Agenparl

Vaccini Covid-19: considerazioni etiche, legali e pratiche. La risoluzione 2361 del 2021 del Consiglio d’Europa. «Garantire che i cittadini siano informati che la vaccinazione non è obbligatoria e che nessuno è sottoposto a pressioni politiche, sociali o di altro tipo per essere vaccinato, se non lo desidera personalmente»

(AGENPARL) – Roma, 11 agosto 2021 – Per più di un anno, gli stati europei, come il resto del mondo, hanno affrontato la crisi sanitaria crisi legata alla pandemia COVID-19. Le misure prese dagli stati membri del Consiglio d’Europa per combattere questa pandemia sono state Gli Stati membri del Consiglio d’Europa per combattere questa pandemia sono in particolare in linea con i loro obblighi ai sensi del la Convenzione europea dei diritti dell’uomo (CEDU) e la Carta sociale europea (CES), per proteggere (CEDU) e la Carta sociale europea (CES), per proteggere il diritto alla vita (articolo 2 CEDU) e la salute dei cittadini (articolo 11 CES). (Articolo 11 della CES). Queste misure sono consistite, per esempio, in restrizioni del diritto alla libertà di movimento, garantito da movimento, garantito dall’articolo 2 del protocollo n. 4 della CEDU (diritto di circolare liberamente nel territorio di uno Stato e libertà di territorio di uno Stato e la libertà di lasciare qualsiasi paese).

Leggiamo cosa scrive l’Assemblea parlamentare e in particolar modo la Risoluzione 2361 (2021) che integralmente viene pubblicata con relativo link. Vale la pena leggere fino in fondo.

I punti salienti sono due e sono contenuti negli articoli 7.3.1 «garantire che i cittadini siano informati che la vaccinazione non è obbligatoria e che nessuno è sottoposto a pressioni politiche, sociali o di altro tipo per essere vaccinato, se non lo desidera personalmente» e 7.3.2 «garantire che nessuno venga discriminato per non essere stato vaccinato, a causa di potenziali rischi per la salute o per non voler essere vaccinato».

Da rilevare che l’Autorità  Garante per la protezione dei dati personali (Garante della privacy) ha dichiarato che non è pensabile di poter effettuale un passaporto vaccinale sanitario stante la delicatezza dei dati che vi sarebbe contenuti, la variabilità e la temporaneità della certificazione stessa in assenza di presupposti di studi scientifici accertati e certi.

Ma vi è di più. Il Rapporto pubblicato il 13/03/2021 dall’I.S.S. e redatto insieme a Ministero, A.I.FA. e I.N.A.I.L. dal titolo «Indicazioni ad interim sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni da SARS-CoV-2 in tema di varianti e vaccinazione
anti-COVID-19
» mette nero su bianco la totale sperimentazione dei vaccini e le conseguenti incertezze che li accompagnano (Gruppo di lavoro ISS Bioetica COVID-19. Aspetti di etica nella sperimentazione di vaccini anti-COVID-19. Versione del 18 febbraio 2021. Roma: Istituto Superiore di Sanità; 2021. pag.21 (Rapporto ISS COVID-19 n. 3/2021).

E quindi in tale contesto molto fluido potrebbe emergere la non applicabilità della compressione del diritto costituzionale alla scelta sanitaria individuale rispetto al limite del supremo bene della tutela della salute pubblica.

In particolare, si legge testualmente che « Una persona vaccinata con una o due dosi deve continuare a osservare tutte le misure di prevenzione quali il distanziamento fisico, l’uso delle mascherine e l’igiene delle mani, poiché, come sopra riportato, non
è ancora noto se la vaccinazione sia efficace anche nella prevenzione dell’acquisizione dell’infezione e/o della sua trasmissione ad altre persone».

