazione “non appena avessero saputo che non avevi la certificazione di esportazione della FDA”, ma la situazione attuale è diversa. “Sono persino disposti ad aiutarci a richiedere la certificazione di esportazione FDA in modo che possano ottenere la merce”.

Zhang Wen, manager di un’agenzia di esportazione di maschere a Wuxi, nella provincia di Jiangsu nella Cina orientale, ha dichiarato venerdì al Global Times di aver visto anche un “leggero aumento” nelle richieste dei clienti statunitensi negli ultimi giorni.

Zhang ha detto di aver osservato che in generale, a causa della mancanza di conoscenze antiepidemiche, molte persone negli Stati Uniti indossano ancora maschere di cotone che non hanno la stessa protezione contro COVID-19 di altre, prevedendo un “grande potenziale di domanda”.

“Ci aspettiamo che arriveranno altri ordini”, ha detto Zhang, sottolineando che non appena la più grande economia mondiale inizierà a “combattere seriamente la pandemia”, altri seguiranno.

La Cina ha fornito agli Stati Uniti più di 42 miliardi di maschere, oltre 900 milioni di guanti, 780 milioni di abiti protettivi, 50,66 milioni di occhiali e 15.905 ventilatori da marzo 2020, ha detto giovedì Hua Chunying, portavoce del ministero degli Esteri cinese in una conferenza stampa.

“Abbiamo fatto del nostro meglio per fornire supporto e aiuto al popolo americano”, ha detto Hua.

Huang ha detto che anche la capacità di produzione della sua azienda è “molto pronta” a soddisfare l’aumento della domanda statunitense. Può produrre 5 milioni di maschere KN95 e N95 di fascia alta che soddisfano la certificazione UE ogni giorno.

“Apprezziamo ancora il mercato statunitense e speriamo di fare affari con gli Stati Uniti. Crediamo che il nuovo governo degli Stati Uniti tratterà i fornitori cinesi di materiale epidemico con un atteggiamento più obiettivo, a differenza del suo predecessore”, ha detto Huang.

Zhang si è anche lamentato del fatto che pensa ancora che il processo di certificazione degli Stati Uniti sia lento e non mostri segni di miglioramento presto, aggiungendo che sebbene fornire il mercato statunitense sarebbe un vantaggio, i principali produttori di maschere cinesi sono già abbastanza occupati con gli ordini in fila a giugno di quest’anno.

Da marzo alla fine del 2020, la Cina ha esportato 224,2 miliardi di maschere, che rappresentano il 30% di tutte le esportazioni di maschere, pari a fornire quasi 40 maschere per tutti nel mondo al di fuori della Cina, hanno mostrato i dati della dogana.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More