(AGENPARL) – Roma 08 aprile 2021 – “Oggi, in Italia, non vediamo unità d’intenti rispetto a quanto avviene in Francia, in cui si è arrivati ad una ricapitalizzazione della compagnia di bandiera di 4 miliardi, come annunciato dal Ministro La Maire. Il Nostro Paese deve decidere se rinunciare ad avere una compagnia di bandiera o meno, ma serve unità d’intenti. A mio avviso, scegliendo di privarci di una compagnia tricolore, lasceremmo uno dei nostri mercati più floridi in mano ad altri. È una decisione politica, il Governo deve decidere come agire con consapevolezza di quanto ci sia in ballo per l’Italia”. Ha commentato così Francesco Rocco Alfonsi, Segretario Nazionale UGL Trasporti, raggiunto telefonicamente da diariodi città.eu, l’incontro con i commissari straordinari e le sigle sindacali.
“Ai Commissari abbiamo consegnato – ha continuato Alfonsi – la necessità di investire nel trasporto aereo. Si faccia come fatto per ILVA, si apra un tavolo tecnico sistemico come fatto per l’acciaio. Noi il 14 aprile manifesterete sotto lo sviluppo economico. Chiaramente se non si sbloccherà resteremo lì, non andremo via. Non sarà una manifestazione come le altre, non in assenza di risultati concreti. Confermo, invece, l’arrivo degli stipendi, con un ritardo di 13 giorni, il cui 50% è stato accreditato oggi con valuta 8 aprile”.