«La vaccinazione anti-COVID-19 è efficace nella prevenzione della malattia sintomatica, ma la protezione
non raggiunge mai il 100%. Inoltre, non è ancora noto se le persone vaccinate possano comunque acquisire
l’infezione da SARS-CoV-2 ed eventualmente trasmetterla ad altri soggetti. Infine, è verosimile che alcune
VOC possano eludere la risposta immunitaria evocata dalla vaccinazione, e, quindi, infettare i soggetti
vaccinati. Segnalazioni preliminari suggeriscono una ridotta attività neutralizzante degli anticorpi di campioni
biologici ottenuti da soggetti vaccinati con i vaccini a mRNA nei confronti di alcune VOC, come quella Sudafricana,
27,28 e un livello di efficacia basso del vaccino di AstraZeneca nel prevenire la malattia di grado lieve
o moderato nel contesto epidemico sud-africano.
29 Pertanto, in base alle informazioni attualmente
disponibili, una persona, anche se vaccinata anti-COVID-19, dopo un’esposizione definibile ad alto rischio
e considerata “contatto stretto” di un caso COVID-19, deve adottare le stesse indicazioni preventive valide
per una persona non sottoposta a vaccinazione».

Tutto chiaro?


1.
 La pandemia di covid-19, una malattia infettiva causata dal nuovo coronavirus SARS-CoV-2, è stata fonte di molte sofferenze nel 2020. A dicembre 2020, erano stati registrati oltre 65 milioni di casi in tutto il mondo e più di 1,5 milioni di persone perso la vita. Il carico di malattia della stessa pandemia e le misure di sanità pubblica necessarie per combatterla hanno devastato l’economia globale, esponendo fratture e disuguaglianze preesistenti (compreso nell’accesso all’assistenza sanitaria) e causando disoccupazione, declino economico e povertà.

2. La rapida diffusione di vaccini covid-19 sicuri ed efficaci in tutto il mondo sarà fondamentale per contenere la pandemia, proteggere i sistemi sanitari, salvare vite umane e aiutare a rilanciare le economie globali. Anche se misure non farmaceutiche come il distanziamento fisico, l’uso della mascherina, il lavaggio frequente delle mani e le chiusure e i confinamenti hanno contribuito a rallentare la diffusione del virus, i tassi di infezione sono di nuovo in aumento quasi ovunque nel mondo. . Molti Stati membri del Consiglio d’Europa stanno affrontando una seconda ondata, peggiore della prima, e i loro abitanti sono più pronunciati di fronte alla stanchezza della pandemia.E sentirsi demotivati ​​all’idea di seguire i comportamenti consigliati per proteggere se stessi e gli altri dal virus.

3. Tuttavia, i vaccini, sebbene sicuri, efficaci e dispiegati rapidamente, non sono una panacea a breve termine. In effetti, dopo le festività natalizie alla fine del 2020 e all’inizio del 2021, con i loro tradizionali raduni al chiuso, è probabile che i tassi di infezione siano molto alti nella maggior parte degli Stati membri. Inoltre, i medici francesi hanno appena stabilito scientificamente una correlazione tra le temperature esterne e il tasso di incidenza della malattia sui ricoveri e sui decessi. I vaccini probabilmente non saranno sufficienti per ridurre significativamente i tassi di infezione questo inverno, soprattutto considerando che la domanda supera di gran lunga l’offerta a questo punto. Una parvenza di “vita normale” non potrà quindi riprendere, nemmeno nelle migliori condizioni.

4. Affinché i vaccini siano efficaci, è assolutamente essenziale che la loro diffusione abbia successo e che siano sufficientemente accettati dalla popolazione. Tuttavia, la velocità con cui vengono sviluppati i vaccini può causare un sentimento di sfiducia difficile da combattere. È inoltre necessaria una distribuzione equa dei vaccini contro il covid-19 per garantirne l’efficacia. Infatti, se non sono sufficientemente distribuiti in una regione gravemente colpita di un paese, i vaccini diventano inefficaci e non possono contenere la diffusione della pandemia. Inoltre, il virus non conosce confini e quindi è nell’interesse di ogni Paese cooperare per garantire equità globale nell’accesso ai vaccini covid-19.

