Agenparl
Image default
Home » BOLLETTINO SETTIMANALE SULL’OIL 27 MARZO 2020 DI RAFAEL RAMIREZ

BOLLETTINO SETTIMANALE SULL’OIL 27 MARZO 2020 DI RAFAEL RAMIREZ

(AGENPARL) – Venezuela, 28 marzo 2020 -La settimana si chiude mantenendo la tendenza al ribasso del prezzo del petrolio e il crollo della domanda, una tendenza che è iniziata con il crollo dei prezzi a causa della mancanza di accordo nell’ultima riunione dell’OPEC e dei Paesi non paesi. OPEC il 6 marzo, che coincide con l’espansione mondiale di COVID-19 e il suo impatto sull’economia mondiale.

Ad oggi, alla chiusura dei mercati europei, il WTI ha chiuso a $ 21 / barile e il Brent ha chiuso a $ 24 / barile, indicando un calo del 48% rispetto al prezzo di $ 51 / barile con cui questi indicatori sono stati quotati prima della riunione. OPEC 6 marzo. Alla fine di oggi, i marker hanno registrato un calo del 5% per il WTI e del 2% per il Brent rispetto all’inizio della settimana a partire da lunedì 23 marzo quando il WTI ha chiuso a $ 22 / barile e il BRENT ha chiuso a $ 25 / barile.

Prezzi del petrolio

Fonte: elaborazione propria

Gli elementi soggettivi, sia economici che politici, hanno fortemente influenzato tutti i mercati azionari dall’inizio della pandemia, che si è riflesso in un forte calo delle Borse valori e dei prezzi del petrolio.

Il mercato petrolifero è caratterizzato dalla volatilità e dall’incertezza che incidono sull’economia mondiale, mantenendo i prezzi a livelli bassi. A questa situazione si aggiunge il disaccordo tra i due grandi produttori dell’Arabia Saudita e della Federazione Russa, in cui il secondo e il terzo maggiore produttore di petrolio sono coinvolti in una guerra dei prezzi dichiarata, in cui il Regno saudita non ha solo bloccato l’accordo raggiunto Incontro dell’OPEC il 5 marzo per tagliare 1,5 milioni di barili al giorno di produzione, a fronte del rifiuto della Russia di accompagnare questo sforzo con un taglio di 500 mila barili al giorno della propria produzione, ma ha annunciato che aumenterà il suo produzione ai massimi livelli di capacità. Alcuni analisti stimano che ci sarà una “caduta libera del prezzo del petrolio”.

Ma l’economia reale è anche fortemente influenzata da COVID-19, abbattendo i fondamenti del mercato petrolifero, al di là degli elementi soggettivi o speculativi del mercato. L’effetto sull’attività industriale, le enormi restrizioni al trasporto aereo, le misure di quarantena e le restrizioni ai movimenti che già colpiscono più di 2,6 miliardi di persone negli Stati Uniti, in India, Europa, Regno Unito e Sudafrica, oltre alla massiccia chiusura del settore dei servizi e la cancellazione di progetti nel settore petrolifero sono elementi reali che indicano un impatto sull’economia al di fuori del settore azionario.

Per questo motivo, è che i principali indicatori WTI e BRENT, mantengono la loro tendenza al ribasso, avvicinandosi ai livelli di $ 20 / barile, nonostante abbiano reagito leggermente con aumenti specifici durante la settimana prima degli annunci di aiuti di massa per principali economie mondiali. In altre circostanze, come è accaduto quando la crisi immobiliare degli Stati Uniti stava incubando nel corso del 2008, gli speculatori sono migrati verso milioni di futuri contratti petroliferi, che hanno aumentato artificialmente il prezzo a livelli di $ 140 / barile, fino ad agosto di quello stesso anno scoppiò la crisi immobiliare negli Stati Uniti e il prezzo scese a $ 30 al barile in 6 mesi.

Crash Crown

L’economia mondiale è stata fortemente influenzata dagli effetti di COVID-19, sia nei mercati azionari sia nell’attività industriale, nei servizi, nei trasporti e nella mobilità che hanno colpito le grandi economie industrializzate.

La maggior parte dei mercati azionari ha riflettuto una grave recessione di fronte alla pandemia, mitigata solo da annunci di ingenti aiuti economici, come il pacchetto da 2 trilioni di dollari a sostegno dell’economia degli Stati Uniti, a seguito dell’accordo tra la Casa Bianca e il Senato e che oggi è stato approvato dal Congresso, oltre alle misure adottate dalla FED.

