Agenparl

LIBIA, LA TREGUA FINIRA’ QUESTA SETTIMANA?

(AGENPARL) – Roma, 13 ottobre 2020 – La domanda che sta circolando insistentemente in questo periodo è se la fragile tregua petrolifera libica crollerà questa settimana?

La prospettiva del ritorno degli 1,2 milioni di barili al giorno (bpd) di petrolio greggio che la Libia stava producendo prima che l’ampio blocco delle sue infrastrutture energetiche la facesse precipitare a 100.000 bpd a gennaio è ancora molto lontana.

Secondo diversi analisti del petrolio, la produzione di petrolio della Libia potrebbe recuperare almeno 500.000 barili al giorno entro la fine di quest’anno e a più di 1 milione di barili al giorno, qualora fosse rimosso il blocco ordinato il 18 di settembre da Khalifa Haftar, comandante dell’Esercito nazionale libico (LNA).

Tuttavia, il giorno in cui è stato firmato l’accordo tra le forze di Haftar e il Governo di Accordo Nazionale (GNA) riconosciuto dall’ONU di Tripoli, Haftar ha chiarito che la revoca del blocco in vigore solo per un mese – cioè fino a il 18 di ottobre – venga legato ad un ulteriore accordo che delinea con precisione come i proventi del petrolio dovranno essere ripartiti.

In altre parole tutto dipenderà se l’accordo verrà siglato e quindi se la Libia produrrà più di 100.000 bpd o 1 milione di bpd nei prossimi mesi.

Una parte fondamentale dell’accordo firmato il 18 settembre tra le forze di Haftar e il vice primo ministro del GNA – Ahmed Maiteeq – era un accordo in linea di principio per esaminare la creazione di una commissione non solo per determinare come verranno distribuiti i proventi del petrolio in Libia, ma anche per fare il punto della situazione sulle misure volte a stabilizzare la pericolosa posizione finanziaria del paese.

Secondo i dati pubblicati il mese scorso dalla Libyan National Oil Corporation (NOC), il blocco dal 18 di gennaio, quando è iniziato fino al 18 di settembre, quando è stato sollevato è costato il paese almeno US $ 9.8 miliardi nel perso ricavi da idrocarburi.

Da sottolineare che la Libia è il detentore delle più grandi riserve accertate di petrolio greggio dell’Africa, di 48 miliardi di barili alla fine del 2014.

Prima del 2011, la Libia produceva circa 1,65 milioni di barili al giorno di petrolio greggio e leggero per lo più di alta qualità (in particolare il greggio da esportazione Es Sider e Sharara) su una linea di produzione in aumento, rispetto a circa 1,4 milioni di barili al giorno nel 2000, anche se ben al di sotto dei livelli massimi di oltre 3 milioni di barili al giorno raggiunti alla fine degli anni ’60.

Detto questo, i piani NOC – che erano in atto prima del 2011- avevano come obiettivo quello di implementare le tecniche avanzate di recupero del petrolio (EOR e di aumentare la produzione di petrolio greggio nei giacimenti petroliferi. Le previsioni del NOC di essere in grado di aumentare la capacità di circa 775.000 bpd attraverso l’EOR nei giacimenti petroliferi esistenti era ben fondato.

Non sorprende, quindi, che il bacino della Sirte sia stato al centro della guerra civile e della più ampia disputa sulla distribuzione delle entrate petrolifere.

Da un lato, quasi tutti i principali giacimenti petroliferi onshore nel bacino della Sirte sono detenuti dalle forze di Haftar e quindi sono effettivamente sotto l’amministrazione del parlamento di Tobruk.

Dall’altro lato, però, il governo della Libia sostenuto dalle Nazioni Unite – con sede a Tripoli – riceve tutte queste entrate, poiché di fatto controlla il NOC a tutti gli effetti e scopi legali.