5. La cooperazione internazionale è quindi più che mai necessaria per accelerare lo sviluppo, la produzione e la distribuzione equa ed equa dei vaccini contro il covid-19. COVAX è l’iniziativa di punta per l’assegnazione e l’accesso ai vaccini a livello globale. Co-guidato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Gavi the Vaccine Alliance e dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), COVAX mobilita fondi dai paesi aderenti per sostenere la ricerca, lo sviluppo e la produzione di un’ampia gamma di covid-19 vaccini, ma anche negoziare i loro prezzi. Adeguata gestione dei vaccini e logistica della catena di approvvigionamento, che richiedono cooperazione e preparazione internazionali da parte degli Stati membri saranno necessarie anche per garantire una distribuzione sicura ed equa dei vaccini. A questo proposito, l’Assemblea parlamentare richiama l’attenzione sulle linee guida sviluppate dall’OMS per i paesi in merito alla preparazione e attuazione del programma, nonché al processo decisionale a livello nazionale.

6. Gli Stati membri dovrebbero ora sviluppare le loro strategie di vaccinazione per allocare le dosi in modo etico ed equo, compresa la determinazione dei gruppi di popolazione prioritari durante le prime fasi della diffusione, quando le scorte sono limitate, e come distribuirle.” espandere la copertura vaccinale come la disponibilità di uno o più vaccini contro il covid-19 migliora. Studiosi ed economisti di bioetica concordano ampiamente sul fatto che le persone di età superiore ai 65 anni e di età inferiore ai 65 anni che corrono il rischio maggiore di contrarre una forma grave della malattia e di morire a causa di condizioni sottostanti, gli operatori sanitari (specialmente quelli che lavorano a stretto contatto con persone appartenenti a gruppi ad alto rischio) e le persone che lavorano in infrastrutture critiche dovrebbero ricevere un’immunizzazione prioritaria. Non vanno dimenticati i bambini, le donne incinte e le madri che allattano, per i quali finora nessun vaccino è stato autorizzato.

7. Gli scienziati hanno svolto un lavoro straordinario in tempi record. Ora tocca ai governi agire. L’Assemblea sostiene la visione del Segretario Generale delle Nazioni Unite secondo cui un vaccino contro il covid-19 deve essere un bene pubblico globale. La vaccinazione deve essere accessibile a tutti, ovunque. L’Assemblea esorta pertanto gli Stati membri e l’Unione europea:

7.1 per quanto riguarda lo sviluppo di vaccini contro il covid-19:

7.1.1 garantire test di alta qualità, validi e condotti nel rispetto delle regole etiche, in conformità con le disposizioni pertinenti della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e della dignità umana per quanto riguarda le applicazioni della biologia e della medicina: Convenzione sui diritti umani e la biomedicina (STE n° 164, Convenzione di Oviedo) e il suo Protocollo addizionale sulla ricerca biomedica (STCE n° 195) e che includono gradualmente bambini, donne incinte e madri che allattano;

7.1.2 garantire che gli organismi di regolamentazione responsabili della valutazione e dell’autorizzazione dei vaccini contro il covid-19 siano indipendenti e liberi da pressioni politiche;

7.1.3 per garantire il rispetto dei relativi standard minimi di sicurezza, efficacia e qualità dei vaccini;

7.1.4 mettere in atto sistemi efficaci per monitorare i vaccini e la loro sicurezza dopo la loro diffusione nella popolazione generale, anche al fine di monitorarne gli effetti a lungo termine;

7.1.5 stabilire programmi di risarcimento indipendenti in caso di danni indebiti o danni derivanti dalla vaccinazione;