In Europa, diversi paesi hanno preso decisioni economiche per affrontare la crisi. La Germania ha approvato un pacchetto di 750 miliardi di euro, la Francia ha approvato 345 miliardi di euro, l’Italia 25 miliardi di euro, mentre la Spagna ha stanziato 200 miliardi di euro. La BCE ha annunciato che stanzierà 750 miliardi di euro per l’acquisto di debito pubblico e obbligazioni private entro il 2020, il che significa un aumento di 120 miliardi di euro rispetto a quanto precedentemente annunciato.

La Cina ha iniziato un processo di recupero della normalità e dell’attività economica, dopo aver controllato la diffusione del COVID-19 nella città di Wuhan, l’epicentro della pandemia.

Tuttavia, nonostante questi annunci e la ripresa in Asia, i mercati azionari e gli operatori economici continuano a registrare cali e chiusure, a causa delle incertezze relative alla durata e alla profondità dell’impatto della pandemia, che continua ad espandersi e colpire in grande economie del mondo.

L’indice di attività industriale in Cina ha registrato un insolito calo del 17% a febbraio, così come i grandi produttori di veicoli Ford, General Motors, Volkswagen, Toyota, Fiat-Chrysler e Tesla, tra gli altri, hanno annunciato la chiusura dei loro impianti produzione, almeno fino ad aprile, in attesa dello sviluppo della pandemia.

Mentre il blocco di paesi asiatici, guidato da Cina, Giappone e Corea del Sud, ha reagito in modo più efficace alla pandemia e sta controllando COVID-19, rilanciando la sua attività industriale e di servizio, mancano i paesi dell’Unione Europea una strategia comune per affrontare la pandemia. Non solo nelle sue misure interne di restrizioni e isolamento della popolazione, ma per la mancanza di accordo per approvare il cosiddetto “Corona Bono”, un pacchetto di aiuti per i paesi della zona euro che ha incontrato una feroce opposizione dalla Germania, sostenendo la “mancanza di disciplina fiscale” in altri paesi.

In Europa, la mancanza di coordinamento e l’assenza di una strategia comune, sia economica che medica, per affrontare la crisi e ciò che alcuni paesi hanno definito “mancanza di solidarietà” nei confronti di paesi con gravi danni e perdita della vita umana a causa della COVID-19, come l’Italia e la Spagna, influenzerà la discussione, per il momento rinviata, sulla rilevanza o meno di rimanere nell’Unione Europea, una discussione che può essere ripresa con forza nel campo politico una volta terminata l’emergenza.

Negli Stati Uniti, l’impatto di COVID-19 sta influenzando i pilastri su cui il presidente Trump ha basato la sua strategia per la campagna elettorale di novembre: l’economia e l’occupazione, mettendo sul tavolo, come argomento di discussione nazionale, il mettere in discussione il sistema sanitario americano, per lo più privato, una bandiera dei democratici.

Il 26 marzo, il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha registrato un record di 3,28 milioni di americani che hanno presentato domanda di sussidio di disoccupazione la scorsa settimana; Questa statistica non include i lavoratori informali o privi di documenti che, in molti segmenti dell’economia e degli Stati dell’Unione, sono fattori chiave della loro economia.

Da qui l’insistenza del presidente Trump sul concordare grandi pacchetti di aiuti economici per il paese, come l’accordo ottenuto con il Senato e approvato oggi dal Congresso per 2 trilioni di dollari, oltre alla sua dichiarazione per revocare le restrizioni di movimento nel paese per pasqua. Queste dichiarazioni e decisioni hanno provocato reazioni positive nel settore finanziario, a Wall Street, ma anche importanti domande da parte di governatori e leader democratici come il Governatore dello Stato di New York, dove ci sono più di 39.000 casi, il 7% del totale in tutto il mondo; oltre al fatto che l’aiuto approvato è destinato ai cittadini statunitensi, il che porta alla discussione sul destino dei lavoratori informali e degli immigrati.

Nel frattempo, i casi COVID-19 superano già 542.788 persone colpite in tutto il mondo, con 24.350 morti, ad oggi, secondo i dati CSSE del John Hopkins Hospital. Gli Stati Uniti hanno riferito, oggi 27 marzo, oltre 85.990 casi, battendo la Cina, con 81.894 casi e l’Italia ha 80.589, mentre la Spagna ha 57.786 casi e la Germania 47.278 casi.

