Agenparl

Calabria, emergenza coronavirus: esposto di Cgil, Cisl e Uil a Procura Catanzaro (2)

CATANZARO “Dopo le sconcertanti e incongruenti dichiarazioni dell’ex generale Cotticelli – spiegano i tre segretari generali regionali di Cgil, Cisl e Uil – abbiamo infatti messo in luce come, nonostante ripetute sollecitazioni ai soggetti attuatori, il ‘Piano di riordino della rete ospedaliera in emergenza Covid-19’ a firma dello stesso Commissario ad acta generale Cotticelli, emanato dalla Regione Calabria il 18 giugno 2020 con il Decreto n. 91, nel quale si prevedeva anche l’obbligo per i Commissari Straordinari/Commissioni straordinarie prefettizie delle Aziende sanitarie provinciali e Ospedaliere del S.S.R. di attuare quanto in esso contenuto, fosse rimasto soltanto sulla carta e come tali gravissime circostanze avessero causato l’inserimento della Calabria nella ‘zona rossa’, evidenziando un grave rischio per la sanità e la sicurezza pubblica e comportando pesantissime ricadute economiche e sociali”. “Nell’esposto-denuncia – proseguono gli esponenti sindacali calabresi – abbiamo segnalato come, in questo periodo di Pandemia, oltre ad errori e/o omissioni nella catena di comando e di controllo delle procedure e all’inefficienza organizzativa, si siano rilevati, tra i diversi soggetti attuatori del Piano Anti-Covid, numeri e dati discordanti sui posti letto in Terapia Intensiva, nei reparti, nei numeri dei tamponi effettuati e processati, nonché sull’assistenza domiciliare. Nello specifico, ci siamo riferiti a quanto affermato nel Decreto del Commissario ad acta 18 giugno 2020 34/2020, dove si legge che: ‘Si è proceduto a potenziare, per quanto possibile, i posti di letto in terapia intensiva e malattie infettive, con la riqualificazione di spazi disponibili o dismessi e con la contestuale riconversione di molti reparti, sia presso gli Hub che presso gli Spoke dislocati nelle cinque province. Attraverso tale operazione è stato possibile incrementare i posti letto disponibili in Terapia Intensiva di oltre il 65% rispetto al numero di posti iniziale ante pandemia’”. (News&Com)

Exit mobile version