7.1.6 prestare particolare attenzione al rischio di insider trading da parte di dirigenti dell’industria farmaceutica o di aziende farmaceutiche che si arricchirebbero in modo anomalo a spese della collettività, attuando le raccomandazioni contenute nella Delibera 2071 (2015) dal titolo “Sanità pubblica e gli interessi dell’industria farmaceutica: come garantire il primato degli interessi di salute pubblica?”;

7.1.7 superare gli ostacoli e le restrizioni derivanti dai brevetti e dai diritti di proprietà intellettuale, al fine di garantire la produzione e la distribuzione su larga scala dei vaccini in tutti i paesi e per tutti i cittadini;

7.2 in merito all’assegnazione dei vaccini covid-19:

7.2.1 garantire che il principio dell’equo accesso all’assistenza sanitaria, come stabilito dall’articolo 3 della Convenzione di Oviedo, sia rispettato nei piani nazionali di assegnazione dei vaccini, garantendo che i vaccini contro il covid-19 siano messi a disposizione della popolazione indipendentemente dal genere , razza, religione, status giuridico o socioeconomico, capacità retributiva, ubicazione e altri fattori che spesso contribuiscono alle disuguaglianze all’interno della popolazione;

7.2.2 sviluppare strategie per un’equa distribuzione dei vaccini contro il covid-19 all’interno degli Stati membri, tenendo conto del fatto che la fornitura iniziale sarà limitata, e pianificare come verranno lanciati i programmi di vaccinazione quando l’offerta si espanderà; seguire i consigli di istituzioni e comitati di bioetica indipendenti a livello nazionale, europeo e internazionale, nonché dell’OMS, nello sviluppo di queste strategie;

7.2.3 garantire che le persone appartenenti allo stesso gruppo di priorità siano trattate in modo equo, con particolare attenzione ai più vulnerabili come gli anziani, le persone con malattie pregresse e gli operatori sanitari, in particolare coloro che lavorano a stretto contatto con persone appartenenti a gruppi ad alto rischio gruppi, nonché coloro che lavorano nelle infrastrutture critiche e nei servizi pubblici, compresi i servizi sociali, i trasporti pubblici, le forze dell’ordine, le scuole, nonché nei negozi;

7.2.4 promuovere l’accesso equo ai vaccini contro il covid-19 tra i paesi sostenendo iniziative internazionali, in particolare il meccanismo per accelerare l’accesso agli strumenti per combattere il covid-19 (ACT Accelerator) e la sua iniziativa COVAX;

7.2.5 Astenersi dall’immagazzinare vaccini covid-19, poiché questa pratica indebolisce la capacità di altri paesi di procurarsi vaccini per le loro popolazioni e garantire che lo stoccaggio non comporti un aumento dei prezzi dei vaccini a beneficio di coloro che li immagazzinano contro coloro che non può; eseguire audit e controlli ex ante per garantire una rapida diffusione dei vaccini a costi minimi in base alla necessità e non al potere di mercato;

7.2.6 garantire che ogni paese sia in grado di immunizzare i propri operatori sanitari e i gruppi vulnerabili prima che l’immunizzazione venga estesa ai gruppi non a rischio, e quindi considerare la donazione di dosi di vaccino o “accettare che venga data priorità ai paesi che non hanno ancora stato in grado di farlo, tenendo presente che un’assegnazione globale giusta ed equa delle dosi di vaccino è il modo più efficace per sconfiggere la pandemia e ridurre gli oneri socioeconomici ad essa associati;

7.2.7 garantire che i vaccini covid-19 che si sono dimostrati sicuri ed efficaci siano a disposizione di tutti coloro che ne avranno bisogno in futuro, utilizzandoli, ove necessario, per licenze obbligatorie in cambio del pagamento dei diritti;

7.3 in termini di garanzia di un alto livello di accettazione del vaccino:

7.3.1 garantire che i cittadini siano informati che la vaccinazione non è obbligatoria e che nessuno è sottoposto a pressioni politiche, sociali o di altro tipo per essere vaccinato, se non lo desidera personalmente;