Domanda di petrolio

All’inizio di marzo, prima della riunione dell’OPEC e dell’espansione di COVID-19, l’OPEC ha stimato l’aumento della domanda di petrolio a 900 mila barili al giorno entro il 2020, quindi immediatamente dopo il fallimento della riunione del OPEC +, OPEC ha ridotto la sua stima di aumento della domanda di soli 60.000 barili al giorno per l’intero anno.

Entro l’11 marzo, l’American Energy Information Administration, o VIA, ha stimato che entro il primo trimestre del 2020 la domanda globale sarebbe diminuita di 900.000 barili al giorno rispetto allo stesso periodo del 2019.

Per l’Agenzia internazionale dell’energia, l’AIE, nel suo rapporto sul mercato petrolifero di questo marzo, ha ridotto le stime iniziali di un aumento della domanda di petrolio entro il 2020 di 1 milione e 100 mila barili, con un calo 2 milioni 500 mila barili per il primo trimestre dell’anno.

Tuttavia, a partire dal 27 marzo, dopo tutti gli effetti che la pandemia ha causato all’economia mondiale, agenzie internazionali, società e commercianti stimano che, nel peggiore scenario di diffusione e impatto sull’economia mondiale da parte di COVID-19 , ci sarà un calo senza precedenti della domanda di petrolio per quest’anno 2020.

L’Agenzia Internazionale per l’Energia avverte che la domanda di petrolio potrebbe diminuire di 20 milioni di barili al giorno, in coincidenza con altre stime come quelle fatte dal CEO del gruppo VITOL e dal trader Transfigura.

Domanda di petrolio

Fonte: Agenzia internazionale dell’energia

Bagagli.

L’Agenzia internazionale per l’energia segnala nel suo OMR un aumento superiore ai livelli medi degli ultimi 5 anni di 2,9 milioni di barili negli inventari commerciali dei paesi OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), il che implica una copertura di 63 giorni, con un aumento dello stoccaggio galleggiante di 1,9 milioni di barili al giorno, fino a 80 milioni di barili al giorno.

D’altro canto, la VIA (American Energy Information Administration) prevede un aumento di 1,7 milioni di barili al giorno a seguito del calo della domanda.

immagazzinamento

Fonte: American Energy Information Administration

Produzione.

Il mercato petrolifero continua a essere rifornito eccessivamente di petrolio. Esiste un eccesso di almeno 2 milioni di barili di petrolio che l’OPEC + non è stato in grado di ritirare dal mercato, un eccesso che aumenta rapidamente a causa della caduta dei consumi e che migrerà verso gli inventari commerciali o le riserve strategiche dei paesi industrializzati che sfruttano un periodo di “Petrolio economico” per aumentare i suoi volumi, come indicato dalle informazioni provenienti dalla Cina.

Il più rilevante, tuttavia, nel campo della produzione, ha a che fare con gli annunci del Regno dell’Arabia Saudita che inonderà il mercato con ulteriori volumi di petrolio, dai 9,7 milioni di barili al giorno che ha prodotto prima del Riunione OPEC + fino a raggiungere la capacità massima di 12,3 milioni di barili al giorno di produzione. L’Arabia Saudita ha annunciato che è stato incaricato di aumentare la sua capacità produttiva a 13 milioni di barili al giorno. D’altra parte, la Federazione Russa ha aumentato la sua produzione di ulteriori 300.000 barili al giorno, rispetto ai suoi livelli di produzione prima di marzo.

Dobbiamo aspettare fino alla fine del mese per fare una media della produzione dei paesi OPEC e non OPEC corrispondenti al mese di marzo e poter determinare con certezza la situazione del mercato, a cui sicuramente reagirà il prezzo. 

Un altro elemento importante da valutare sarà il comportamento della produzione nordamericana che era a un livello di 13 milioni di barili il giorno prima della riunione dell’OPEC + e la caduta del prezzo. Secondo i portavoce della Federazione Russa, si aspettano che l’olio di scisto americano, prodotto dal fracking, essendo più costoso del petrolio russo e saudita, inizierà a uscire dal mercato. Questo scenario a basso prezzo influenzerà la produzione del fracking più costoso e dei produttori indipendenti di piccole e medie dimensioni negli Stati Uniti.

