Agenparl

Usa, E-mail anonima da un dipendente dell’Arizona Tech sostiene che 35.000 voti sono stati dati ai democratici nella contea di Pima in Arizona

Katie Hobbs

Usa, E-mail anonima da un dipendente dell’Arizona Tech sostiene che 35.000 voti sono stati dati ai democratici nella contea di Pima in Arizona

(AGENPARL) – Roma, 30 novembre 2020 – L’e-mail di un presunto informatore anonimo che è stata fornita a un esperto di sicurezza informatica durante una testimonianza ad una riunione del Senato dello stato del GOP dell’Arizona ha affermato che sono stati dati 35.000 voti fraudolenti a ciascuno dei candidati democratici nella contea di Pima, in Arizona.

Una copia dell’e – mail è stata esposta durante l’evento lunedì, come citato dal colonnello dell’esercito in pensione Phil Waldron.

Waldron ha affermato che le informazioni provenivano da un fornitore di supporto tecnico della contea di Pima. L’evento è stato tenuto da alcuni membri repubblicani della Legislatura dello Stato dell’Arizona, che includevano anche dichiarazioni degli avvocati del presidente Donald Trump.

L’informatore, che voleva “rimanere anonimo”, gli ha detto di aver fornito queste informazioni al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, secondo Waldron. L’e-mail ha stabilito che la contea di Pima e il Partito Democratico «hanno aggiunto voti per frode nei totali».

https://twitter.com/prayingmedic/status/1333468431350259714?s=20

https://twitter.com/prayingmedic/status/1333468478234267650?s=20

«Ci sono stati circa 35.000 voti aggiunti in maniera illecita ai totali dei voti di ciascun candidato democratico», ha detto, aggiungendo che il numero era «incorporato nei totali dei voti». Lo stesso informatore ha poi affermato di essere andato a un incontro con il Partito Democratico nella contea di Pima il 10 settembre che includeva una presentazione sui voti incorporati, aggiungendo che non erano consentiti telefoni o dispositivi di registrazione video, ha detto Waldron.

Waldron ha detto che sperava che l’individuo si sarebbe fatto avanti per rilasciare una dichiarazione giurata su ciò che ha visto. Tuttavia, ciò non si è materializzato.

L’ufficio del Segretario di Stato dell’Arizona e i funzionari della contea di Pima non hanno risposto a una richiesta di commento.

Il segretario di stato, Katie Hobbs, ha affermato che le affermazioni del team del presidente Trump sulle frodi e le irregolarità degli elettori non sono accurate. Anche altri segretari di stato in posti come Pennslyvania, Michigan e Georgia hanno detto di non aver visto prove.

«Non ci sono prove a sostegno, e non è qualcosa che abbiamo sperimentato qui», ha detto Hobbs in un’intervista televisiva all’inizio del mese. In altre dichiarazioni , Hobbs, una democratica, ha affermato di aver ricevuto minacce “continue e crescenti” mentre accusava Trump e i repubblicani di fomentare il caos contestando i risultati delle elezioni, cosa consentita dalla Costituzione degli Stati Uniti.

All’inizio di questo mese l’agenzia di sicurezza informatica del Department of Homeland Security (DHS) ha dichiarato che le elezioni del 3 novembre sono state le “più sicure” nella storia degli Stati Uniti, affermando che non ci sono prove che l’elezione sia stata compromessa da attori interni o stranieri.

Waldron ha anche affermato che le macchine per il voto utilizzate in Arizona potrebbero essere collegate a Internet, rappresentando un grave rischio per la sicurezza. Dominion Voting Systems ha negato che i suoi sistemi siano compromessi, mentre un portavoce ha detto a Fox News lo scorso fine settimana che non è possibile passare i voti da Trump a Joe Biden.

Prima di Waldron, l’avvocato di Trump Rudy Giuliani ha invitato i legislatori del GOP, che controllano la Camera e il Senato dello Stato, a far valere i loro poteri costituzionalmente approvati per convocare gli elettori al Collegio elettorale. Un suggerimento simile è stato fatto durante un evento con i senatori repubblicani in Pennsylvania la scorsa settimana.

– ———————

Dato che sono stati presentati molteplici esposti legali in risposta alle elezioni del 2020, con ulteriori sfide attese ed entrambi i candidati hanno rivendicato la vittoria in alcuni stati, ma sembra sempre più probabile che queste elezioni verranno risolte in tribunale.

Per questo motivo, AGENPARL non dichiarerà un vincitore delle elezioni presidenziali né Biden né Trump fino a quando tutti i risultati non saranno certificati e le eventuali controversie legali non saranno risolte.

Exit mobile version