Agenparl

USA, IL TRUMPISMO E LA FINE DEL GIORNALISMO AMERICANO. MOLTI CREDONO  CHE STA ARRIVANDO IL MIRACOLO

USA, IL TRUMPISMO E LA FINE DEL GIORNALISMO AMERICANO. MOLTI CREDONO  CHE STA ARRIVANDO IL MIRACOLO

(AGENPARL) – Roma, 08 novembre 2020 – Mentre i media mainstream incoronano e strombazzano ai quattro venti Joseph R. Biden come presidente eletto degli Stati Uniti, nonostante il fatto che i voti in alcuni Stati degli USA non sono stati contati, nonostante siano state presentate diverse denunce giudiziarie, e nonostante il sottile margine tra i due contendenti in alcuni stati il che presume il riconteggio delle schede,  Donald J. Trump – vinca, perda o pareggiasse – passerà alla storia per questa elezione per il suo impatto, rivelando il triste fatto che quello che una volta chiamavamo “giornalismo” non esiste più.

Naturalmente, i risultati del presidente Trump passeranno alla storia, tra cui la realizzazione della crescita economica più solida degli ultimi decenni, il trasferimento dell’ambasciata degli Stati Uniti in Israele a Gerusalemme (cosa promessa poi ignorata da almeno quattro presidenti precedenti), il finanziamento di college storicamente neri, la creazione del tassi di disoccupazione più bassi per ispanici, asiatici, afroamericani e donne nella storia moderna e la ricostruzione delle forze armate americane per citarne solo alcuni.

Ma tirare indietro il sipario sull’industria delle “fake news” in America potrebbe essere il suo contributo più duraturo nella ricerca di Make America Great Again. All’improvviso, milioni di americani, molti per la prima volta, hanno aperto gli occhi sulla vergognosa e continua distorsione della verità da parte di presunti “giornalisti”.

Joe Biden – un bugiardo congenito su argomenti che vanno dal negare i suoi piani spesso dichiarati di porre fine al fracking al fingere di non essere a favore di sciocchezze ultra-radicali come il “Green New Deal” del radicale Alexandria Ocasio Cortez (AOC) AOC – è descritto dai media come ” il bravo ragazzo da manuale. ” Le sue gaffe e l’evidente declino cognitivo all’età di 78 anni sono state convenientemente sorvolate dai promotori della sua campagna presso l’AP, la CNN, la MSNBC e altre organizzazioni di “notizie”.

Kamala Harris, l’unico membro più radicale del Senato degli Stati Uniti in base a qualsiasi misura comunemente accettata, incluso il suo tacito sostegno ai saccheggiatori e rivoltosi violenti.

Hack partigiani come Chuck Todd (“direttore politico” di NBC News … danno il via alla risata) e George Stephanopoulos (un tempo aiutante della Casa Bianca per l’impeachment e rapace interno di Bill Clinton ed ora anchorman ” per ABC News).

I presunti repubblicani, tra cui l’ex presidente della RNC Michael Steele e l’ex esponente della Casa Bianca di Bush, Nicolle Wallace, hanno passato gli ultimi quattro anni a pugnalare alle spalle Donald Trump di MSNBC, promuovendo ogni falsa narrativa dall’ormai screditata “collusione russa” fino all ‘”impeachment” basandosi su una truffa basata su una telefonata al presidente dell’Ucraina che le reti gridavano ha “messo in pericolo la nostra sicurezza nazionale”.

Ma la sindrome del Trump ‘squilibrato’ – il loro odio viscerale nei confronti del 45 ° presidente per aver ridicolizzato tutti questi personaggi  sconfiggendo la loro unta dall’alto Hillary Clinton nel 2016 e umiliando i loro amici nell’ormai screditato “business dei sondaggi” – ha trasformato scrittori ed emittenti altrimenti banali, in pazzi deliranti per i quali denigrare Donald Trump era in definitiva più importante che dire la verità. E organizzazioni un tempo rispettate come l’Associated Press gettano un occhio su dipendenti come Jonathan Lemire, corrispondente della Casa Bianca di AP. Ha iniziato ogni giorno con il programma Morning Joe di MSNBC, comicamente prevenuto , che offre commenti sprezzanti e obliqui che mettono in ridicolo il presidente Trump prima di andare alla Casa Bianca per fingere di “coprire le notizie” per i clienti AP.

Si possono radunare i “soliti sospetti” tra cui Jim Acosta, Katie Tur, Brian “Mr. Plagio “Williams e il già citato Jonathan Lemire … e si può dire con certezza che nessuno di loro ha pronunciato una sola parola sul”  stanziamento sociale’  “sabato mentre migliaia di giornalisti e democratici si riversavano nelle strade spalla a spalla, con e senza maschera, a gesticolare selvaggiamente dopo che le reti televisive hanno dichiarato Joe Biden il 46 ° presidente degli USA.