L’amministrazione americana ha annunciato il proprio interesse a cercare un accordo ai massimi livelli con il Regno saudita per cercare di concordare misure per stabilizzare il mercato petrolifero, come ha dichiarato un portavoce del Dipartimento di Stato questa settimana. Il prossimo bollettino settimanale fornirà un’analisi strategica di queste alleanze tra i principali produttori di petrolio del mondo e il ruolo dell’OPEC nel mercato petrolifero internazionale.

D’altro canto, il Dipartimento dell’Energia nordamericano ha annunciato l’impossibilità di acquisire petrolio di scisto per alimentare la riserva strategica del suo paese, a causa del rifiuto del Congresso di disporre di fondi per sostenere un’iniziativa del presidente Trump a sostegno finanziario dei produttori di petrolio Americano prima del crollo della domanda e dei prezzi. I produttori di greggio extra pesante proveniente dalle sabbie bituminose canadesi presentano gli stessi problemi di costi di produzione, finora nessuna iniziativa è stata annunciata dal governo del Canada per proteggere la loro produzione.

Sarà interessante monitorare il comportamento della produzione petrolifera nordamericana (USA e Canada) in questo scenario di prezzi.

L’industria petrolifera venezuelana continua a essere scossa dagli effetti devastanti della cattiva gestione del governo Maduro e dalla sua palese incapacità di guidare Petróleos de Venezuela, PDVSA.

Dopo 6 anni di una campagna guidata da Nicolás Maduro stesso di successivi e sanguinosi interventi, incursioni politiche, spostamento di quadri tecnici e gestionali dell’azienda, che hanno lasciato uno sfortunato equilibrio di oltre cento prigionieri e la morte di un ex presidente della società in custodia governativa. Questi arresti e arbitrarietà nei confronti della direzione e dei lavoratori della PDVSA, ai quali è stato negato il diritto alla difesa, sono stati il ​​prodotto dell’uso della giustizia da parte del governo per raggiungere obiettivi politici, in questo caso, avere pieno controllo dell’azienda.

Il PDVSA, ora militarizzato, è demoralizzato, smantellato nelle sue capacità operative e ha subito un processo di grave deterioramento delle condizioni economiche e lavorative dei suoi lavoratori, che ha prodotto un esodo di oltre 30.000 lavoratori dal 2014.

Oggi, PDVSA è oggetto di un nuovo intervento politico da parte del governo, che ha nominato una “Commissione per la ristrutturazione” guidata dal vicepresidente per l’economia del paese e dai principali capi militari, tutti sanzionati dall’OFAC e accusati di gravi crimini di traffico di droga. e corruzione da parte del Dipartimento di giustizia nordamericano. Nella Commissione interveniente ci sono anche 5 ministri del governo, nessuno dei quali ha conoscenze in materia di petrolio.

È nel mezzo di questa situazione di assoluta debolezza e disfunzionalità dell’industria petrolifera che il paese, scosso dalla peggiore crisi politica, economica e sociale della sua storia, deve affrontare il crollo dei prezzi del petrolio e dell’economia mondiale, oltre dell’aspetto di COVID-19.

Produzione.

Dal 2014 PDVSA ha registrato un calo permanente della produzione di petrolio e gas (il 90% del gas del paese è associato al petrolio) dal 2014, una tendenza che è peggiorata dalla militarizzazione della società nel dicembre 2017. un periodo di 6 anni PDVSA è diminuito nella produzione da 3 milioni di barili al giorno a 714 mila barili al giorno, alla fine di febbraio 2020, il che significa una perdita di 2,3 milioni di barili al giorno.

produzione di petrolio

Fonte: elaborazione propria. Dati Rapporto OPEC marzo 2020

Durante il mese di marzo, la produzione di petrolio venezuelana già esaurita è diminuita di circa 200 MBD, raggiungendo un volume medio di circa 550 MBD, dati da confermare alla fine del mese.

La maggiore diminuzione dei volumi è stata evidente nella cintura petrolifera Orinoco, il più grande serbatoio petrolifero del pianeta, registrando una produzione di soli 200 MBD. Alla fine del 2013, questa provincia petrolifera nel sud-est del paese produceva 1.300.000 barili di petrolio al giorno, il 43% della produzione in quel momento. I restanti 350 MBD di petrolio greggio prodotto a marzo sono stati estratti dai depositi altamente abusati del lago di Maracaibo e dei campi del nord di Monagas.

