Agenparl

Usa, Gli elettori si incontrano per scegliere formalmente il prossimo presidente degli Stati Uniti

Usa, Gli elettori si incontrano per scegliere formalmente il prossimo presidente degli Stati Uniti

(AGENPARL) – Roma, 14 dicembre 2020 – Gli elettori di ogni stato si incontreranno lunedì per esprimere i loro voti per il prossimo Presidente degli Stati Uniti, come parte del processo sancito dalla Costituzione degli Stati Uniti.

La legge richiede che gli elettori – che sono tipicamente selezionati all’inizio dell’anno e spesso composti da dignitari di partito – si incontrino il lunedì dopo il secondo mercoledì di dicembre per esprimere formalmente i loro voti per il prossimo Presidente degli Stati Uniti. Quel lunedì cadeva il 14 dicembre.

I 538 elettori si riuniranno nei luoghi designati, tipicamente stabiliti dalla legge statale, per votare a mano, votando sia per un presidente che per un vicepresidente. Il candidato che raggiunge 270 vince le elezioni.

L’Articolo II, Sezione 1, Clausola 2 recita :

«Ciascuno Stato nominerà, secondo le modalità che il legislatore stesso può stabilire, un Numero di Elettori, uguale al Numero intero di Senatori e Rappresentanti a cui lo Stato può avere diritto al Congresso: ma nessun Senatore o Rappresentante, o Persona in possesso di un Office of Trust or Profit sotto gli Stati Uniti, sarà nominato Elettore».

Sebbene possa variare, gli elettori spesso si incontrano in un edificio federale, come la capitale dello stato o l’ufficio del governatore. Gli orari delle riunioni variano da stato a stato, ma si estenderanno dalle 10:00 alle 19:00 orientali.

La Costituzione degli Stati Uniti non richiede agli elettori di votare in base ai risultati dei loro stati e ci sono stati dozzine di casi di “elettori infedeli” nel corso della storia americana, sebbene nessuno abbia alterato il risultato finale di un’elezione presidenziale.

Al momento della riunione, gli elettori esprimeranno i loro voti e firmeranno sei copie di un Certificato di voto, che sarà consegnato in sei luoghi diversi: due vanno al segretario di stato dello stato, due vanno alla National Archives and Records Administration, uno va a il presidente del Senato degli Stati Uniti, e l’altro va dal giudice che presiede “nel distretto in cui si riuniscono gli elettori”, secondo la CNN .

Il Congresso conterà il certificato di voto il 6 gennaio.

L’Articolo II, Sezione 1, Clausola 3 recita :

«Gli Elettori si riuniranno nei rispettivi Stati e voteranno a scrutinio per due Persone, di cui almeno una non risieda nello stesso Stato con loro. Ed essi faranno un elenco di tutte le persone votate e del numero di voti per ciascuna; quale Elenco dovranno firmare e certificare e trasmettere sigillato alla Sede del Governo degli Stati Uniti, indirizzato al Presidente del Senato. Il Presidente del Senato, alla Presenza del Senato e della Camera dei Rappresentanti, aprirà tutti i Certificati e verranno conteggiati i Voti. La Persona che ha il maggior numero di voti sarà il presidente, se tale numero è la maggioranza dell’intero numero di elettori nominati; e se ce ne sono più di uno che ha tale Maggioranza e ha un uguale Numero di Voti, quindi la Camera dei Rappresentanti sceglierà immediatamente a ballottaggio uno di loro per Presidente; e se nessuna Persona ha la Maggioranza, allora tra le cinque più alte della Lista la suddetta Camera sceglierà il Presidente in modo simile. Ma nella scelta del Presidente, i voti saranno presi dagli Stati, la Rappresentanza di ciascuno Stato avrà un voto; Il quorum per questo scopo è composto da uno o più membri di due terzi degli Stati e per una scelta è necessaria la maggioranza di tutti gli Stati. In ogni caso, dopo la Scelta del Presidente, la Persona che avrà il maggior numero di voti degli Elettori sarà il Vice Presidente. Ma se dovessero rimanere due o più che hanno voti uguali, il Senato ne deciderà a scrutinio segreto il Vice Presidente. poi dalle cinque più alte della Lista la suddetta Camera sceglierà come Manner il Presidente. Ma nella scelta del Presidente, i voti saranno presi dagli Stati, la Rappresentanza di ciascuno Stato avrà un voto; Il quorum per questo scopo è composto da uno o più membri di due terzi degli Stati e per una scelta è necessaria la maggioranza di tutti gli Stati. In ogni caso, dopo la Scelta del Presidente, la Persona che avrà il maggior numero di voti degli Elettori sarà il Vice Presidente. Ma se dovessero rimanere due o più che hanno voti uguali, il Senato ne deciderà a scrutinio segreto il Vice Presidente. poi dalle cinque più alte della Lista la suddetta Camera sceglierà come Manner il Presidente. Ma nella scelta del Presidente, i voti saranno presi dagli Stati, la Rappresentanza di ciascuno Stato avrà un voto; Il quorum per questo scopo è composto da uno o più membri di due terzi degli Stati e per una scelta è necessaria la maggioranza di tutti gli Stati. In ogni caso, dopo la Scelta del Presidente, la Persona che avrà il maggior numero di voti degli Elettori sarà il Vice Presidente. Ma se dovessero rimanere due o più che hanno voti uguali, il Senato ne deciderà a scrutinio segreto il Vice Presidente. Il quorum per questo scopo è composto da uno o più membri di due terzi degli Stati e per una scelta è necessaria la maggioranza di tutti gli Stati. In ogni caso, dopo la Scelta del Presidente, la Persona che avrà il maggior numero di voti degli Elettori sarà il Vice Presidente. Ma se dovessero rimanere due o più che hanno voti uguali, il Senato ne deciderà a scrutinio segreto il Vice Presidente. Il quorum per questo scopo è composto da uno o più membri di due terzi degli Stati e per una scelta è necessaria la maggioranza di tutti gli Stati. In ogni caso, dopo la Scelta del Presidente, la Persona che avrà il maggior numero di voti degli Elettori sarà il Vice Presidente. Ma se dovessero rimanere due o più che hanno voti uguali, il Senato ne deciderà a scrutinio segreto il Vice Presidente».

