Agenparl

USA, il senatore Manchin (Dem) si allontana ulteriormente dal suo partito: non voterò per porre fine all’ostruzionismo

Joe Manchin

USA, il senatore Manchin (Dem) si allontana ulteriormente dal suo partito: non voterò per porre fine all’ostruzionismo

(AGENPARL) – Roma, 10 novembre 2020 – Il senatore del West Virginia Joe Manchin (D) lunedì ha promesso di votare contro una serie di politiche per le quali i progressisti hanno spinto, l’ultima delle quali è stata la Corte Suprema.

Secondo Manchin, gli americani non devono preoccuparsi che i Democratici si muovano per estendere il tribunale se entrambi i seggi del Senato della Georgia dovessero diventare blu. Ha detto che non voterà a fianco dei Democratici che seguono l’ordine del giorno.

«Ci sono molte persone preoccupate. Ci sono molte tattiche di paura che vengono usate in questo momento, Brett. Se entrambi i senatori della Georgia fossero eletti dal Partito Democratico, allora sarebbe 50-50 se sia Dan Sullivan che Thom Tillis vincono. 50-50 significa che c’è un pareggio, ma se un senatore non vota per la parte democratica, non c’è pareggio e non c’è disegno di legge», ha spiegato a Fox News Brett Baier. «Quindi posso impegnarmi con te qui stasera, e posso impegnarmi con tutti i tuoi spettatori e tutti gli altri che stanno guardando, voglio deporre quelle paure. Voglio tranquillizzare quelle paure per te adesso perché quando parlano del fatto che sia tribunali o porre fine all’ostruzionismo, non voterò per farlo. Non voterò per impacchettare i tribunali. Non voterò per porre fine all’ostruzionismo».

Secondo il senatore del West Virginia, il Senato è un organo unico a causa delle sue regole e regolamenti che sono stati stabiliti quindi c’è un accordo bipartisan.

Manchin ha detto che voleva «mettere a tacere quelle paure» e far sapere agli americani che «non sarà il 50esimo democratico a votare per porre fine a quell’ostruzionismo o fondamentalmente impilare la corte».

Ha anche criticato il movimento progressista per “disinvestire la polizia”, cosa che, secondo lui, è piuttosto impopolare, anche tra i suoi colleghi.

«Non conosco nessuno dei Democratici nel caucus che sono per defunding la polizia», ha detto. «Non siamo per quello una volta così mai. E quando parlano di Medicare for All, non possiamo nemmeno pagare Medicare per alcuni. Non ha alcun senso».

Manchin ha spiegato che l’Affordable Care Act deve essere “riparato” e crede che ciò potrebbe accadere con i repubblicani moderati.

 

 

———————

Dato che sono stati presentati molteplici esposti legali in risposta alle elezioni del 2020, con ulteriori sfide attese ed entrambi i candidati hanno rivendicato la vittoria in alcuni stati, ma sembra sempre più probabile che queste elezioni verranno risolte in tribunale.

Per questo motivo, AGENPARL non dichiarerà un vincitore delle elezioni presidenziali del 2020 fino a quando tutti i risultati non saranno certificati e le eventuali controversie legali non saranno risolte.

Exit mobile version