7.3.2 garantire che nessuno venga discriminato per non essere stato vaccinato, a causa di potenziali rischi per la salute o per non voler essere vaccinato;

7.3.3 adottare misure efficaci il prima possibile per combattere la disinformazione, la disinformazione e la sfiducia riguardo ai vaccini contro il covid-19;

7.3.4 diffondere in modo trasparente informazioni sulla sicurezza e sui possibili effetti negativi dei vaccini, collaborare e regolamentare le piattaforme dei social media per prevenire la diffusione di informazioni false;

7.3.5 comunicare, in maniera trasparente, il contenuto dei contratti con i produttori di vaccini e renderli pubblici al vaglio dei parlamentari e del pubblico;

7.3.6 cooperare con organizzazioni non governative e/o altre iniziative locali al fine di raggiungere gruppi emarginati;

7.3.7 raggiungere le comunità locali per sviluppare e attuare strategie su misura per facilitare l’accettazione dei vaccini;

7.4 in merito alla vaccinazione dei bambini contro il covid-19:

7.4.1 Garantire un giusto equilibrio tra la rapida diffusione dell’immunizzazione nei bambini e la considerazione giustificata delle preoccupazioni sulla sicurezza e l’efficacia dei vaccini e garantire la piena sicurezza ed efficacia di tutti i vaccini vaccini per i bambini con enfasi sul migliore interesse di il bambino, in conformità con la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo;

7.4.2 condurre sperimentazioni di alta qualità, nel rispetto delle garanzie applicabili, in conformità con le raccomandazioni e gli standard legali internazionali, inclusa l’equa distribuzione dei benefici e dei rischi per i bambini inclusi nelle sperimentazioni;

7.4.3 garantire che i desideri dei bambini siano debitamente presi in considerazione, in conformità con la loro età e grado di maturità; qualora non sia possibile fornire il consenso del minore, garantire che venga fornito in altre forme un accordo basato su informazioni affidabili e adeguate all’età;

7.4.4 sostenere il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) nei suoi sforzi per fornire a coloro che ne hanno più bisogno i vaccini dei produttori che hanno firmato accordi con l’iniziativa COVAX;

7.5 per quanto riguarda il monitoraggio degli effetti a lungo termine dei vaccini covid-19 e la loro sicurezza:

7.5.1 garantire la cooperazione internazionale per il rilevamento tempestivo e la delucidazione di qualsiasi segnale di sicurezza attraverso lo scambio globale in tempo reale di eventi avversi dopo l’immunizzazione (AEFI);

7.5.2 utilizzare i certificati di vaccinazione solo allo scopo designato di monitorare l’efficacia del vaccino, i potenziali effetti collaterali e le reazioni avverse;

7.5.3 eliminare le interruzioni di comunicazione tra le autorità sanitarie pubbliche locali, regionali e internazionali che si occupano di dati AEFI e superare le debolezze nelle reti di dati sanitari esistenti;

7.5.4 avvicinare la farmacovigilanza ai sistemi sanitari;

7.5.5 per supportare il campo emergente della ricerca “adversomica”, che studia le variazioni interindividuali nelle risposte vaccinali basate sulle differenze nell’immunità innata, nei microbiomi e nell’immunogenetica.

8. Con riferimento alla Risoluzione 2337 (2020) sulle democrazie di fronte alla pandemia di covid-19, l’Assemblea ribadisce che i parlamenti, in quanto chiavi di volta della democrazia, devono continuare a svolgere il loro triplice ruolo di rappresentanza, legislatura e controllo in questi tempi di pandemia . L’Assemblea invita pertanto i parlamenti ad esercitare tali poteri, ove opportuno, anche per quanto riguarda lo sviluppo, l’assegnazione e la distribuzione di vaccini contro il covid-19.

Exit mobile version