Agenparl

Bank of England: Il Regno Unito si dirige verso una lunga recessione. Inflazione al 15% entra la fine dell’anno

Bank of England

(AGENPARL) – Roma, 05 agosto 2022 – La Banca d’Inghilterra ha avvertito che l’economia britannica si sta dirigendo verso una recessione prolungata poiché ha alzato i tassi di interesse per combattere l’inflazione tra i timori di un’inflazione del 13 o 15% entro la fine dell’anno.

Giovedì la Banca d’Inghilterra ha alzato i tassi di interesse all’1,75%, il livello più alto dalla crisi finanziaria del 2008.

La banca centrale ha alzato i tassi nella speranza di mitigare i previsti aumenti dell’inflazione, ma ora avverte che possano raggiungere il 13,3 per cento quest’anno.

Si prevede ora che alla fine dell’anno l’economia britannica sprofonderà in una recessione che durerà per almeno cinque trimestri, con la definizione di recessione di due trimestri consecutivi di crescita negativa.

Non solo la recessione lascerà l’economia peggio rispetto a prima della crisi del coronavirus cinese, ha avvertito la Banca, con 900.000 dipendenti in meno entro il 2025, e si prevede che la crisi economica avrà un impatto drastico sui salari.

Secondo le proiezioni, i redditi reali delle famiglie dovrebbero diminuire maggiormente rispetto al massimo raggiunto nel 1963, scendendo dell’1,5% quest’anno e del 2,25% nel 2023.

Annunciando l’aumento dei tassi di interesse, il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey ha dichiarato : «Riconosco l’impatto significativo che ciò avrà e quanto difficile continuerà ad essere la sfida del costo della vita per le famiglie.

L’inflazione colpisce più duramente i meno abbienti.

«Se non guidiamo il tasso di inflazione verso l’obiettivo, peggiorerà».

Tuttavia, la banca centrale ha affermato di non aspettarsi un ritorno dell’inflazione all’obiettivo del due per cento fino al 2025.

Mentre la Banca d’Inghilterra ha previsto che l’inflazione raggiungerà il 13,3%, altri, inclusa la Resolution Foundation, hanno avvertito che aumenterà, con il think tank che afferma che potrebbe raggiungere il 15% entro l’inizio del prossimo anno.

L’inflazione è iniziata sul serio la scorsa estate dopo l’inizio dei lockdown, tuttavia, la continua inflazione è principalmente dovuta alla spirale della crisi energetica.

Gli analisti ora avvertono che le bollette energetiche potrebbero aumentare in Gran Bretagna a £ 4.200 a gennaio dopo un altro aumento del tetto massimo, un sistema sociale nel Regno Unito presumibilmente inteso a mantenere bassi i prezzi dell’energia per le famiglie della classe media e inferiore.

Jack Leslie, analista economico senior presso la Resolution Foundation, ha dichiarato: «Le prospettive per l’inflazione sono altamente incerte, in gran parte guidate da prezzi del gas volatili, ma i cambiamenti negli ultimi mesi suggeriscono che la Banca d’Inghilterra dovrebbe prevedere un picco più alto e successivo per inflazione, potenzialmente fino al 15% all’inizio del 2023».

Exit mobile version