Va notato che l’incidente è avvenuto il 20 marzo alla stazione di flusso Carito nello stato di Monagas, dove si sono verificati un’esplosione e un incendio a causa della mancanza di manutenzione e della mancanza di relazioni tecniche su cui la gestione del La principale industria di questo paese, questo incendio genera direttamente una riduzione di 30 MBD di greggio dai giacimenti Carito, nella divisione Punta de Mata, nella parte orientale del paese, e indirettamente circa 50 MBD di greggio extra pesante proveniente dalla cintura petrolifera Orinoco. non avendo il loro diluente naturale.

  Il complesso di miglioratori del greggio extra pesante a Jose, nel nord-est del paese, rimane per lo più inoperante, quindi non è possibile eliminare il greggio extra pesante di nafta, producendo per l’esportazione un greggio di qualità e prezzo molto bassi. Solo l’upgrade della joint venture Petropiar, con Chevron, è operativo, elaborando circa 120 MBD al giorno.

Esportazioni e marketing.

Le esportazioni venezuelane sono diminuite a causa del crollo della produzione di petrolio, che, lungi dall’essere una questione congiunturale, è diventato un problema complesso nel settore sotto le successive direzioni dell’azienda negli ultimi 6 anni, più di 7 consigli di amministrazione , con amministratori interni ignari delle complessità tecniche e gestionali del business petrolifero. Sebbene alla fine del 2013, il paese esporti 2,5 milioni di barili al giorno di petrolio, oggi meno di 600 mila barili al giorno vengono scarsamente esportati, la maggior parte di questi volumi si impegna a rimborsare prestiti a Cina e Russia.

D’altro canto, il calo dei prezzi ha portato l’apprezzamento del greggio pesante a livelli inferiori a $ 10 al barile. Il greggio Maya messicano, un indicatore di greggi pesanti nell’Atlantico, vende per $ 13 al barile. Il greggio venezuelano Merey ha venduto per 7,8 dollari al barile, secondo i rapporti di Reuters.

L’attività commerciale del petrolio greggio di PDVSA è stata smantellata e i volumi delle esportazioni sono stati trasferiti alle società russe Rosneft Trading e TNK Trading International, che negli ultimi 9 mesi erano state incaricate di trasportare e commercializzare circa il 90% delle esportazioni di petrolio greggio venezuelano. . Il resto è stato consegnato ad operatori privati ​​vicini al governo, il più noto dei quali è la società Libre Abordo SA, una società di recente creazione, senza alcuna esperienza precedente, che ottiene il petrolio come forma di compensazione delle importazioni per triangolare in altre destinazioni .

È importante sottolineare che il sistema venezuelano di controllo delle esportazioni di petrolio greggio è attualmente smantellato. Il principale terminal di esportazione, Jose, è completamente militarizzato e non vi è traccia di vendite, volumi o prezzi. D’altra parte, l’ufficio di ispezione dei prezzi di vendita del Ministero del petrolio nella città di Vienna era chiuso, quindi non c’è modo di registrare o verificare i prezzi di vendita dell’olio venezuelano. Faremo un lavoro speciale su questo argomento nei futuri bollettini, poiché sono stati segnalati forti sconti sulla vendita di petrolio venezuelano.

Carenza di benzina

Un grave problema che sta affliggendo la popolazione del paese, colpita da una grave crisi economica e dalla quarantena ordinata dal governo in presenza di COVID-19, è la carenza di carburanti, benzina, diesel e gas per il consumo interno.

Non c’è benzina, nemmeno nella capitale, Caracas. Le nuove autorità militari del PDVSA hanno ordinato la chiusura delle stazioni di rifornimento e le hanno poste sotto il controllo militare delle diverse Zone di difesa globale del Paese, ZODI.

Tuttavia, è stato denunciato un mercato nero in crescita per la vendita di benzina in cui i “pimpineros” vendono un contenitore di 20 litri di benzina a $ 45, il che pone il prezzo di ogni litro a $ 2,25, in un paese in cui il salario minimo è di almeno 3,3 dollari e i cui abitanti all’interno del paese hanno dovuto ricorrere alla legna da ardere a causa della carenza di gas di petrolio liquefatto per il consumo interno.

Il sistema di raffinazione.