Dopo che il Congresso avrà contato i voti il 6 gennaio, segue l’inaugurazione del 20 gennaio, giurando ufficialmente nel prossimo Presidente degli Stati Uniti.

La scorsa settimana, dozzine di leader conservatori hanno invitato i legislatori statali a “esercitare il loro potere plenario ai sensi della Costituzione e nominare liste pulite di elettori al Collegio elettorale per sostenere il presidente Trump” dato lo scetticismo e le sfide legali che circondano i risultati in diversi stati chiave del campo di battaglia, compresi Pennsylvania, Wisconsin, Michigan e Georgia.

I legislatori repubblicani possono continuare a contestare il processo e “sollevare obiezioni durante il conteggio dei voti il 6 gennaio”, secondo la CNN:

Se un membro della Camera e del Senato sollevano entrambi un’obiezione, le due Camere del Congresso si aggiornano alle loro camere per esaminarla. Nel 2016, i Democratici alla Camera hanno sollevato obiezioni, ma non hanno avuto un secondo da un senatore. Sembra più probabile quest’anno. Entrambe le Camere dovrebbero sostenere l’obiezione, cosa che non accadrà con i Democratici alla guida della Camera. Quindi, il risultato finale è ancora assicurato, ma lo sono anche le previsioni per il dramma.

Domenica scorsa, il presidente Trump ha affermato che gli stati altalenanti che hanno scoperto una frode “massiccia” degli elettori “non possono certificare legalmente questi voti come completi e corretti senza commettere un crimine severamente punibile”.

«Tutti sanno che i morti, le persone sotto l’età, gli immigrati illegali, le firme false, i prigionieri e molti altri hanno votato illegalmente”, ha detto Trump, citando i “difetti” della macchina, nonché “la raccolta dei voti, gli elettori non residenti, “riempire le urne”, voti per la paga, maltrattati repubblicani osservatori dei sondaggi e, a volte, anche più voti di quanti votano “.

“In tutti i casi dello Swing State, ci sono molti più voti di quelli necessari per vincere lo Stato e le elezioni stesse. Pertanto, I VOTI NON POSSONO ESSERE CERTIFICATI. QUESTA ELEZIONE È PROTESTA! ” Ha dichiarato:

https://twitter.com/realDonaldTrump/status/1338254785666043908?s=20

https://twitter.com/realDonaldTrump/status/1338254787020787712?s=20

https://twitter.com/realDonaldTrump/status/1338254787675041802?s=20

Joe Biden, che i media hanno dichiarato vincitore delle elezioni presidenziali del 2020, diventerà formalmente “presidente eletto” se gli elettori voteranno in linea con i risultati del loro stato, come ampiamente previsto.

Exit mobile version