C.S. “Le Notti di BCsicilia”: alle Grotte della Gurfa di Alia si legge Dante.

(agenparl) – isola delle femmine (pa), BCsicilia
Per la salvaguardia e la valorizzazione
dei beni culturali e ambientali

Comunicato Stampa

Nell’ambito della manifestazione “Le Notti di BCsicilia”: alle Grotte della Gurfa di Alia si
legge Dante

Nell’ambito della manifestazione “Le Notti di
BCsicilia” si terrà domenica agosto alle ore
, alle Grotte della Gurfa di
Alia l’iniziativa “Lectura Dantis:
l’amore – la conoscenza – la fede”. Mimmo
Minà legge Dante: Canti V,  XXVI, XXXIII
dell’Inferno e il Canto XXXIII del Paradiso. A seguire visita guidata del complesso della
Gurfa a cura del Prof. Carmelo Montagna. La
manifestazione è promossa da BCsicilia, per la salvaguardia e la
valorizzazione dei beni culturali e ambientali, in collaborazione con
l’Associazione culturale Rabat e con il patrocinio dell’Assessorato Regionale
dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e del Comune di Alia. Per informazioni:  Tel. . – . – Email:
– Facebook: BCsicilia – Twitter: BCsicilia.
Con
i canti più rappresentativi dell’opera dantesca rivive il viaggio simbolico
dell’uomo attraverso L’Inferno, il
Purgatorio, il Paradiso. Paolo
e Francesca, Ulisse, il Conte Ugolino, La Vergine Madre sono i personaggi
danteschi che diventano metafora della vita umana, dell’uomo e delle sue
passioni.
Riemergono,
dalle nostre reminiscenze scolastiche: L’amore di Paolo e Francesca (amor c’ha nullo amato amar perdona), l’inesauribile
desiderio di conoscenza di Ulisse (fatti
non foste a viver come bruti), l’amore di Ugolino per i propri figli (la bocca sollevò dal fiero pasto) e
l’incontro con la “Luce eterna” (Vergine
Madre figlia del tuo figlio). Una
“Lectura Dantis” che non è solo un breve antologia teatrale ma è anche
l’esperienza umana, letteraria e poetica racchiusa in ognuno di noi.
Mimmo
Minà. Attore e regista della Compagnia Teatro d’Arte di Termini Imerese,
Direttore Artistico della “Bottega Culturale” dove dirige una scuola di teatro
e cura la stagione teatrale. Ha studiato da autodidatta “teoria e tecnica dello
spettacolo”, “Il lavoro dell’attore”, recitazione, dizione e fonetica. Ha
inoltre perfezionato la sua esperienza professionale frequentando stages e
laboratori teatrali e lavorando con attori e registi professionisti.
Ha
recitato il ruolo di protagonista in diverse commedie e tragedie classiche. Ha
curato laboratori teatrali nelle scuole e si occupa di scrittura drammaturgica.
Ha ottenuto vari attestati e riconoscimenti teatrali e
per l’attività culturale in genere ed è stato premiato come migliore attore
caratterista al Festival Teatrale di Chieti con l’opera “Ma non è una cosa
seria” di Luigi Pirandello, per la regia di Accursio Di Leo.
Per
il cinema ha lavorato con Marco Bellocchio in “Il regista di matrimoni”,  nella Fiction “Il capo dei capi”,  con il regista Aurelio Grimaldi, come
protagonista nel film “L’ultima stagione” di Gaetano Adamo e nella soap opera
“Agrodolce”. Attualmente
impegnato in una tournée teatrale con un monologo di F. Kafka: “Una relazione
per un’accademia”.
In allegato foto Dante e la Divina Commedia.