Il sistema di raffinazione venezuelano, con una capacità di elaborazione di 1,3 milioni di barili al giorno, è praticamente paralizzato. Il sistema costituito dal Paraguaná CRP Refining Complex (Amuay-Cardón), nel nord-ovest del paese, opera solo al 20% della sua capacità, la raffineria El Palito, al centro del paese, viene fermata e la raffineria di Puerto La Anche Cruz, PLC, nel nord-est del paese, è paralizzata.

Una campagna permanente di persecuzioni, spostamenti e arresti del personale tecnico-operativo e gestionale del sistema di raffinazione nazionale, oltre alla diversione delle risorse necessarie per le operazioni e la manutenzione, i pezzi di ricambio e le forniture durante questi 6 anni, hanno portato a una graduale interruzione di queste strutture di grande complessità operativa, in cui è stato incaricato il personale tecnico di livello molto basso.

Alla fine del 2013, il sistema di raffinazione venezuelana ha lavorato 962 mila barili al giorno di petrolio. Nel CRP, 656 MBD, nel PLC, 177 MBD e in El Palito 129 MBD, fornendo al mercato interno 612 mila barili al giorno di benzina, diesel e carburante, esportando 350 MBD dal nostro circuito nazionale. Questi numeri non includono la produzione di asfalto a Bajo Grande, né il circuito internazionale, i Caraibi e Citgo. Inoltre, nel sistema nazionale sono stati prodotti 91 mila barili al giorno di gas di petrolio liquefatto per gas domestico.

mercato interno

Fonte: elaborazione propria

Oggi, 27 marzo, PDVSA non è in grado di soddisfare nemmeno la ridotta domanda interna stimata di 120 MBD, a seguito del calo cumulativo dell’economia del 63%. Ciò, non solo a causa del crollo del sistema di raffinazione nazionale, ma anche delle sanzioni nordamericane e della mancanza di entrate che rendono difficile l’importazione di carburanti.

In questi giorni è stato annunciato che le nuove autorità di PDVSA stanno rimuovendo attrezzature e pezzi di ricambio dal Centro di raffinazione di Paraguaná (CRP), per mettere in funzione alcune unità della raffineria di El Palito, con l’obiettivo di produrre almeno 40.000 barili giorno di benzina.

El Palito, in sostanza, è un centro di miscelazione e distribuzione di benzina che viene generato in CRP. Con l’Unità di cracking catalitico operativo, si potrebbe produrre benzina a 91 ottani, ma le strutture sono molto deteriorate e mancano del personale tecnico in grado di farle funzionare.

D’altra parte, la solita dieta a base di petrolio greggio di questa raffineria veniva dal bacino di Barinas-Apure, dove in 6 anni la sua produzione è passata da 100 MBD a soli 10 MBD, quindi alla fine sacrificheranno il petrolio greggio Mesa-30 dal nord di Monagas, che viene utilizzato per la diluizione nella cintura dell’olio di Orinoco, per la lavorazione a El Palito.

Commento finale

Alla chiusura di questo Bollettino, vengono fornite le cifre delle morti dovute al COVID-19, che ha colpito in modo incondizionato l’Italia e la Spagna, e il numero di casi nel continente americano continua ad aumentare esponenzialmente, specialmente negli Stati Uniti. . Tutto indica che la pandemia, e i suoi effetti devastanti sull’economia, continueranno per un certo periodo, oltre la primavera e che la ripresa economica sarà lenta, probabilmente a partire da metà anno.

In Venezuela, ieri, in un’azione senza precedenti, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha accusato alti funzionari governativi, tra cui il Presidente della Repubblica, il Presidente dell’Assemblea Nazionale, di traffico di droga, terrorismo e corruzione. Costituente, presidente della Corte suprema di giustizia e ministro della difesa. Nei casi più importanti, sono state persino offerte ricompense per la loro cattura.

Queste azioni, senza andare in valutazione, cambiano definitivamente lo scenario politico nel paese, sembra allontanare le possibilità di una soluzione politica alla crisi del paese e probabilmente radicalizzare le posizioni del governo. Tutto ciò influirà sulle prestazioni dell’economia, del settore petrolifero e delle capacità quasi inesistenti del governo di far fronte al progressivo deterioramento del paese in tutti gli aspetti della vita nazionale e, ovviamente, limita la capacità di manovra il più possibile. del governo nei settori economico e petrolifero.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More