Agenparl

Usa, Il Congresso approva disegno di legge che autorità la polizia del Campidoglio a richiedere assistenza alla Guardia nazionale

U.S. Capitol

(AGENPARL) – Roma, 15 dicembre 2021 – Martedì sera la Camera ha approvato all’unanimità una legge che autorizzerebbe la polizia del Campidoglio degli Stati Uniti (USCP) a Washington, DC, a richiedere assistenza alla Guardia nazionale senza previa approvazione in situazioni di emergenza.
La legge sull’assistenza alle emergenze della polizia del Campidoglio, approvata lunedì dal Senato, è stata introdotta dalla Sens. Amy Klobuchar (D-Minn.) e Roy Blunt (R-Mo.), presidente e membro di rango del Comitato per le regole del Senato degli Stati Uniti e amministrazione, e cerca di concedere al capo della polizia del Campidoglio una maggiore autonomia in caso di emergenza.

La legge ora si dirige alla scrivania del presidente Joe Biden per essere firmata in legge.

La legislazione introdotta dai senatori statunitensi Amy Klobuchar (D-MN) e Roy Blunt (R-MO), presidente e membro della classifica della commissione per le regole e l’amministrazione del Senato degli Stati Uniti, e colleghi, è stata approvata dal Senato. Il Capitol Police Emergency Assistance Act autorizza il capo della polizia del Campidoglio degli Stati Uniti a richiedere l’assistenza della Guardia nazionale del Distretto di Columbia o delle forze dell’ordine federali in caso di emergenza senza previa approvazione del Consiglio di polizia del Campidoglio.

La legislazione riflette una raccomandazione del rapporto bipartisan sui fallimenti di sicurezza, pianificazione e risposta relativi all’attacco del 6 gennaio al Campidoglio che è stato rilasciato dai comitati per la sicurezza interna e le regole l’8 giugno 2021.

“Il 6 gennaio ci ha mostrato che ogni minuto conta durante un’emergenza”, ha detto Klobuchar. “Il nostro rapporto ha rilevato che gli agenti della polizia del Campidoglio e i loro partner delle forze dell’ordine sono stati lasciati soli a difendere il Campidoglio e la nostra stessa democrazia dai violenti insurrezionisti, mentre il capo della polizia del Campidoglio ha avuto ritardi nell’ottenere l’approvazione per richiedere aiuto alla Guardia Nazionale. Questa legislazione aiuterà a garantire che il capo della polizia del Campidoglio abbia l’autorità necessaria per richiedere rapidamente rinforzi al Campidoglio durante le emergenze”. 

“La nostra indagine bipartisan sui fallimenti di risposta del 6 gennaio ha dimostrato chiaramente la necessità per il capo della polizia del Campidoglio degli Stati Uniti di avere una maggiore flessibilità unilaterale per richiedere rapidamente assistenza in caso di emergenza”, ha affermato Blunt. “Sono stato a lungo preoccupato che la struttura del Consiglio di polizia del Campidoglio crei inutili ritardi quando è necessaria un’azione rapida e decisiva. Questo disegno di legge bipartisan affronta un’importante sfida alla sicurezza che era evidente il 6 gennaio e fa parte del nostro continuo sforzo per rafforzare la sicurezza del Campidoglio andando avanti”.

Klobuchar e Blunt si sono uniti nell’introdurre il disegno di legge dai senatori Angus King (I-ME), Roger Wicker (R-MS), Dianne Feinstein (D-CA), Shelley Moore Capito (R-WV), Jeff Merkley (D-OR ), Alex Padilla (D-CA) e Mark Warner (D-VA).

La legislazione rafforza anche la supervisione del Congresso sulla polizia del Campidoglio prevedendo udienze di controllo congiunte davanti alla commissione per le regole e l’amministrazione del Senato e la commissione per l’amministrazione della Camera con la partecipazione di tutti i membri del consiglio di polizia del Campidoglio. L’intero Consiglio di polizia del Campidoglio, composto dal Sergente alle armi del Senato, dal Sergente alle armi della Camera, dall’Architetto del Campidoglio e dal Capo della polizia del Campidoglio degli Stati Uniti (ex officio, senza diritto di voto), non è apparso a una udienza bicamerale dal 1945. 

L’ispettore generale (IG) del Dipartimento della Difesa (DOD) il 16 novembre ha affermato che i funzionari del Pentagono non hanno tardato a rispondere alle molteplici richieste di assistenza ricevute prima e durante la violazione del Campidoglio del 6 gennaio.

Il rapporto segue un aspro dibattito dal 6 gennaio su chi fosse responsabile della violazione da parte di centinaia di manifestanti, dozzine dei quali sono stati arrestati e rimangono in custodia in una prigione della DC.

Democratici e repubblicani sono andati avanti e indietro su chi fosse il responsabile ultimo per il fallimento nel mettere in sicurezza il Campidoglio contro quelle che ci si aspettava fossero migliaia di manifestanti.

I democratici hanno affermato che l’allora presidente Donald Trump ha ritardato la risposta del Dipartimento della Difesa, mentre i repubblicani hanno indicato la presidente della Camera Nancy Pelosi (D-Calif.) per non aver agito rapidamente.

Pelosi ad aprile ha  suggerito che ci sono stati ritardi da parte dell’allora Segretario alla Difesa ad interim Christopher Miller nel rispondere alla richiesta di aiuto della polizia del Campidoglio. Il presidente del Joint Chiefs of Staff, il generale Mark Milley, ha negato con forza l’affermazione di Pelosi.

Exit mobile version