L’accordo di settembre firmato da Haftar e Maiteeq che ha consentito una più piena ripresa delle esportazioni di greggio libico prevede la formazione di un comitato tecnico congiunto, che – secondo il comunicato ufficiale: «Supervisionare le entrate petrolifere e garantire l’equa distribuzione delle risorse… e controllare l’attuazione dei termini dell’accordo durante i prossimi tre mesi, a condizione che il suo lavoro venga valutato alla fine del 2020 e venga definito un piano per l’anno successivo».

«Al fine di affrontare il fatto che il GNA ha effettivamente influenza sul NOC e, per estensione, sulla Banca centrale della Libia (in cui le entrate sono detenute fisicamente), il comitato preparerà anche un bilancio unificato che soddisfi le esigenze di ciascuno parte … e la riconciliazione di qualsiasi controversia sugli stanziamenti di bilancio … e richiederà alla Banca centrale [a Tripoli] di coprire i pagamenti mensili o trimestrali approvati nel bilancio senza alcun ritardo e non appena il comitato tecnico misto richiederà il trasferimento a condizione che il suo lavoro venga valutato alla fine del 2020 e venga definito un piano per l’anno successivo».

Queste clausole suggeriscono che c’è il fondato timore di perdere il sostegno popolare nelle regioni sotto il suo controllo, e che molto probabilmente è stato una delle ragioni principali per cui Haftar ha acconsentito in primo luogo alla revoca del blocco.

I circa 10 miliardi di dollari di entrate perse dalle esportazioni di petrolio in meno di nove mesi per un paese che dipende per oltre il 90% da tali entrate sono una valida ragione che hanno ‘rinforzato’ le proteste nel periodo precedente la firma dell’accordo a Bengasi, una delle fortezze di Haftar.

Lo stesso modello di malcontento popolare si è manifestato anche in altre città nelle aree controllate dalla forza di Haftar nell’est della Libia, in particolare su questioni come interruzioni di corrente e carenza di benzina e soldi. Le proteste a Bengasi sono culminate in un incendio doloso al quartier generale del governo orientale della città, in un attacco a una stazione di polizia ad Al-Marj.

In realtà, Haftar indirettamente citato in queste proteste che precedono la firma dell’accordo del 18 settembre, quando ha dichiarato di aver «messo da parte tutte le considerazioni militari e politiche … [per affrontare il] … deterioramento delle condizioni di vita [ in Libia]». E’ chiaro che non solo Haftar trae vantaggio in termini di rafforzamento della sua reputazione dall’essere visto come una leader che mette al di sopra dei suoi interessi personali le questioni della Libia, ma anche lo stesso Maiteeq del GNA ha tratto beneficio.

Non solo perché Maiteeq è visto come il principale artefice dell’Accordo di settembre ed è anche il capo della commissione che sta studiando come garantire che il blocco non ritorni, ma soprattutto ha ottenuto entrambe queste cose quando l’attuale Primo Ministro del GNA, Fayez al-Sarraj, non è stato in grado di farlo.

Resta da vedere se queste motivazioni siano sufficienti per garantire l’estensione dell’accordo, sebbene tali motivazioni abbiano prodotto risultati così positivi in molte circostanze simili in altre parti del passato.

Queste doppie ambizioni personali potrebbero essere sufficienti per aggirare le difficoltà tecniche inerenti all’accordo, incluso il fatto che né il GNA nel suo insieme né la Banca Centrale della Libia hanno ancora pubblicamente e inequivocabilmente accettato l’accordo.

Secondo alcuni fonti di Washington la scorsa settimana, il NOC aveva lavorato su «accordi bancari alternativi per i proventi del petrolio che possono o non possono comportare l’input sulla dispersione finale di più giocatori» ma i dettagli di questo accordo devono ancora essere elaborati e dipendono da come l’attuale accordo di settembre sarà operativo.

Molto più propensi a far saltare l’attuale accordo sono al contrario le intenzioni geopolitiche degli attori stranieri che sostengono le due parti in conflitto.

Exit mobile version