Questa saga non è ancora finita. I conteggi finali dei voti non vengono completati. Le sfide giudiziarie e le battaglie legali non sono ancora esaurite. E milioni di persone di fede stanno ancora pregando all’unisono che non sia finita … nonostante le nostre reti televisive si affrettino a giudicare e allo stesso tempo ignorino le votazioni forzate e altri atti illegali da parte di funzionari elettorali nelle città controllate dai Democratici.

Big Tech deve essere completamente frenato ora. I giganti della tecnologia di marca sono colpevoli di sostenere i democratici con l’interferenza elettorale in natura. Questo è un crimine federale e gli alti ufficiali di Google, Twitter, Facebook, ecc. Devono essere incriminati.

Ampie prove dimostrano che hanno bloccato individui GOP, manipolato risultati di ricerca, account sospesi temporaneamente o permanentemente e molto altro ancora. Si sono guadagnati il ​​diritto di essere privati ​​del loro status speciale di “Sezione 230”, concesso principalmente ai servizi di pubblica utilità e non alle società di tecnologia Internet private e altamente prevenute. Senza dubbio, Facebook e Twitter ora agiscono come editori e in nessun modo possono rivendicare lo status di pubblica utilità.

Il motivo per cui Google non è stato suddiviso anni fa in almeno 4-6 società è ancora un mistero. L’azienda ha letteralmente storto milioni di risultati di ricerca almeno negli ultimi dieci anni. Inoltre, il loro intento generale, come documentato da Veritas e altri investigatori, è stato quello di rovesciare il presidente Trump e di insediare il leader della Biden Crime Family.

John Durham, per qualsiasi motivo, non aveva nulla da riferire anche all’inizio di ottobre. Bene, ha avuto un altro mese intero. La criminalità a sinistra, che risale a un minimo di quattro anni, è andata oltre il limite. È ora di insistere affinché Durham rilasci alcune o la maggior parte delle sue scoperte, formuli accuse e faccia in modo che i colpevoli siano puniti. Chiaramente, se i Democratici prevarranno nel conteggio elettorale del 2020, taglieranno le indagini di Durhams in nanosecondi.

Christopher Wray deve essere licenziato, anche se il suo sostituto sarebbe stato sostituito a gennaio. Wray è al di là di una vergogna per gli Stati Uniti, figuriamoci per l’FBI, il Dipartimento di Giustizia e le forze dell’ordine. La sua inerzia riflessiva potrebbe suggerire che è stato compromesso al punto da renderlo inutile. Protegge una classe speciale e apparentemente non ha alcun interesse per lo Stato di diritto. Peggio ancora, è un insincero.

Anche la prima regista donna della CIA, Gina Haspel, deve essere licenziata. Sa dove sono sepolti tutti i ‘corpi’ ed è troppo protettiva nei confronti dell’Agenzia. Ha deliberatamente percorso documenti cruciali che rivelano il complotto pervasivo per rovesciare il presidente Trump. Non ci possono essere scuse per il mancato rispetto a lungo termine della CIA, in particolare sulla scia delle richieste del Congresso e della Libertà di informazione. Haspel deve essere sostituita da qualcuno che si dedichi a guidare l’agenzia in conformità con il giuramento fatto

Molto è stato scritto sul bravo ragazzo Bill Barr. Tuttavia, è stato più che lento a prendere le misure necessarie. Prove pervasive di atti illeciti, scoperti da Judicial Watch e Project Veritas – gruppi che si concentrano sulla conservazione della repubblica – hanno offerto a Barr un tesoro di punti di partenza per procedimenti giudiziari. Barr, tuttavia, non è riuscito ad agire su quasi tutti loro.

Molti americani credono, come me, che sta arrivando un miracolo.

Sabato tardi, siamo stati visitati da uno di questi eventi miracolosi: anche se donnole come Mitt Romney e Jeb Bush si pavoneggiavano con le telecamere per spingere Donald Trump a concedere, il presidente (!) Messico Andres Manuel Lopez Obrador si è rifiutato di congratularsi con Joe Biden per la sua potenziale vittoria nelle elezioni presidenziali. Lopez Obrador ha affermato con fermezza che ” aspetteremo fino a quando tutte le questioni legali non saranno state risolte “. Fare altrimenti, ha aggiunto, non sarebbe “prudente”.

Quando il presidente del Messico ha più integrità fattuale di Chuck Todd, riassume abbastanza bene quanto fosse corretto Donald J. Trump quando ha designato le nostre reti e le organizzazioni di stampa come Fake News. Le vostre preghiere per il libero flusso di informazioni veritiere nel futuro dell’America sono pertanto incoraggiate.

Exit mobile version