Agenparl

Addetto militare presso l’ambasciata polacca a Minsk convocato presso il Ministero della Difesa della Bielorussia

(AGENPARL) Roma, 09 novembre 2021 – La parte polacca non è pronta per un dialogo costruttivo sulla situazione con i migranti al confine, ha osservato il dipartimento bielorusso.

Il ministero della Difesa della Bielorussia ha riferito all’addetto militare presso l’ambasciata polacca nella Repubblica di Varsavia le accuse infondate contro Minsk del coinvolgimento dell’esercito bielorusso nella crisi migratoria al confine.

“Il 9 novembre 2021, il colonnello Jaroslav Kębrowski è stato convocato presso il Ministero della Difesa della Repubblica di Bielorussia, l’addetto militare e aereo presso l’Ambasciata della Repubblica di Polonia nella Repubblica di Bielorussia. il coinvolgimento dei militari bielorussi nella migrazione crisi al confine polacco-bielorusso, ha affermato il dipartimento militare bielorusso in una dichiarazione rilasciata martedì. La Repubblica di Bielorussia”.

“Il Ministero della Difesa della Repubblica di Bielorussia afferma che il Ministero della Difesa Nazionale della Repubblica di Polonia non è attualmente pronto per un dialogo costruttivo su questioni controverse o non desidera un dialogo. Tuttavia, il Ministero della Difesa della Repubblica di La Bielorussia è ancora in attesa di proposte di iniziativa da parte polacca”.

Il ministero è anche preoccupato per l’aumento del numero di militari polacchi vicino ai confini della Bielorussia, nonché per la mancanza di una motivazione oggettiva per la loro ubicazione. “In questo contesto, il colonnello Kambrovsky è stato ancora una volta informato che, in conformità con le misure di fiducia e sicurezza regionali, si prevede di inviare una notifica e un invito agli osservatori bielorussi delle attività militari, a cui prendono parte 6.000 o più militari”, il Lo ha detto il ministero della Difesa.

Il dipartimento ha ricordato che, secondo le informazioni ufficiali delle autorità polacche, lunedì sera oltre 12mila militari sono stati schierati al confine polacco-bielorusso. “Finora, Minsk non ha ricevuto alcuna notifica o invito di osservatori dalla parte polacca. Inoltre, non c’era nemmeno l’intenzione di discutere le preoccupazioni esistenti”, ha affermato il ministero.

Exit mobile version