(AGENPARL) – gio 18 novembre 2021 Azerbaigian: Papatheu (FI), continuano le provocazioni armene, Ue intervenga
“Sette militari azeri morti ed altri dieci rimasti feriti due giorni fa mentre respingevano le provocazioni armene al confine di Stato. E’ ora di dire basta. L’Unione europea intervenga, faccia un passo in avanti e condanni fermamente chi ancora vuol fare la guerra”. Lo afferma in una nota la senatrice di Forza Italia e vicepresidente della commissione Cultura all’interno della delegazione parlamentare italiana presso l’Assemblea parlamentare dell’Iniziativa centro europea, Urania Papatheu. “Tutto questo come se non bastassero oltre 160 civili azerbaigiani, vittime dell’esplosione di mine dal 10 novembre dell’anno scorso, dopo la conclusione della guerra fino ad oggi. Si tratta di mine piantate da parte dell’Armenia, nei territori dell’Azerbaigian durante l’occupazione – prosegue la parlamentare di FI -. Un bollettino drammatico che si arricchisce di altre morti per l’ostinata volontà delle autorità armene di non accettare quanto stabilito dal diritto internazionale”.
“Per garantire pace, stabilità e cooperazione nell’intera regione, l’Armenia deve abbandonare la sua politica di aggressione e le rivendicazioni territoriali contro l’Azerbaigian. E’ importante che i rapporti tra l’Azerbaigian e l’Armenia vengano normalizzati sulla base del diritto internazionale e si inizi il prima possibile il processo dei negoziati tra questi due paesi per la delimitazione e demarcazione dei confini di stato.” – ha concluso la senatrice.
Ufficio Stampa
Forza Italia-Berlusconi Presidente
Senato della Repubblica

5 COMMENTS

Comments are closed.