Agenparl

Il team dell’OMS inizia colloqui faccia a faccia con esperti cinesi a Wuhan

Wuhan

(AGENPARL) – Roma, 29 gennaio 2021 – Un team dell’Organizzazione mondiale della sanità venerdì ha avviato colloqui faccia a faccia con esperti cinesi sulle origini del nuovo coronavirus nella città centrale di Wuhan, dove è stato rilevato per la prima volta alla fine del 2019.

Il gruppo dell’OMS, composto da 10 esperti, è pronto a visitare un mercato del pesce a Wuhan, in cui è stato confermato che molte persone hanno contratto il virus nei primi giorni dell’epidemia.

Gli esperti stanno anche pianificando di esaminare un laboratorio di ricerca in città, ha detto l’OMS, tra le voci secondo cui il virus che causa la malattia COVID-19 è stato accidentalmente rilasciato da lì.

L’attenzione si concentra sulla quantità di informazioni che la Cina rivelerà, poiché è già trascorso più di un anno da quando è stato individuato il primo caso di infezione a Wuhan, un centro commerciale e di trasporto con una popolazione di circa 11 milioni di abitanti.

Il mercato del pesce, dove venivano scambiati e consumati anche animali selvatici come pipistrelli e serpenti, è chiuso da gennaio 2020.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, nel frattempo, ha dichiarato l’anno scorso di essere fiducioso che il virus provenga dal laboratorio di malattie infettive, aggiungendo che potrebbe punire la Cina per la sua risposta poco brillante che ha innescato la pandemia.

È probabile che il team dell’OMS, incluso Ken Maeda, un microbiologo veterinario presso l’Istituto nazionale giapponese di malattie infettive, rimarrà a Wuhan fino all’inizio di febbraio.

Gli esperti, che hanno avviato un’indagine a tutti gli effetti giovedì dopo essere stati messi in quarantena per due settimane, hanno in programma di intervistare le persone che erano state infettate e gli operatori sanitari che si prendono cura di tali pazienti nella fase iniziale della diffusione del virus, ha detto l’OMS.

Venerdì mattina tre microbus, che trasportavano dozzine di esperti cinesi, sono arrivati ​​in un hotel, dove alloggiano i membri del team dell’OMS. Nel corso della giornata, hanno lasciato l’albergo e hanno visitato un ospedale a Wuhan.

Durante il periodo di quarantena, gli esperti dell’OMS si sono impegnati in scambi di informazioni online con le loro controparti cinesi.

Il team dell’OMS originariamente aveva programmato di visitare la Cina all’inizio di questo mese, ma il suo arrivo è stato ritardato dopo che Pechino ha impiegato più tempo del previsto per finalizzare la concessione del permesso agli esperti di entrare nel paese.

Il direttore generale dell’OMS, Tedros Ghebreyesus, aveva detto di essere “molto deluso” dalla Cina.

Sebbene l’OMS abbia inviato un piccolo gruppo di esperti in Cina per un’indagine preliminare nel luglio dello scorso anno, non hanno visitato il mercato del pesce o il laboratorio.

Dal momento che è stato rilevato per la prima volta a Wuhan, il virus è esploso in una pandemia che ha infettato oltre 100 milioni di persone e ha causato oltre 2,1 milioni di morti in tutto il mondo, secondo i dati della Johns Hopkins University.

Exit mobile version