Agenparl

La Francia chiede sanzioni alla Turchia con l’escalation della crisi del gas nel Mediterraneo

Recep Tayyip Erdogan

(AGENPARL) – Roma, 30 novembre 2020 – I principali sforzi della Francia per spingere per sanzioni europee contro la Turchia, membro della NATO, hanno preso forza, con Parigi che dovrebbe proporre l’azione ‘punitiva’ il mese prossimo con il sostegno di Grecia e Cipro, anche se finora ciò avviene con la evidente mancanza di entusiasmo da parte degli altri governi dell’UE.

Viene dopo il periodo di stallo di mesi nel Mediterraneo orientale per l’esplorazione e la perforazione di idrocarburi turchi, che la Francia afferma essere una violazione delle acque territoriali e delle zone economiche esclusive di Cipro e della Grecia.

Secondo Reuters , «Parigi afferma che il presidente turco Tayyip Erdogan non ha dato ascolto agli avvertimenti dei leader dell’UE del 1 ottobre di fare marcia indietro nella disputa sull’esplorazione del gas nel Mediterraneo oppure di affrontare le conseguenze».

«Il Parlamento europeo giovedì dovrebbe chiedere sanzioni, criticando la visita di Erdogan all’inizio di questo mese al separatista turco-cipriota a nord dell’isola di Cipro», continua Reuters .

Si prevede che le sanzioni francesi riguarderanno i settori marittimo, bancario ed energetico, tutti elementi vitali per le iniziative di esplorazione di petrolio e gas della Turchia.

Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha emesso un ultimatum in un’audizione parlamentare francese questa settimana: «Confronto o collaborazione, tocca a loro», ha detto .

Ma un anonimo diplomatico dell’UE citato su Reuters ha sottolineato che «la Turchia è un partner chiave in molte aree , quindi non c’è consenso nel Consiglio (dei governi dell’UE). È ancora troppo presto», il che suggerisce una probabile battaglia in salita prima di eventuali sanzioni europee, prima che diventi effettivamente una realtà.

La Francia negli ultimi mesi è arrivata al punto di unire esercitazioni navali e aeree con le forze armate greche e cipriote nel Mediterraneo come “monito” alla Turchia.

Tuttavia, Erdogan è apparso impassibile.

Exit mobile version