Agenparl

Calabria, Perciaccante (Ance): caro materiali, cantieri a rischio (1)

CATANZARO “C’è un rischio concreto del blocco delle attività dei cantieri sia pubblici che privati, proprio ora che dovrebbero partire le opere del Recovery Plan e che, a seguito delle importanti semplificazioni appena introdotte, il Superbonus 110% dovrebbe dispiegare tutto il suo potenziale con le conseguenti enormi ricadute sui livelli economici ed occupazionali dei nostri territori”. Ad affermarlo è il presidente di Ance Calabria ed Ance Cosenza Giovan Battista Perciaccante, fortemente preoccupato dal fenomeno del ‘caro materiali” che si sta concretizzando nell’insostenibile aumento dei costi dei materiali da costruzioni, iniziato oltre sei mesi fa e che sta mettendo in ginocchio le imprese, già gravate da ingenti sofferenze finanziarie e patrimoniali dovute all’evento pandemico ancora in atto. “Con aumenti del 150% per l’acciaio tondo per cemento armato, del 129% per il polietilene, del 30% per il rame, solo per fare alcuni esempi – continua il presidente Perciaccante – i contratti non risultano più economicamente sostenibili. E’ dietro l’angolo il rischio di un progressivo rallentamento dei lavori in corso, nonostante gli sforzi messi in campo dalle imprese per far fronte agli impegni assunti, che potrebbe sfociare in risoluzioni contrattuali che inevitabilmente comporterebbero blocchi generalizzati delle opere pubbliche”. (News&Com)

Exit mobile version