Agenparl

USA, PERCHE’ IL MAINSTREAM MEDIA (MSM) MANTIENE ALTA LA PRESSIONE

Joe Biden - Obama

USA, PERCHE’ IL MAINSTREAM MEDIA (MSM) MANTIENE ALTA LA PRESSIONE

(AGENPARL) – Roma, 09 novembre 2020 – Sabato il Mainstream Media (MSM) ha dichiarato il fine corsa delle elezioni per Joe Biden.

Dobbiamo crederci seriamente? No.

Non decidono l’elezione, perché sono gli elettori lo possono fare.

La presunta frode elettorale è attualmente oggetto di controversia e la Corte Suprema che è già intervenuta, quindi non è ancora chiaro come si esprimerà e quali saranno alla fine i risultati.

Ricordiamoci come l’MSM ha affrontato un’elezione contestata in modo simile nel 2000, dove hanno mostrato la loro evidente inclinazione a favore del candidato democratico Al Gore.

In primo luogo, l’MSM ha erroneamente attribuito la Florida per Al Gore la notte delle elezioni, come se fossero tanto ansiosi che Gore vincesse.

Poi, più tardi nella notte, il MSM è stato costretto a ritirare la vittoria e ha assegnato lo stato per George W. Bush invece.

Ma anche se Bush ha vinto, a causa del fatto che il conteggio era stato contestato, il MSM ha ritirato quella seconda proiezione intorno alle 4 del mattino, senza nemmeno esitare a lasciarla lì un minuto in più.

La controversia in Florida non è stata risolta fino alla decisione della Corte Suprema del 12 dicembre 2000, e fino a quel momento si è trattenuto.

La domanda a questo punto è perché il MSM sta dicendo che le elezioni le ha vinte Biden adesso?

E’ palese che l’MSM sa che se mantiene alta la pressione, facendo sentire le persone come se stessero inseguendo teorie del complotto, i Repubblicani si tireranno indietro dal contestare i risultati.

Inizieranno a preoccuparsi di essere aggiunti a una lista che i Democratici hanno iniziato ad accumulare, mettendo a rischio il loro lavoro e la loro reputazione.

Smetteranno di contribuire agli avvocati che combattono la frode.

Importanti e influenti conservatori sono già stati messi a tacere. Perché altrimenti la conduttrice di Fox News Laura Ingraham avrebbe detto a Trump che dovrebbe accettare il risultato con «grazia e compostezza?». Perché ha visto cosa è successo allo spettacolo della collega conduttrice Judge Jeanine, che è stato cancellato sabato.

Ma la realtà è che c’è una quantità così incredibile di frodi che sarebbe impossibile elencarle tutte insieme.

Una colossale frode elettorale di terzo livello mondiale? Ebbe Sì.

È una ripetizione delle elezioni presidenziali keniote del 2007 e del 2017.

Nel 2007, il candidato anti-corruzione, Raila Odinga, ha vinto la notte delle elezioni.

Nel cuore della notte, la corrente si è interrotta in tutto il paese. Poche ore dopo, l’attuale Mwai Kibaki aveva preso l’iniziativa.

Un sondaggio che circolava negli Stati Uniti ha rilevato che Odinga aveva davvero vinto del sei percento. Nel 2017, Odinga ha corso di nuovo. A causa dell’hacking delle macchine per il voto, il vincitore è stato dichiarato vincitore Uhuru Kenyatta.

Odinga ha fatto appello alla Corte Suprema, che ha ordinato una nuova elezione a causa dell’hacking. Ma senza sufficienti garanzie per fermare la frode elettorale, Odinga si arrese e abbandonò la corsa.

Ci sono troppe frodi negli USA – concentrate negli stati oscillanti – da elencare.

Votazioni irregolari che casualmente hanno ribaltato il voto a Biden.

Persone morte che votano.

Quasi tante persone con più di 90 anni si sono registrate per votare quest’anno rispetto a quella fascia di età in tutto il 2008-2019 compreso?.

Un postino della Pennsylvania che ha detto che gli era stato ordinato di raccogliere le schede in ritardo e quattro impiegati delle poste che hanno affermato di essere state invitate a cambiare la data nelle schede.

Lavoratori dei seggi elettorali che contano le schede senza verificare le firme. Video di funzionari elettorali che compilano le schede.

Più persone votano rispetto agli elettori registrati in alcune aree.

Ampie discrepanze tra Trump e i voti bassi; ex procuratore del Dipartimento di Giustizia Sidney Powell ha detto sullo swing afferma: «Abbiamo identificato 450.000 schede che miracolosamente hanno SOLO un voto per Joe Biden».

Biden non ha brillato nelle grandi città degli stati blu rispetto a Hillary Clinton nel 2016, eppure Biden ha registrato un’affluenza record nelle grandi città negli stati oscillanti.

Trump ha vinto una percentuale maggiore del voto dei neri, delle donne, delle minoranze, degli ebrei e dei gay rispetto al 2016. I repubblicani hanno vinto 28 dei 29 seggi alla Camera più competitivi (e probabilmente di più con l’arrivo dei risultati), hanno preso il controllo altre tre legislature statali e probabilmente mantennero il controllo del Senato.

La domanda a questo punto è come mai Trump e il GOP hanno svolto un lavoro eccezionale in questo momento storico e hanno perso la presidenza?

Il sondaggista più accurato del 2016, Rasmussen Reports, ha registrato Trump in rialzo di quattro punti nell’ultimo sondaggio prima delle elezioni di quest’anno. È al di fuori del margine di errore. Il GOP ha mantenuto il controllo della legislatura, il rappresentante David Schweikert ha vinto la rielezione in una gara ravvicinata e il GOP sembra  vincere entrambe le gare del procuratore della contea di Maricopa e del registratore. Non ci sono segnali significativi che i Democratici abbiano fatto bene qui.

E la sensazione è che non è per niente finita.

La battaglia legale può andare avanti fino all’8 dicembre. Quindi, il collegio elettorale voterà il 14 dicembre. La Camera conterà i voti il 6 gennaio.

Se il Senato controllato dai repubblicani contesta gli elettori di uno stato, ciò potrebbe dare il voto alla Camera, dove ogni delegazione statale otterrebbe un voto per il presidente. Poiché i repubblicani hanno la maggioranza nelle delegazioni statali, potrebbero prevalere.

La presidente della Camera Nancy Pelosi potrebbe obiettare, ma alla fine spetta alla Corte Suprema decidere.

I conservatori si sono lamentati per anni di frode elettorale, di solito in razze minori dove nessuno veniva punito, quindi sono stati etichettati come teorici della cospirazione.

Ma ora è diventato il mainstream il grande accusatore del complotto della frode elettorale.

Ora, la più grande corsa nel paese, che coinvolge il più potente repubblica del mondo, è stata distrutta dalla frode elettorale.

I repubblicani continueranno a sfidare alcuni dei crimini più gravi nella storia del nostro paese, che stanno distruggendo le fondamenta degli USA, o soccomberanno alle pressioni del MSM e dei suoi compagni nel Partito Democratico?

La gente va in prigione per frode elettorale e ci rimane perché c’è la certezza del diritto e la certezza della pena.

Oggi il MSM non si è comportato in maniera democratica.

Qui non si tratta di sapere se non ti piace Trump, come il MSM ha indotto tutti in questi ultimi quattro anni a pensare.

Nessuno Stato avrà mai un presidente perfetto.

Oggi si tratta semplicemente di capire se gli Stati Uniti hanno o meno un sussulto di coscienza. In altre parole se amano ancora la libertà, la democrazia e la verità.

Exit mobile version