Agenparl

Uk, Daily Mail: L’OMS teme che l’Europa sarà colpita da una TERZA ondata di coronavirus all’inizio del prossimo anno a causa della risposta ‘incompleta’ alla pandemia

David Nabarro

Uk, Daily Mail: L’OMS teme che l’Europa sarà colpita da una TERZA ondata di coronavirus all’inizio del prossimo anno a causa della risposta ‘incompleta’ alla pandemia

 

(AGENPARL) – Roma, 23 novembre 2020 – Il quotidiano Daily Mail ha pubblicato ieri un articolo dal titolo «L’Europa ha perso l’occasione di prepararsi durante l’estate», riferendosi ad una dichiarazione di un inviato dell’OMS. Ha avvertito che il continente potrebbe affrontare una terza ondata di malattia all’inizio del 2021. La seconda ondata ha rimandato le morti giornaliere a centinaia in alcuni paesi.

L’Europa potrebbe affrontare una terza ondata di coronavirus all’inizio del 2021 a causa della sua risposta ‘incompleta’ alla pandemia, teme l’OMS.

I governi in Europa «hanno perso l’occasione di costruire le infrastrutture necessarie durante i mesi estivi, dopo aver tenuto sotto controllo la prima ondata», ha detto ai giornali svizzeri l’inviato dell’OMS David Nabarro.

«Ora abbiamo la seconda ondata. Se non costruiscono l’infrastruttura necessaria, avremo una terza ondata all’inizio del prossimo anno», ha affermato Nabarro.

Mentre i vaccini sono all’orizzonte, l’Europa è ancora nella morsa di una seconda ondata che ha causato un numero senza precedenti di infezioni e riportato centinaia di morti giornaliere nelle principali economie dell’Europa occidentale.

Nabarro ha espresso preoccupazione per la mossa della Svizzera per consentire lo sci – con le maschere richieste negli impianti di risalita – mentre altre nazioni alpine come l’Austria hanno chiuso le località.

L’esperto britannico di sanità pubblica ha avvertito che la Svizzera potrebbe raggiungere un «livello molto elevato di malattie e decessi».

«Una volta che i tassi di infezione diminuiranno e diminuiranno, allora potremo essere liberi quanto vogliamo», ha detto Nabarro.  «Ma in questo momento? Le stazioni sciistiche dovrebbero aprire? In quali condizioni?».

Al contrario, Nabarro ha lodato la risposta dei paesi asiatici come la Corea del Sud, dove le infezioni sono ora relativamente basse.

«Le persone sono pienamente coinvolte, assumono comportamenti che rendono difficile il virus», ha detto.

«Mantengono le distanze, indossano maschere, si isolano quando sono malati, si lavano le mani e le superfici. Proteggono i gruppi più a rischio di estinzione».

Nabarro ha anche affermato che l’Asia non ha allentato le restrizioni prematuramente.

«Devi aspettare fino a quando il numero di casi è basso e rimanere basso»”, ha detto. « La reazione dell’Europa è stata incompleta».

L’Europa sta attualmente aggiungendo più di 200.000 nuovi casi al giorno mentre i decessi sono a migliaia, superando i picchi di marzo e aprile in alcuni paesi.

L’Italia, il primo Paese occidentale martoriato dalla pandemia in primavera, soffre ora circa 650 morti al giorno, dato visto l’ultima volta all’inizio di aprile.

I decessi giornalieri sono circa 600 in Francia e 260 in Spagna, sebbene i casi abbiano mostrato segni di declino in entrambi i paesi.

Francia e Gran Bretagna sono entrambe soggette a blocchi nazionali di un mese che i ministri si stanno preparando ad allentare nelle prossime settimane.

In Germania, dove i casi si sono bloccati ma non sono caduti, Angela Merkel ha spinto affinché i leader statali accettassero restrizioni più severe.

La Merkel, che ha segnato 15 anni al potere, dovrebbe tenere un altro round di discussioni con i premier regionali mercoledì.

I manifestanti hanno manifestato contro le regole di blocco a Berlino nel fine settimana in una manifestazione che ha coinvolto attivisti di estrema sinistra, teorici della cospirazione ed estremisti di destra.

I risultati incoraggianti di diversi studi sui vaccini hanno fatto sperare in un cambiamento decisivo nella battaglia contro il Covid-19, ma si prevede che il lancio richiederà mesi.

Il dottor Michael Tildesley, membro del gruppo consultivo scientifico del Regno Unito SAGE, ha affermato che il distanziamento sociale deve continuare fino alla consegna del vaccino.

«Ci sono buone notizie ma dobbiamo mantenere l’incidenza più bassa possibile. Dobbiamo continuare a osservare il nostro allontanamento sociale», ha detto.

Oggi, gli sviluppatori di vaccini dell’Università di Oxford hanno annunciato che il loro jab offriva una protezione fino al 90% con il giusto dosaggio.

Un altro modello di dosaggio ha mostrato un’efficacia del 62%, dando una cifra combinata del 70%.

I vaccini sviluppati da Pfizer, BioNTech e Moderna hanno anche mostrato livelli di protezione del 90% o più nei loro risultati di prova.

Gli esperti dicono che il vaccino di Oxford è più facile da immagazzinare e distribuire rispetto agli altri candidati che hanno mostrato buoni risultati finora.

Exit mobile version